Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


Sacconi (Porto Potenza): "Situazione delicata: intervenga Acquaroli"

Il presidente rossonero chiede l'intervento del neo eletto Governatore regionale, al fine di scongiurare ulteriori problemi nel sistema calcio

PORTO POTENZA PICENA. Riceviamo e pubblichiamo integralmente una interessante riflessione, in merito all’interpretazione del protocollo anti-Covid, che ci ha inviato Fabio Sacconi, presidente del Porto Potenza (Seconda categoria). 

"In questi giorni si sono fatte, da parte di molte società, riflessioni riguardo a proseguire la propria attività oppure no. Si sono aperti due fronti: quello di chi dice rispetto l'attuale protocollo e vado avanti in attesa che la FIGC decida, e chi dice mi fermo perché ci sono rischi per i nostri atleti troppo elevati.
Il punto cruciale a mio avviso non è tanto il rispetto del protocollo, dal punto di vista di mettere in atto tutte le procedure preventive volte a contrastare il covid 19. Tutte le società sanificano, misurano temperatura, hanno percorsi diversi di entrata e uscita, hanno il registro presenze, hanno l'autocertificazione valida per 14 giorni, ecc...
Tutti i presidenti si sono adoperati a porre in essere il protocollo per la salvaguardia dei propri atleti e tesserati, assumendo su di loro tutte le responsabilità e questo deve essere riconosciuto dalla Federazione.
Da presidente credo però che il punto cruciale sia un altro e cioè quello della messa in quarantena, nel caso in cui risultasse positivo un proprio tesseramento.
La Regione Marche è relativamente piccola e quindi credo che la prima cosa da fare sia quella di unificare e uniformare (attraverso una comunicazione ufficiale degli organi competenti) come la società dovrà contenersi nel caso di un giocatore positivo.
In tutta la Regione la modalità deve essere la stessa, perché da quello che emerge in questi giorni, sembra che ci siano realtà che trattano gli stessi casi in maniera diversa e questo non solo genera confusione, ma comporterebbe anche una sorta di "falsificazione" dei campionati.
La paura, a mio avviso legittima, degli atleti e dei loro allenatori, oltre a quella del contagio (che potrebbe avvenire in qualsiasi luogo che sia chiaro) è quella della messa in quarantena.
Molti atleti di squadre di Prima, Seconda e Terza categoria sono formate da giovani che lavorano e studiano. Se ogni volta che giocano si presentasse la situazione di essere stato a contatto con un positivo e dovessero fare una quarantena di 14 giorni a prescindere, significa che molti di loro resterebbero a casa per decine e decine di giorni, mettendo a repentaglio il loro posto di lavoro o il loro percorso di studi. Se invece, una volta entrati in contatto con un atleta positivo, ci fosse la possibilità di far effettuare i tamponi agli altri giocatori e in caso di negatività ognuno può far ritorno a lavoro o a scuola, continuando anche gli allenamenti, allora le cose cambiano e molti preoccupazioni verrebbero meno e credo ci sarebbe anche una maggior serenità da parte degli atleti.
Quindi auspico che qualcuno, anche il nuovo governatore neo eletto (visto che non sono stati nominati ancora gli assessori competenti) Francesco Acquaroli (foto), possa convocare quanto prima tutti gli organismi preposti e sciogliere questo nodo al più presto. Anche perché il valore sociale, oltre agli interessi economici, del calcio dilettantistico nella nostra regione risulta essere fondamentale come agenzia educativa per i nostri ragazzi. Siccome la priorità è la salute dei nostri atleti e delle loro famiglie, il rispetto verso le proprie comunità di appartenenza, se non ci sono le condizioni per tutelare questi aspetti...credo che il miglior esempio da dare sia quello di far iniziare i campionati in momenti migliori di quello attuale".
ASD CALCIO PORTO POTENZA
Il Presidente
Fabio Sacconi

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 09/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



"Rinunciamo ai rimborsi passati. Evitiamo guerre tra poveri"

Riprendiamo dal portale ufficiale del Tolentino, il comunicato dei calciatori cremisi in merito al protocollo sottoscritto da L.N.D. ed A.I.C., in base al quale ai calciatori sarebbe dovuta una mensilità relativa alla scorsa stagione. Il presidente sella società Marco Romagnoli (...leggi
15/11/2020


Da oggi i rimborsi per le Associazioni Sportive Dilettantistiche

In merito ai rimborsi per gli affitti, le utenze e le spese sostenute dalle società per contrastare il diffondersi del Covid-19, c’è stata ieri una importante comunicazione del Ministro Spadafora (foto). Il responsabile dello Sport ha confermato che oggi si aprono i termini per le richieste di rimborsi a fondo perduto per società e le ASD....leggi
10/11/2020

