Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


Dopo 32 stagioni e oltre 850 presenze Sorichetti lascia la porta!

L'estremo difensore della Settempeda, recordman di longevità calcistica, ha deciso di smettere. Si dedicherà alla preparazione dei giovani portieri

SAN SEVERINO MARCHE. Il suo personale “almanacco” è ricco e per certi versi unico. 32 stagioni, oltre 850 presenze, 5 campionati vinti, 2 promozioni, vari spareggi disputati. Le squadre nelle quali ha giocato sono Tolentino (esordio da diciassettenne contro il Penne in Serie D nell’86/87), Pollenza (per 13 anni), Matelica, Elfa Tolentino, Lorese, Colmurano, Serralta e Settempeda (ultima avventura).

E’ la storia calcistica di Roberto Sorichetti (foto) classe ‘59 uno dei maggiori protagonisti del calcio dilettantistico marchigiano, un numero uno conosciuto, stimato e apprezzato. Roberto è anche uno dei più longevi, essendo rimasto attore protagonista sul campo fino a pochi mesi fa all’età di 51 anni. Sorichetti in queste settimane ha preso la fatidica decisione: niente più calcio giocato e guantoni appesi al classico chiodo. Lo attende ora una nuova esperienza: preparatore dei portieri. Dopo aver pensato più volte negli ultimi anni di smettere, Sorichetti si è convinto a fare questa scelta:
“Sono stato vicino a fermarmi diverse volte e il giorno dopo lo spareggio di Osimo contro il Rapagnano, complice la delusione per la sconfitta, sembrava essere il momento. All’improvviso però mi è scattato dentro qualcosa che mi ha detto di non mollare e che non era ancora tempo. In effetti non sarebbe stato piacevole finire con un ko e così sono rimasto alla Settempeda per dare una mano al gruppo e alla società, e per cercare un pronto riscatto. Devo dire che la decisione è stata giustissima, perché è arrivata la vittoria nel torneo successivo e così ho deciso di fare pure l’anno in Prima Categoria per aiutare il gruppo con la mia esperienza”.
Probabilmente chiudere così è stato il massimo, la classica ciliegina sulla torta.
“In effetti è così. Mi sento sereno e tranquillo. Sto bene e lascio integro e avrei potuto giocare ancora. Non ho rimpianti e sono contento per quanto fatto e penso che oggi sia il momento giusto per chiudere la carriera. Farlo da vincente, o quantomeno positivamente, è l’ideale e in effetti è accaduto questo. Ringrazio compagni e società per avermelo permesso e ora riparto con un’altra storia che confido possa essere altrettanto lunga e bella”.

Un’avventura lunghissima chiusa a 51 anni.
“Mi ha aiutato il fisico e il fatto di non aver mai avuto infortuni seri. Quanto tempo fra i pali, incredibile! Non mi sembra vero che sia trascorso tutto questo tempo! Se penso a quando ho iniziato e alla strada fatta….. Mi fa un certo effetto tutto ciò, sicuramente mi emoziona. Non ho rimpianti ed è stato tutto bellissimo. Una carriera lunghissima che mi ha permesso di conoscere campionati diversi e tante generazioni di calciatori con cui ho dovuto rapportarmi. Devo ammettere che l’unica difficoltà potrei dire che sia stata proprio quella di vivere nello spogliatoio con ragazzi tanto più giovani, ma anche questo è stato interessante e mi ha giovato perché è stata una esperienza in più”.
Immaginiamo che avrai da raccontarne di cose in 32 stagioni di calcio. 
“Le storie e gli aneddoti che ho vissuto sono tantissimi, alcuni dei quali particolari e divertenti. Mi sento di parlare però delle tantissime persone e compagni che ho incontrato e apprezzato in tutti questi anni nell’ambiente del calcio. Io non ho mai avuto problemi con nessuno, né dentro né fuori dal campo, quindi le esperienze sono state tutte positive e chi ho conosciuto resterà per sempre nel mio cuore”.

