Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


PROMOZIONE. Dibattito aperto sugli Under. I maggiorenni la soluzione?

Ha destato notevole interesse l’articolo che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi sull’iniziativa di alcune società del giorne B di Promozione di cambiare la norma relativa agli Under. Ricordiamo che dal prossimo campionato, le squadre di Eccellenza e Promozione della Regione Marche, dovranno avere negli undici uomini in campo, almeno un ragazzo nato nel 2005 e uno nel 2006. Abbiamo raccolto i pareri dei nostri lettori e delle società, per evidenziare che il problema esiste e dovrebbe essere affrontato senza pregiudizi, cercando di trovare delle soluzioni che possano mettere tutti d’accordo.

Partiamo dai numeri: parliamo di 48 squadre e considerando che ognuna di esse ha almeno 5/6 Under il discorso interessa complessivamente circa 300 ragazzi. Il problema che si presenta alle società non è tanto quello di trovarne di bravi e preparati, già pronti per il salto in prima squadra, obiettivamente ce ne sono molti e questo è un falso problema. Le difficoltà sono tutte relative alla gestione e ci spieghiamo meglio. Inserendo in rosa dei 2005 e 2006 avremo diversi minorenni e alcuni appena maggiorenni, dunque enormi problemi nei trasporti, visto che parliamo di quasi tutti ragazzi ancora sprovvisti di patente di guida. Cerchiamo di immaginare le peripezie dei loro genitori per portarli tre volte a settimana agli allenamenti e poi tornare a prenderli.

Un problema serio ma non il più grosso, visto che le difficoltà maggiori si presentano con la scuola. Tutti questi ragazzi infatti frequentano qualche corso di studi e molti di loro sono all’ultimo anno che si chiuderà con l’esame di stato. Ebbene, parliamo di circa 300 ragazzi che il sabato a scuola in pratica non ci vanno mai, visto che chi gioca in Promozione ha la partita e deve spostarsi già dal mattino, chi è in Eccellenza il sabato mattina ha la rifinitura e dunque in classe non ci mette piede. Non è un problema da poco per le famiglie e le società ottenere ogni sabato un permesso per saltare la scuola, sappiamo di diversi presidi sul piede di guerra, pronti a privilegiare altri sport, rispetto al sempre più bistrattato gioco del calcio. Va inoltre ricordato che dopo l’esame di stato molti dei ragazzi probabilmente si iscriveranno a qualche Università, magari molto lontana se non addirittura all’estero. Alla fine della fiera tanti sacrifici per le famiglie e le società e poi il ragazzo a 19 anni fa una scelta di vita diversa e smette di giocare. Sono in molti a chiedersi: a che cosa è servito tutto il gran lavoro fatto attorno a questi giovani?

La soluzione che molti suggeriscono, potrebbe essere quella di mantenere i due Under, portando però l’obbligatorietà a un 2004 e un 2005. Sembra una differenza di poco conto, ma a ben guardare non è così. I fuoriquota sarebbero tutti maggiorenni e probabilmente tutti in grado di spostarsi autonomamente, inoltre la maggior parte di loro avrebbe già fatto le proprie scelte a livello scolastico o lavorativo. Insomma chi ha deciso di frequentare una Università lontana o ha scelto un lavoro che non gli permette di allenarsi e giocare, sarebbe già fuori dai giochi e potrebbe, nel caso, trovare spazio nelle categorie minori. Le società che debbono schierare obbligatoriamente degli Under potrebbero così lavorare anche in prospettiva su organici più omogenei, portando avanti un progetto più definito e meno rischioso.

Ovviamente parliamo di ipotesi, di idee, di suggerimenti raccolti tra gli addetti ai lavori e tra gli appassionati. Resta tuttavia evidente che la questione Under non è affatto secondaria, coinvolge numerose società e tantissime famiglie, probabilmente ragionando tutti insieme si potrebbero trovare delle soluzioni o quanto meno aggiustare il tiro. Ne guadagnerebbe tutto il movimento calcistico, le famiglie avrebbero uno stress minore, i ragazzi potrebbero fare delle scelte senza forzature e si tornerebbe ad un rapporto più corretto e meno conflittuale con il mondo della scuola, che troppo spesso ha una visione distorta del mondo del calcio.

