Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


Ascoli Calcio, scatta la demolizione della mitica Curva Sud!

Il sindaco Fioravanti: "Raccoglieremo i pezzi e vedremo come poterli distribuire"

ASCOLI PICENO. A 46 anni dalla costruzione viene demolita la curva Sud dello stadio Del Duca. Le operazioni sono iniziate questa mattina. Sulla carta un ‘intervento urbanistico’ come un altro, tra l’altro di un luogo chiuso al pubblico ormai da anni, quindi teoricamente di scarso impatto sociale. Ma la realtà è diversa. Molto diversa.

E’ fuori di dubbio, infatti, che per la città i gradoni dello stadio, della curva in particolare, hanno rappresentato più del campo. Sì, perché mentre i campioni sul rettangolo verde sono state alcune decine e tutti ‘forestieri’ (da Altafini a Boninsegna, da Maradona a Del Piero) le persone che per anni hanno vissuto emozioni sugli spalti sono state migliaia e migliaia. E quasi tutti, appunto, della città o della zona.
Provare per credere: almeno quattro ascolani su cinque, dai 20-25 anni in su, hanno come minimo un aneddoto legato allo stadio. Non al campo. Proprio alla cornice. A "quella volta che era così pieno che non sarebbe entrato nemmeno uno spillo", o "quella volta che c’erano talmente tanti fumogeni che riuscimmo a vedere il campo solo a metà primo tempo" o a "quella coreografia" o "quello striscione" e così via. Da adolescenti raccontare di essere andati in curva Sud senza genitori valeva tanto quanto farsi vedere con il motorino o con la fidanzatina: voleva dire essere diventati grandi. E poi i personaggi, alcuni mitologici, gli aneddoti, le bandiere, i gruppi. Anche gli episodi di violenza, certo. In ogni caso, nel bene e nel mare, storia cittadina con la ‘esse’ maiuscola.
Ha fatto bene il sindaco a pensare di raccogliere i frammenti di quel gigante di cemento, che oggi inizierà ad essere sbriciolato, per restituirli ai legittimi proprietari: gli ascolani. "Volevamo organizzare una manifestazione in occasione della demolizione della curva, ma a causa del virus abbiamo dovuto annullarla. Speriamo di recuperare appena sarà possibile. Raccoglieremo i pezzi della curva e vedremo come poterli distribuire ai tifosi. Abbiamo pensato a questo – ha concluso Fioravanti – per fare in modo che la curva, un pezzo di storia cittadina, resti sia nel cuore che, concretamente, nelle case dei tifosi bianconeri".

Le storie da raccontare sulla curva sono tante. Forse la più curiosa è quella che l’ha incoronata per sempre ‘casa dei tifosi dell’Ascoli’. Costantino Rozzi, infatti, avrebbe voluto che i supporter di casa andassero in curva Nord (più soleggiata) mentre nella Sud (più vicina alla stazione) si concentrassero soprattutto gli ospiti. Per abitudine, però, la maggior parte dei ragazzi dell’epoca guardava la partita dietro i pali della porta del lato sud, appunto, nel settore chiamato ‘prato’.
Dopo la costruzione della curva rialzata, nell’estate del 1974, tanti di quei giovani invece di spostarsi dall’altro lato, tra l’altro più soleggiato, preferirono restare lì, trovandosi quindi a contatto con le tifoserie ospiti. I settori separati non c’erano e in curva sud sedevano, meglio dire ‘si accalcavano’, ascolani e forestieri. Questo avvenne pacificamente fino al 1 dicembre 1974, quando la Sud fu invasa da almeno 2mila fiorentini. Bastò una parola di troppo, forse al gol di Desolati che decretò la vittoria dei toscani, e la curva si trasformò in un campo di battaglia. Alla fine si contarono una decina di feriti, tra tifosi locali e ospiti, ma gli ascolani avevano per la prima volta marcato il territorio che sarebbe diventato la loro casa. Da quello scontro nacque il Settembre Bianconero. Il resto è storia.
(Fonte: Il Resto del Carlino)

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 11/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Antonio Aloisi: "Battere il Covid è come vincere un derby"

Tra coloro che hanno purtroppo vissuto sulla propria pelle il dramma del Covid-19 c'è anche Antonio Aloisi, ex difensore dell'Ascoli e del Torino e oggi allenatore dell'Atletico Ascoli. Il tecnico è finito anche al pronto soccorso del Mazzoni e per un momento ha temuto anche di finire in rianimazione. Partiamo dall'inizio: come ha...leggi
24/11/2020

Fabio Poli: "Per ora niente campo, solo lavoro e calcio in tv"

Fabio Poli (foto) sente il Covid sulla propria pelle. L'allenatore del Castel di Lama, squadra di Prima categoria E, è il responsabile dell'ossigeno negli ospedali ascolani e quindi vive la pandemia in prima persona. E il calcio, viene dopo.  Poli, come sta trascorrendo le giornate calcisticamente parlando?...leggi
23/11/2020

Per Riccardo Orsolini ecco il secondo gol in maglia Azzurra

Riccardo Orsolini (foto) si toglie la soddisfazione del secondo gol con la maglia della Nazionale maggiore. Nella facile amichevole dell'Italia contro l'Estonia, vinta per 4-0, l'attaccante marchigiano (originario di Rotella) è subentrato al minuto 71, si procura e trasforma il calcio di rigore ...leggi
11/11/2020