Vorresti citare qualcuno in particolare?
“Non vorrei fare torto a nessuno ed è difficile fare dei nomi, ce ne sono davvero a centinaia. Allora scelgo quelli che sento più vicini e cito Tombolini e Crocetti, amici fraterni con i quali ho giocato per più tempo, mentre fra gli allenatori mi piace menzionare Andreani, Bacci e Viviani, anche se molti altri sono stati per me fondamentali”.
Passiamo alle squadre con cui hai giocato, quali sono rimaste più impresse dentro di te?
”Il Tolentino, perché è la squadra della mia città e lì ho iniziato nelle giovanili diventando un portiere. Come dimenticare il debutto in cremisi in quel di Penne ad appena 17 anni….Inoltre posso dire di essere stato profeta in patria, dato che in pochissimi sono riusciti a giocare titolari nel Tolentino da tolentinati doc. Il Pollenza, poi, dove sono stato ben 13 anni e dove ho ottenuto risultati incredibili, crescendo come persona e come giocatore. Poi c’è San Severino, che mi ha ospitato per 8 anni, e le sue due squadre: il Serralta che rappresenta tanto per me e la Settempeda dove ho terminato l’attività con un successo”.
Al mondo del calcio non potevi dire addio completamente, infatti farai il preparatore nel club biancorosso.
“Altra avventura che inizierà al più presto, almeno si spera di poter partire con gli allenamenti. Lavorerò al fianco dell’amico Stefano Tombolini nel settore giovanile della Settempeda dove mi occuperò di seguire i portieri, cosa che farò anche per la prima squadra”.
(Roberto Pellegrino)

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 24/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Giandomenico: "Siamo in corsa playoff e ce la giocheremo!"

Il pareggio a reti bianche maturato sul campo della Sangiustese, non ha frenato l’entusiasmo del Valdichienti Ponte e di mister Luigi Giandomenico (foto). Lo stesso tecnico maceratese ha infatti analizzato, dopo quattro giornate disputate, l’avvio in campionato della sua squadra proiettandosi già alla prossima sfida con il Grottammare che pot...leggi
05/05/2021

Il Matelica, Bortolussi, Melchiorri: la Serie C parla maceratese

Mentre nel girone A abbiamo ricordato l'impresa del Como guidato dal bomber jesino Alessandro Gabrielloni, il girone B della Serie C ha registrato tanti altri orgogli per la regione Marche, in particolare per la provincia di Macerata. La stagione ha ricordato il debutto del ...leggi
03/05/2021

Papi: "Torneo tutto da interpretare ma la Sangiustese vuole far bene"

MONTE SAN GIUSTO. Una sola squadra in vetta alla classifica del girone B dell’Eccellenza dopo le prime tre giornate: la Sangiustese. Reduce da un prezioso successo sul difficile campo dell’Atletico Azzurra Colli, abbiamo avuto il piacere di ascoltare le opinioni di un profondo conoscitore del calcio come il direttore sportivo rossob...leggi
29/04/2021

Mastronunzio: "A 41 anni penso prima alla squadra che ai miei gol"

Anche in questa Eccellenza segnata dal Covid brilla la stella di Salvatore Mastronunzio, 41 anni, mattatore del Montefano (suo il gol del pareggio nella sfida contro l'Atletico Gallo)."Il mio obiettivo e quello della squadra è provare fino alla fine ad arrivare tra le prime due - sottolinea al Corriere Adriatico -. Sarebbe fantastico raggi...leggi
28/04/2021

SERIE D, Ruggeri: "Campionato stressante. E non andava fermato!"

Lo stop del campionato di Serie D non è stato preso bene dagli addetti ai lavori. Tra questi, è il capitano del Tolentino Federico Ruggeri (foto) che a Il Resto del Carlino dice la sua: "E' un campionato stressante perché fino al giorno prima della gara ci sono molte variabili da considerare che sempre più...leggi
27/04/2021


LO SPECIALISTA. Palmieri, il cecchino del dischetto: il suo segreto...

