Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Porte aperte o porte chiuse, in Prima, Seconda e Terza categoria e nelle giovanili arrivare alla fine non sarà affatto semplice

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall'altra sera sorge anche un altro problema di non semplice soluzione.

Nel Decreto governativo si dice chiaramente che sono sospesi fino al 3 Aprile tutti gli eventi di qualsiasi natura svolti in ogni luogo, sia pubblico che privato, che comportano affollamento di persone e dove non possono essere rispettate le distanze minime. In base a questo principio, già diverse Amministrazioni Comunali hanno provveduto alla chiusura degli impianti e pertanto, come dovrebbero fare le squadre per allenarsi ed eventualmente giocare a porte chiuse? Ma c'è di più, in un altro passaggio dello stesso Decreto si legge: “...le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano...”. In sostanza, ammesso e non concesso, che le Amministrazioni Comunali tengano aperti gli impianti per allenamenti e partite a porte chiuse, come farebbero le società a garantire i tesserati sui rischi di contrarre il virus? E se poi qualcuno venisse davvero contagiato chi ne dovrebbe rispondere?

Inoltre, sempre in caso di un malaugurato contagio, si andrebbe inevitabilmente all'immediata sospensione dei campionati, a quel punto senza più soluzioni. Facciamo un esempio per maggiore chiarezza, tirando in ballo per scaramanzia due squadre professionistiche che tutti conoscono. Domenica sera si giocherà Juventus – Inter a porte chiuse, a certi livelli è senz'altro la soluzione più giusta, ma facciamo una riflessione: lunedi dopo la gara, un giocatore della Juve e uno dell'Inter accusano dei sintomi e nel giro di pochi giorni si accerta che hanno contratto il COVID-19, che succede? Tutti vengono chiusi dentro casa, quarantena per i tesserati delle due squadre e per i loro accompagnatori e campionato di Serie A che chiude i battenti fino a data da destinarsi. Stiamo parlando di un torneo importante, ma con sole 20 società, cosa accadrebbe nei dilettanti dove ci sono circa 1 milione di calciatori tesserati? Riteniamo sia molto difficile trovare una soluzione e non invidiamo affatto chi nei prossimi giorni si troverà tra le mani questa patata bollente. Restiamo convinti che la salute degli individui sia il bene supremo, ma nello stesso momento non ce la sentiamo di condannare chi vorrebbe andare avanti e provare a portare a termine la stagione.

Ci diceva ieri il presidente del Chiesanuova Luciano Bonvecchi: “Non possiamo rinunciare a vivere per paura di morire!”. In base a questo principio e contando sulla collaborazione di tutti, forse si potrebbe provare nei campionati maggiori (Eccellenza e Promozione) a giocare a porte chiuse, sperando che non ci siano contagi, ma nel caso ciò accadesse e la situazione dovesse peggiorare, si potrebbe esaminare la proposta del presidente del Corridonia Sandro Procaccini: “Proviamo a giocare, se la situazione precipita, il campionato termina con la classifica attuale e, solo se ci fossero le condizioni, si potrebbe pensare al limite alla disputa di play off e play out”. Alla fine se proprio non si riuscisse a ripartire, chi di dovere, potrebbe anche decidere di annullare completamente la stagione e se ne riparlerebbe dopo l'estate. Al di la di tutto dobbiamo anche considerare un'altra eventualità: se i campi da gioco restano chiusi fino al 3 Aprile o comunque ci sono grosse difficoltà per allenarsi e fare delle partitelle, tra un mese come sarà possibile riprendere l'attività come se nulla fosse accaduto e portare a termine la stagione?
Nella foto: lo Stadio "Diana" di Osimo

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 06/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Interviene Gravina: si voterà a Gennaio per il presidente FIGC Marche

Rallenta la corsa per eleggere il nuovo presidente del Comitato Regionale della FIGC. Il probabile testa a testa tra il presidente uscente Paolo Cellini ed il suo vice Ivo Panichi slitta infatti all’inizio del prossimo anno. E’ di ieri la notizia della presa di posizione del presidente federale Gabriele Gravina sull’argomento: "In linea co...leggi
05/08/2020

Presidenza Figc Marche: per il Ministro Spadafora Cellini ineleggibile

Si profila un duello stellare per il ruolo di Presidente nel Comitato Regionale Marche della Figc alle prossime elezioni, che dovrebbero svolgersi nel prossimo autunno. Sembra ormai più che probabile un testa a testa tra il presidente uscente Paolo Cellini ed il suo vice Ivo Panichi, mentre non è esclusa la candidatura di qualche ...leggi
14/07/2020

Riguarda NOI DILETTANTI con Eleuteri, Poloni e Celani

E' andata in archivio la 6^ puntata di Noi Dilettanti. Appuntamento dedicato a tre squadre promosse in Prima Categoria. Ospiti: Claudio Eleuteri (allenatore dell'Elfa Tolentino, vincente girone F), Gianluca Poloni (presidente Montottone Grottese, vincente girone G), Tonino Celani&n...leggi
03/07/2020

RIFORMA. E se l’Eccellenza diventasse a 24? Ecco come sarebbe!

