Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


"E' l'occasione per ripulire il calcio da personaggi poco seri"

Il tecnico Stefano Senigagliesi tra presente e futuro

«Il calcio è in grave difficoltà e necessita di decisioni urgenti per superarle. Se non arrivano provvedimenti immediati si mettono a rischio realtà che hanno una valenza sociale importantissima. Bisogna creare un punto zero e dare subito certezze a società che hanno bisogno di tempo per riorganizzarsi».
Invoca prese di posizione forti da parte degli organi federali Stefano Senigagliesi (foto), convinto che non si possano procrastinare riforme e innovazioni per restituire vigore al movimento calcistico. Il 56enne timoniere osimano, reduce dall’avventura alla Sangiustese conclusa a gennaio dopo due stagioni di alto livello, al Corriere Adriatico esamina la situazione con lucidità.

Mister Senigagliesi, ritiene giusto che la serie C si fermi mentre A e B tentanodi ripartire?
«Non ho dati sufficienti per motivare la volontà dei presidenti della Lega Pro che chiedono la sospensione definitiva. Dico solo che come stanno rimettendosi in moto tutte le attività lavorative deve individuare una strada anche il calcio professionistico che ha una valenza economica fondamentale per il nostro paese».

Quando riprenderanno i dilettanti?
«Mi auguro a settembre perché significherebbe aver vinto la battaglia contro il Coronavirus. Per il calcio di base e per i settori giovanili è fondamentale riaccendere la luce al più presto, nella speranza che la crisi serva per incrementare serietà, professionalità e organizzazione dell’intero sistema. Potrebbe essere l’occasione giusta per ripulirlo da personaggi poco competenti e poco seri che troppo spesso hanno frequentato questo mondo negli ultimi anni».

Ritiene giusta la proposta di promuovere la prima e bloccare le retrocessioni?
«Partendo dal presupposto che qualsiasi verdetto verrà emesso scontenterà qualcuno, non approvo del tutto questo orientamento. Sarebbe meglio decretare sentenze solo in presenza di distacchi importanti, vedi il Monza che ha creato il baratro nel girone A di serie C, oppure concedere la promozione pure alle seconde classificate magari creando più gironi dalla D in giù e riportandoli al numero originario con maggiori retrocessioni nella stagione successiva».

Concorda con quanti sostengono che tante formazioni non riusciranno a iscriversi?
«L’eccessivo piagnisteo mi sembra uno specchietto per le allodole per quanti vogliono speculare sulla situazione attuale. Le società ripartiranno in base alle loro possibilità, magari ridotte, mentre scompariranno quelle che sono già alle prese con problemi gravi. A rimetterci in misura maggiore saranno allenatori e giocatori».

Quali formule andrebbero adottate per riscrivere i prossimi campionati?
«Come in C, sarebbe opportuno introdurre in D l’obbligo di presentare fideiussioni al momento dell’iscrizione per evitare il proliferare di club che non rispettano gli impegni assunti ammettendo solo quelli in possesso di basi solide e risorse all’altezza. La crisi potrebbe inoltre favorire fusioni intelligenti tra squadre dello stesso territorio. Faccio l’esempio di Osimo, dove vivo, nella quale l’esistenza di tante società determinano una dispersione economica rilevante».

Quanto pesa l’assenza di tutele trai dilettanti?
«Abbiamo scelto questo mestiere e non condivido i piagnistei eccessivi. Chi ama questo lavoro sa che possono esserci periodi critici, come avviene per qualsiasi altra attività: bisogna lottare con le unghie e con i denti aspettando che passi la bufera. Servono però aiuti forti del Governo alle società per consentire alle stesse di assistere i propri tesserati. Le varie componenti non devono marciare ognuna per conto proprio, ma essere solidali tra loro».

Cosa bolle in pentola nel suo futuro?
«Qualche contatto c’è stato, ma fino a quando non saranno delineate dall’alto le prospettive rimarremo tutti bloccati. Mi piacerebbe avviare un altro progetto esaltante dopo due anni e mezzo densi di emozioni e soddisfazioni con la Sangiustese, dove abbiamo lanciato giovani interessanti e ottenuto risultati incredibili con risorse limitate, come la qualificazione ai playoff dello scorso anno».