ARTICOLO PRECEDENTE

Continua a essere messa in discussione dalle società la norma relativa ai fuoriquota che nella prossima stagione interesserà i calciatori nati nel 2005 e nel 2006. Per il Campionato di Promozione (girone B), il Casette Verdini si fa portavoce del malcontento anche di altre società che insieme hanno deciso di scrivere una PEC alla FIGC per chiedere la modifica della regola. 

Nella giornata di oggi, la società A.S.D. Casette Verdini viste le problematiche circa l’obbligatorietà per la stagione 2024/2025 dell’utilizzo dei 2 fuoriquota nati nel 2005 e nel 2006, ha chiesto la possibilità di rivedere la norma deliberata come segue:

1) in prima istanza l’annullamento della norma di schierare obbligatoriamente n° 2 atleti Under per ogni gara;
2) in seconda istanza la modifica di tale norma con 2 atleti nati nel 2004 e nel 2005. 

Le società richiedenti per ora sono 6 (Casette VerdiniSettempedaCluentina CalcioAzzurra SBTSangiorgese MonterubbianeseAppignanese) ma anche altre hanno manifestato serie problematiche nell’organizzazione della squadra per la prossima stagione sportiva 2024/2025. Per tutti è evedente la difficoltà nel reperire atleti del 2005 e 2006 con le necessarie qualità, dato che fino a ieri hanno partecipato di fatto a campionati juniores e il sabato sono impegnati nelle lezioni scolastiche. Va inoltre rilevato che gli atleti nati nel 2004 saranno sicuramente penalizzati, non avendo avuto la possibilità di giocare almeno un paio di anni tra gli Under.

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 28/05/2024
 

Altri articoli dalla provincia...



UFFICIALE. L'Atletico Centobuchi diventa Atletico Mariner

L’Atletico Centobuchi cambia volto, un’operazione importante concretizzatasi nel mese di giugno, ha portato ad una grande trasformazione. L’Atletico Centobuchi diventerà Atletico Mariner e si trasferirà a San Benedetto del Tronto.Nome e stemma rappresentano le origini dei soci che compongono la nuova società: Piero De Carolis, Giusep...leggi
01/07/2024

CASTELFIDARDO IN SERIE D. Festa anche a Centobuchi e Montecosaro

Il successo odierno del Castelfidardo non fa felice solo la squadra castellana, ma a cascata riempie di gioia numerose formazioni regionali che ora possono ragionevolmente sperare in un ripescaggio nella categoria superiore. Di seguito proponiamo, salvo errori sempre possibili, il quadro che andrebbe delineandosi. - Castelfidardo in Serie D - Atletico Cent...leggi
17/06/2024


PORTUALI DORICA in Eccellenza. Atl. Centobuchi ko ai calci di rigore

Atletico Centobuchi – Portuali Dorica: 2-4 (d.c.r.) ATLETICO CENTOBUCHI: Camaioni, Filipponi, Fabi Cannella, Veccia (1' pts Picciola), Lanzano, Stacchiotti, D’Intino (13' st Zadro), Pietropaolo, Galli (19' st Liberati), Napolano, Cialini. All. Fusco PORTUALI DORICA: Tavoni, Ragni, Tonini, Rinaldi (1' pts Giampaoletti), Savini, Santoni, De Marco, Sassarol...leggi
25/05/2024

Promosse, retrocesse e gare da disputare. Dall'Eccellenza alla 2^ cat.

Si sta definendo il tabellone delle squadre marchigiane impegnate nei play-off e nei play-out. Di seguito riassumiamo i verdetti già emessi e le gare ancora da disputare, dall’Eccellenza fino alla Seconda categoria. ECCELLENZA Promossa in Serie D: Civitanovese Castelfidardo al primo spareggio fuori regione con U...leggi
20/05/2024

MOZZANO CITY. Zero rimborsi, umiltà e tanta passione: così si vince

E' bastata una sola stagione al Mozzano City per tornare in Seconda Categoria. La squadra della frazione di Ascoli Piceno lo ha fatto vincendo il campionato di Terza Categoria G con una giornata d'anticipo dominando per tutto il girone di ritorno. Il vice presidente della società Andrea De Santis ha parlato di questo meritato suc...leggi
16/05/2024