Allo studio una nuova riforma: iscrizione all'Inps per i Dilettanti

Con il nuovo decreto legislativo attuativo, anche i calciatori Dilettanti saranno iscritti all’Inps. Una legge che era già in programma addirittura dal Governo Conte I, ma che dopo un incontro tra lo stesso premier e il ministro Spadafora è stato ulteriormente limato. Questo è quanto riportato dal portale ...leggi
09/11/2020

Primi screzi fra Maceratese e Matelica, galeotto fu uno striscione

Cominciano ad affiorare i primi problemi di convivenza all’Helvia Recina, stadio storico della Maceratese (di proprietà del Comune) che da quest’anno ospita anche le partire casalinghe del Matelica. Galeotto fu lo striscione modificato dal custode dell’impianto, Franco Carciofi, che in assenza delle partite della Maceratese (il campionato di Promozione ...leggi
08/11/2020

Paolo Tortelli e Claudio Labriola: "Prima la salute, poi il calcio"

Montegiorgio-Tolentino del 10 dicembre 2019. Dopo 15 minuti di gioco violento scontro tra Paolo Tortelli (foto a sinistra), centrocampista classe 1995 del Tolentino con un giocatore rossoblù e grandissima preoccupazione tra la famiglia (presente allo stadio), la fidanzata Sara, tutti i compagni di squadra, avversari e i tanti amici e i...leggi
03/11/2020


Ma a livello nazionale chi gestisce il calcio dilettantistico?

Ed allora tutti a casa, se fossimo ancora in estate potremmo dire tutti al mare, parafrasando un celebre motivetto di qualche anno fa. La circolare diffusa ieri dal Gabinetto del Ministro dell'Interno, in chiaro contrasto con quanto era stato detto l'altro giorno dal Dipartimento dello Sport, toglie ogni dubbio sul possibile svolgimento degli allenamenti, anche...leggi
28/10/2020

ECCELLENZA. Stop dopo 5 giornate: il parere dei diretti interessati

Lo stop imposto all’attività sportiva dilettantistica dal Dpcm emanato ieri dal Governo, anche se atteso, ha finito per creare non pochi disagi alle società di Eccellenza che avevano già iniziato la stagione. Abbiamo voluto fare un punto della situazione, chiedendo ai diretti interessati se c’era la possibilità di andare ...leggi
26/10/2020

UFFICIALE. Promozione al via sabato. 1^ e 2^ categoria a metà novembre

La riunione odierna del Consiglio Direttivo della FIGC ha stabilito le linee guida per i campionati dilettantistici. Dopo il summit con il Governatore Acquaroli che aveva espresso la volontà di non bloccare per ora i campionati, in serata è arrivata la decisione da tutti attesa. - Andrà avanti regolarmente il campionato di Eccellenza. - ...leggi
22/10/2020

I presidenti di 1^ cat. "Andare avanti non è rispetto, ma pura follia"

Il gruppo dei presidenti di Prima categoria, coalizzatosi in questo ultimo periodo per gestire la pandemia, non accetta le parole odierne di mister Buratti, rilasciate al nostro portale. Riceviamo una nota che di seguito pubblichiamo integralmente:“Non possiamo accettare, nella maniera più assoluta, le esternazioni a ru...leggi
20/10/2020

Comitato Regionale chiamato a decidere, ma sabato non si parte!

Scorrono veloci questi giorni di frenetica attività, sia sul fronte delle società, quanto su quello della FIGC Marche. Intanto si avvicina la data di avvio per i campionati, prevista per sabato 24 ottobre. In considerazione degli appuntamenti già programmati nei prossimi giorni, domani in FIGC a Roma e giovedi con il nuovo Governatore delle Marche Francesco...leggi
20/10/2020

Buratti: "Giocano ovunque! Nelle Marche il Covid-19 è una scusa"

Non riesce proprio a digerirla questa situazione di incertezza mister Roberto Buratti (foto), da questa stagione sulla panchina del Casette Verdini (Prima categoria). Le assemblee degli ultimi giorni e le voci che si rincorrono sulla partenza o meno dei campionati, a suo giudizio, non stanno facendo altro che peggiorare una situazione già delica...leggi
20/10/2020

Stop ai campionati: c’è chi dice no!

Stasera ci sarà il primo confronto programmato tra le società di Promozione e il Comitato Regionale, teso ad appianare le divergenze e valutare l’eventuale partenza del campionato tra una settimana. Ad Ancona alle ore 17,30 presso la sede di Via Schiavoni, si troveranno dunque i dirigenti delle 36 società di Promozion...leggi
16/10/2020

Cellini: "Rinvio? Siamo pronti a parlarne!"

Sono giorni febbrili per il Comitato Regionale che sta lavorando in vista delle 3 assemblee convocate per discutere i problemi e le criticità emersi per l’inizio dei tornei di Promozione e di Prima e Seconda categoria. Ieri intanto si è espresso anche il nuovo presidente della Regione Francesco Acquaroli. Ne...leggi
15/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,13544 secondi