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 20/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




Ivo Panichi sbanca al primo turno: eletto presidente della FIGC Marche

Ivo Panichi (foto) vince al primo turno ed è il nuovo Presidente del Comitato FIGC delle Marche. Il dirigente ascolano ha raccolto 204 voti. Molto distanziati gli sfidanti: Angelo Camilletti si ferma a 113, il presidente uscente Paolo Cellini a 76. Una riflessione: la 'novità' rappresentata da Camilletti non...leggi
09/01/2021

Panichi: "Al fianco delle società condividendo le loro esigenze"

Mancano due settimane alla data fissata dalla Federazione per lo svolgimento delle Elezioni per il rinnovo delle cariche nel Comitato Regionale Marchigiano. Sarà una corsa a tre, che in questi giorni sta vivendo i suoi momenti cruciali, e vede al centro dell’interesse le varie società disseminate sul territorio regionale. Abbiamo voluto sentire il punto di v...leggi
24/12/2020

Bucosse: "Esordio alla Juve difficile da spiegare. Sogno l'Azzurro"

Dal percorso iniziato dai dilettanti, fino all'esordio con la Juventus Under 23. Il portiere 18enne marchigiano Matteo Bucosse (foto) si è raccontato ai microfoni dell'ufficio stampa bianconero tra presente, emozione e sogni. "Difficile spiegare a parole quello che ho provato. Sicuramente è stata una bellissima esperienza e a fin...leggi
18/12/2020

Elezioni FIGC Marche. Ivo Panichi: la squadra, le idee, il programma

Arriva l’ufficialità della candidatura di Ivo Panichi (foto) alla carica di Presidente del Comitato Regionale Marche LND. In una lettera che di seguito pubblichiamo integralmente, il vice presidente uscente della Federazione ha esposto il suo pensiero, le sue idee, il suo programma ed i nomi delle persone che lo accompagneranno in questa s...leggi
17/12/2020

Un inverno coi fiocchi per la Goalkeeper School Roberto Mercuri

Due gli imperdibili appuntamenti invernali messi in cantiere dalla sempre super attiva Goalkeeper School Roberto Mercuri per le vacanze di Natale, sempre nel pieno rispetto di tutte le norme anti COVID vigenti.Dal 28 al 31 Dicembre, presso il campo sportivo comunale “Don Silvestro Contigiani” di Civitanova Marche vietato mancare al “Win...leggi
15/12/2020

Debutto in Serie A per il maceratese Omar Khailoti

Seconda convocazione e debutto in serie A per il maceratese Omar Khailoti, entrato al 63' di Inter - Bologna (3-1) al posto di Hickey. Khailoti, difensore classe 2001 di origini marocchine, è cresciuto nel settore giovanile della Junior Macerata, per poi passare alla Sangiustese. Dopo una stagione in D nel 2018 arriva il trasferimento al Bolo...leggi
05/12/2020

Dilettanti in crisi? Lucarelli ammette che i pro vivono sulla Luna

E’ certamente un’ovvietà ma siamo tutti ben consapevoli che il calcio dilettantistico è in crisi profonda. Il Covid-19 ha finito per dare il colpo di grazia ad un movimento già in grossa difficoltà, sia a livello economico che organizzativo. Da quasi un anno ormai la stragrande maggioranza delle squadre non affrontano...leggi
04/12/2020

"Rinunciamo ai rimborsi passati. Evitiamo guerre tra poveri"

Riprendiamo dal portale ufficiale del Tolentino, il comunicato dei calciatori cremisi in merito al protocollo sottoscritto da L.N.D. ed A.I.C., in base al quale ai calciatori sarebbe dovuta una mensilità relativa alla scorsa stagione. Il presidente sella società Marco Romagnoli (...leggi
15/11/2020


Da oggi i rimborsi per le Associazioni Sportive Dilettantistiche

In merito ai rimborsi per gli affitti, le utenze e le spese sostenute dalle società per contrastare il diffondersi del Covid-19, c’è stata ieri una importante comunicazione del Ministro Spadafora (foto). Il responsabile dello Sport ha confermato che oggi si aprono i termini per le richieste di rimborsi a fondo perduto per società e le ASD....leggi
10/11/2020

Allo studio una nuova riforma: iscrizione all'Inps per i Dilettanti

Con il nuovo decreto legislativo attuativo, anche i calciatori Dilettanti saranno iscritti all’Inps. Una legge che era già in programma addirittura dal Governo Conte I, ma che dopo un incontro tra lo stesso premier e il ministro Spadafora è stato ulteriormente limato. Questo è quanto riportato dal portale ...leggi
09/11/2020

Primi screzi fra Maceratese e Matelica, galeotto fu uno striscione

Cominciano ad affiorare i primi problemi di convivenza all’Helvia Recina, stadio storico della Maceratese (di proprietà del Comune) che da quest’anno ospita anche le partire casalinghe del Matelica. Galeotto fu lo striscione modificato dal custode dell’impianto, Franco Carciofi, che in assenza delle partite della Maceratese (il campionato di Promozione ...leggi
08/11/2020

Paolo Tortelli e Claudio Labriola: "Prima la salute, poi il calcio"

Montegiorgio-Tolentino del 10 dicembre 2019. Dopo 15 minuti di gioco violento scontro tra Paolo Tortelli (foto a sinistra), centrocampista classe 1995 del Tolentino con un giocatore rossoblù e grandissima preoccupazione tra la famiglia (presente allo stadio), la fidanzata Sara, tutti i compagni di squadra, avversari e i tanti amici e i...leggi
03/11/2020



Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,13881 secondi