Allo studio una nuova riforma: iscrizione all'Inps per i Dilettanti

Con il nuovo decreto legislativo attuativo, anche i calciatori Dilettanti saranno iscritti all’Inps. Una legge che era già in programma addirittura dal Governo Conte I, ma che dopo un incontro tra lo stesso premier e il ministro Spadafora è stato ulteriormente limato. Questo è quanto riportato dal portale ...leggi
09/11/2020


"Recanatese favorita, Tolentino outsider. Castelfidardo farà bene"

"Bisogna giocare, in qualsiasi modo”. Guido Di Fabio non ha dubbi. L’allenatore del Castelnuovo Vomano, che nelle Marche ha scritto pagine indelebili sia da giocatore che come tecnico, non vede di buon occhio uno stop al campionato di Serie D. “Secondo me è il caso di andare avanti, dipendesse da me continuerei a giocar...leggi
02/11/2020

ECCELLENZA. Stop dopo 5 giornate: il parere dei diretti interessati

Lo stop imposto all’attività sportiva dilettantistica dal Dpcm emanato ieri dal Governo, anche se atteso, ha finito per creare non pochi disagi alle società di Eccellenza che avevano già iniziato la stagione. Abbiamo voluto fare un punto della situazione, chiedendo ai diretti interessati se c’era la possibilità di andare ...leggi
26/10/2020

UFFICIALE. Promozione al via sabato. 1^ e 2^ categoria a metà novembre

La riunione odierna del Consiglio Direttivo della FIGC ha stabilito le linee guida per i campionati dilettantistici. Dopo il summit con il Governatore Acquaroli che aveva espresso la volontà di non bloccare per ora i campionati, in serata è arrivata la decisione da tutti attesa. - Andrà avanti regolarmente il campionato di Eccellenza. - ...leggi
22/10/2020

Comitato Regionale chiamato a decidere, ma sabato non si parte!

Scorrono veloci questi giorni di frenetica attività, sia sul fronte delle società, quanto su quello della FIGC Marche. Intanto si avvicina la data di avvio per i campionati, prevista per sabato 24 ottobre. In considerazione degli appuntamenti già programmati nei prossimi giorni, domani in FIGC a Roma e giovedi con il nuovo Governatore delle Marche Francesco...leggi
20/10/2020

Cellini: "Rinvio? Siamo pronti a parlarne!"

Sono giorni febbrili per il Comitato Regionale che sta lavorando in vista delle 3 assemblee convocate per discutere i problemi e le criticità emersi per l’inizio dei tornei di Promozione e di Prima e Seconda categoria. Ieri intanto si è espresso anche il nuovo presidente della Regione Francesco Acquaroli. Ne...leggi
15/10/2020

Carfagna: "Con le dovute precauzioni è giusto andare avanti"

Serie D ed Eccellenza sono già ripartiti. Entro la fine del mese è previsto l’inizio dei campionati di Promozione, Prima e Seconda categoria. Pandemia permettendo, il calcio a tutti i livelli ha cominciato a muovere i primi passi. Ma non tutti sono d’accordo. “E’ giusto fare quello ...leggi
15/10/2020

Futuro campionati: programmate 3 riunioni tra FIGC Marche e società

Il prossimo fine settimana potrebbe risultare decisivo per il futuro dei campionati al di sotto dell'Eccellenza. Il Comitato Regionale Marche ha programmato tre riunioni al fine di trovare una soluzione alle tante problematiche riguardanti l'applicazione del protocollo anti-covid e poter iniziare regolarmente i campionati il prossimo 24/25 ottobre. Venerdì 1...leggi
14/10/2020

Si parte il 24 ottobre ma non sono da escludere iniziative clamorose

Non è una serata come tutte le altre questa per i dirigenti delle società calcistiche marchigiane, inutile negarlo. Dopo alcuni giorni nei quali molti sodalizi, in accordo con i loro tesserati avevano deciso di sospendere gli allenamenti, nel tardo pomeriggio il Comitato Regionale ha comunicato i calendari dei campionati dalla Promozione a...leggi
09/10/2020

UFFICIALE. I calendari di Promozione, Prima e Seconda Categoria

Il Comunicato Regionale Marche ha comunicato che i campionati ripartiranno il 24 ed il 25 ottobre. Pubblicati quindi i calendari di Promozione, Prima e Seconda Categoria 2020-2021. PROMOZIONE - girone A1^ giornataFermignanese - CantianoGabicce Gradara - Portual...leggi
09/10/2020

Perugini: "Orgogliosi del legame tra l'Ascoli Calcio e il Comunanza"

COMUNANZA. Anche se il riconoscimento arriva in un momento delicato e per certi versi molto difficile, quando ci sono delle belle notizie da diffondere in questo martoriato mondo del calcio, lo facciamo sempre con estremo piacere. Vogliamo segnalare ai nostri lettori, l’accordo di collaborazione stipulato tra la US Comunanza e l’Ascoli Calcio, del q...leggi
07/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11273 secondi