La riunione del Comitato Regionale di oggi di certo ufficializzerà promozioni e retrocessioni, lo sappiamo. Una ratifica di quanto il Consiglio Federale e la Lnd hanno stabilito. L’attenzione si deve poi spostare alla nuova stagione che indicativamente inizierà non prima della metà di ottobre. E qui nasce il problema principale. Se dalla Prom...leggi
29/06/2020

Riguarda "NOI DILETTANTI" con Lauro, Tittarelli e Marzetti

Guarda in replica la 4^ puntata di Noi Dilettanti. . Parleremo principalmente delle squadre vincitrici del campionato di Eccellenza e dei due gironi di Promozione che nella prossima stagione affronteranno la categoria superiore. Ospiti: l'allenatore del Castelfidardo Maurizio Lauro, il direttore tecnico della Biagio Nazzaro Daniele Tittar...leggi
26/06/2020

Riguarda "NOI DILETTANTI" con le regine della Prima Categoria

E' andata in archivio la terza puntata di "Noi Dilettanti" con le squadre vincitrici dei gironi di Prima Categoria. Ospiti il direttore generale della Fermignanese (girone A) Gabriele Di Lorenzi, il direttore sportivo dei Portuali Calcio Ancona (girone B) Giacomo Caimmi, il presidente del Castignano (girone D) Roberto Rossetti...leggi
24/06/2020

UFFICIALE. Si uniscono due società: nasce l'Asd Castel di Lama

CASTEL DI LAMA - "Se son rose fioriranno..." così recita un famoso proverbio e alla fine le rose sono fiorite!!! Lama United e Villa Sant'Antonio, dopo qualche approccio senza esito positivo, in questo inizio estate post Covid, hanno deciso di unire le forze per restituire a Castel di Lama una squadra in grado di rappresentarlo....leggi
20/06/2020

Cellini: "Eccellenza a 18 con girone unico. Via ai primi di ottobre"

“Non ci sono ancora date precise, ma la nostra volontà è quella di iniziare i campionati con un paio di settimane di ritardo rispetto agli anni passati e comunque non oltre i primi di ottobre”. Il presidente del Comitato Marche della Figc Paolo Cellini (foto) inizia a gettare le basi in vista della prossima stagione agonistica.Non c...leggi
04/07/2020

CONSIGLIO FEDERALE. Primo hurrà: il Matelica vola in Serie C!

Oggi è il giorno del Consiglio Federale nella sede della Figc a Roma: alle ore 12 dunque il via ad una tappa fondamentale per il futuro del calcio italiano ad ogni livello. Si attendono decisioni importanti in merito alla ripartenza dei professionisti (A, B e Lega Pro) mentre nei dilettanti l'attenzione è concentrata sui ver...leggi
08/06/2020

Cicchi e Di Fabio fanno volare il Castelnuovo Vomano in Serie D

Sarà il Consiglio Federale del 3 giugno a decretare il salto di categoria alla Serie D del Castelnuovo Vomano che stava dominando con 9 punti di vantaggio sul Lanciano il Campionato di Eccellenza in Abruzzo. Il Castelnuovo Vomano, pur essendo una matricola, grazie all'ottimo lavoro del Responsabile Tecnico Claudio Cicchi (foto a destra) d...leggi
27/05/2020

Compagnoni e le porte chiuse: "Per noi sarà come cantare senza musica"

Ripartenza sì o ripartenza no, ma soprattutto: che Serie A sarà senza pubblico sugli spalti? Maurizio Compagnoni (foto), 57 anni, sambenedettese doc, amico di Marcheingol.it e «voce» di Sky Sport, ne ha parlato alla Gazzetta dello Sport. Compagnoni, le partite a porte chiuse impoveriscono le telecronache?«A...leggi
21/05/2020

CESSIONE SAMB. Spunta il nome di Domenico Serafino!

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. La Sambenedettese è a un passo dalla vendita. Anzi, secondo alcuni beninformati, un acconto avrebbe già avviato il passaggio di consegne. A chi? Il nome che ha avuto più riscontri in queste ore è quello di Domenico Serafino, sul quale sono piovuto conferme da chi è molto vicino alla proprietà. ...leggi
14/05/2020

Vagnoni duro: "Promossa la prima in classifica? Non è giusto"

"Non approvo l'orientamento di promuovere la prima in classifica e lo avrei detto anche se non avessimo subito il sorpasso in vetta all'ultima giornata prima della sospensione. Con otto gare da disputare e distacchi minimi sarebbe ingiusto emettere verdetti". L'idea che il Consiglio Federale conceda il via libera alla promozione in C delle capolista dei nove gironi non piace a...leggi
14/05/2020

Ascoli Calcio, scatta la demolizione della mitica Curva Sud!

ASCOLI PICENO. A 46 anni dalla costruzione viene demolita la curva Sud dello stadio Del Duca. Le operazioni sono iniziate questa mattina. Sulla carta un ‘intervento urbanistico’ come un altro, tra l’altro di un luogo chiuso al pubblico ormai da anni, quindi teoricamente di scarso impatto sociale. Ma la realtà è diversa. Molto diversa. E’ fuori di du...leggi
11/05/2020

Campi neutri per la ripartenza in A, c'è anche il Riviera Delle Palme!

Tra le ipotesi sulla ripartenza della Serie A, resta ancora in piedi quella che riguarda la disputa delle restanti partite in campo neutro, nelle zone meno colpite dal Covid 19. Le gare, comunque vada, saranno a porte chiuse. Secondo quanto riportato da La Repubblica, sarebbe già stato stipulato un accordo con impianti di Serie B idonei ad ospitare una partita di Seri...leggi
08/05/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,14915 secondi