L'ASCOLI SPROFONDA IN SERIE C. "Chiediamo scusa ai tifosi veri"

ASCOLI PICENO. Dopo 9 anni si dice addio alla Serie B! Non basta il successo dell'Ascoli sul Pisa (2-1) per evitare la retrocessione diretta in Serie C: i risultati degli altri campi (vittorie di Bari e Ternana) condannano i bianconeri alla terza serie. Allo stadio "Del Duca" e davanti a 9.500 spettatori i ragazzi di mister Carrera passano in vantaggio dopo undici minuti grazie a un colpo di te...leggi
10/05/2024

PRIMA CAT. Si deciderà quasi tutto in 90'. Sarà un sabato da leoni

Si avvicina l’ultima giornata del campionato di Prima categoria e ovviamente siamo vicini ai verdetti ufficiali nei 4 gironi marchigiani. Qualcosa è già successo, ma molto deve ancora ancora accadere. Riepiloghiamo le varie possibilità anche per quanto riguarda le partecipazioni a play-off e play-out. ...leggi
30/04/2024

ECCELLENZA. Un campionato in 90'. Tutto può accadere nell'ultimo turno

Potrebbero non bastare gli ultimi 90’ minuti per i verdetti definitivi nel Campionato di Eccellenza. A una giornata dal termine, nel massimo torneo regionale, regna ancora un grande equilibrio, sia in testa che in coda. In pratica quasi tutte le squadre sono chiamate ad un ultimo sforzo, prima del rompete le righe. In vetta la Civ...leggi
23/04/2024


PRIMI VERDETTI. Il riepilogo della situazione nei Campionati Regionali

Si avvicina a grande velocità la fine della stagione regolare nei Campionati Regionali delle Marche. Mancano poche giornate ed avremo i verdetti definitivi. Di seguito vi proponiamo un riepilogo di quanto è già accaduto e di ciò che potrà accadere nei campionati che vanno dall’Eccellenza alla Se...leggi
17/04/2024

Samb, addio sogni di gloria? E Massi attacca mister Lauro...

Samb, addio sogni di gloria? Perchè la sconfitta dei rossoblu a L'Aquila e la vittoria del Campobasso sul Riccione potrebbe compromettere definitivamente la stagione della società rivierasca. Il Campobasso è ora a + 4 sull'Aquila ed addirittura a + 8 sulla Samb. Anche se andasse bene lo scontro diretto di domenica al Riviera delle Palme (Samb - Campoba...leggi
08/04/2024

AZZURRA SBT. Silvio Schiavi: 97 anni di passione per il calcio

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Il mondo del calcio è spinto sicuramente dalla passione. Tutti coloro che seguono questo sport ce l'hanno dentro e la manifestano nelle forme più diverse. Il calcio ci segue per tutta la vita e non ci abbandona mai, nemmeno quando arriviamo alla bella età di 97 anni e continuiamo a gioire e a soffrire per quel pallone che ...leggi
11/03/2024

REV PAGLIARE. Idee chiare e fiducia nei giovani alla base del successo

Nelle foto: Benito Erbuto, allenatore della REV Pagliare, ed il vice allenatore Benito Ciabattoni PAGLIARE DEL TRONTO. Una stagione eccellente, quella in corso, per la Real Eagles Virtus Pagliare che, dopo il successo di sabato scorso in casa della Castoranese, ha agganciato il Grottammare al secondo posto della classifica, nel girone D di Prima categ...leggi
14/02/2024

ACQUASANTA. Stangoni a casa con il pallone: "Vogliamo vincere sempre!"

ACQUASANTA. Un primo posto in classifica, anche se in coabitazione, per l’Acquasanta, quando siamo quasi ai due terzi del cammino, nel girone H del campionato di Seconda categoria. Una squadra partita per far bene e che, in linea di massima, sta rispettando i pronostici, anche grazie ad alcune individualità di valore. Parliamo ad esempio di...leggi
12/02/2024


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,08016 secondi