Due gol (entrambi su rigore), 6 punti, Valdichienti a punteggio pieno nel girone B di Eccellenza. Federico Palmieri, attaccante classe 1995, sa come si fa. Un segreto nel battere di rigori? "Al momento della rincorsa sa già dove calciarlo - racconta al Corriere Adriatico - guardo il portiere fino all'ultimo e poi decido se proseguire per la mia ...leggi
21/04/2021

Luciano Bonvecchi: "La mia vittoria più bella: LA VITA!"

CHIESANUOVA. In questa giornata di Pasqua tanto diversa da quelle che abbiamo vissuto in passato, vogliamo dedicare un pensiero a tutte quelle persone che stanno lottando la loro battaglia contro una malattia subdola e terribile come il Covid-19. Una malattia che purtroppo continua ad imperversare ed a fare vittime, i suoi effetti hanno sconvolto anche il mondo dello sport che sta attraversando...leggi
04/04/2021

Lorenzo Tizi, 100 presenze con il Tolentino: "La mia casa, orgoglioso"

Giovedì 1 aprile 2021, minuto 37 della ripresa, partita Tolentino-Aprilia finita 2-2, mister Mosconi getta nella mischia il tolentinate doc Lorenzo Tizi, classe 1999. Con questo gettone arriva a 100 presenze con la maglia del Tolentino, noi siamo andati a sentire proprio dal diretto interessato le proprie emozioni. Lorenzo, quando il...leggi
02/04/2021


Il 5 Marzo decisione definitiva sul campionato di Eccellenza

Nella giornata di oggi durante la trasmissione "Campioni del Mondo" in onda su Radio2, il presidente della FIGC Gabriele Gravina (foto) ha rilasciato delle importanti dichiarazioni in merito alla ripresa dei campionati di Eccellenza. Queste le sue parole: "La situazione dei dilettanti mi preoccupa tantissimo e non a caso nel prossimo Consiglio Federale ...leggi
27/02/2021

MERCATO. Bomba alla Recanatese: Manuel Pera se ne va!

Mancano pochi giorni alla fine del mercato (salvo proroga nel caso di ripartenza dell’Eccellenza), ma i club di Serie D sembrano voler provare a sfruttare quest’ultimo periodo per sferrare ancora qualche colpo. L’ultima indiscrezione riguarda un possibile asse tra Castelnuovo e Recanatese per il bomberissimo M...leggi
23/02/2021

Promozione e Prima categoria: non sembra esserci la volontà di partire

Si è svolta questo pomeriggio, mediante collegamento sulla piattaforma Cisco Webex, la riunione programmata tra i rappresentanti del Comitato Regionale e le società di Promozione e Prima categoria. Da quanto è emerso dalla discussione sembrerebbero ridotte al lumicino le possibilità di riprendere l’attività agonistica in...leggi
11/02/2021

Attesi i pareri di CONI e FIGC prima di dare il via all'Eccellenza

Dalla riunione svolta ieri (mercoledì 10 febbraio) in videoconferenza tra la Figc Marche, rappresentata dal numero uno Ivo Panichi (foto), e i club dell’Eccellenza regionale è emersa sostanzialmente la voglia da parte di tutti di farsi trovare pronti. Nell’ottica della ripartenza su cui la Lega Naziona...leggi
11/02/2021

Riunione Comitato - Società di Eccellenza: ripartenza più vicina

Filtra ottimismo su una eventuale ripartenza del campionato di Eccellenza. Dalla riunione in corso tra il presidente del Comitato Marche Ivo Panichi e le società del massimo torneo regionale, trapela la volontà di proseguire la stagione. Secondo quanto esposto da Panichi, il campionato di Eccellenza acquisterebbe valenza nazion...leggi
11/02/2021


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,14489 secondi