Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


A tu per tu con Alessio Zancocchia: "ViolaSchool, la mia vita"

"Come società puntiamo ad essere un modello di lavoro tecnico e un importante supporto alla crescita, sportiva e umana dei ragazzi. Vogliamo che le famiglie siano soddisfatte e consapevoli dei progressi e degli sforzi che si compiono per i loro figli"

SANT'ELPIDIO A MARE. Cresciuto a pane a pallone, semplicità e dedizione, Alessio Zancocchia (foto) racconta dove è nata la sua passione per il calcio, il suo vissuto e le sue ambizioni.

Alessio Zancocchia, ci racconti come è nata la tua passione per il calcio?
“Non ricordo cosa abbia innescato il mio amore per il pallone: da che ho memoria, il calcio è sempre stato un compagno e una passione, prima da praticante, poi da istruttore, sempre da tifoso. Per noi adulti che lo amiamo, il calcio è un dato di fatto nella quotidianità, un “gigante” che prende i suoi spazi senza chiedere permesso e che sa colmarci di infinità generosità, gioia ed emozioni. Fin da piccolino seguivo mio padre ovunque accompagnasse i suoi giovani; un autentico punto di riferimento a livello giovanile dai lontani anni '84, una persona conosciuta in ambito regionale per la sua competenza e che mi ha insegnato tutto. Ci svegliavamo ogni domenica mattina alle 6.30 per accompagnare i suoi ragazzi a giocare, ogni volta un'avventura diversa. Ora sono io ad accompagnare i miei e non c'è soddisfazione più grande. Con il passare degli anni, attraverso le esperienze sui campi da calcio, ho acquisito sempre più convinzione, forza, umanità e consapevolezza, che sommate all'amore per questo sport mi hanno portato ad intraprendere questo importante percorso. Devo tutto ai ragazzini che ho incontrato nel mio cammino; con loro mi sono arricchito interiormente e il fatto che mi seguono tantissimo mi ha aiutato a tirar fuori tutte le mie qualità, ed io le loro. Alle loro famiglie e ai miei attuali dirigenti vanno i miei ringraziamenti; grazie ad essi ho la possibilità di crescere centinaia di giovani del mio paese, con la facoltà di contagiarli con la mia passione e di plasmarli con la mia lealtà e le mie idee. Le responsabilità non mi fanno paura, mi danno ancora più carica".

Cosa significa lavorare per un settore giovanile?
"Per chi, come me, lo abita seriamente e professionalmente, il calcio è una “missione” e un grandissimo impegno, che chiede ogni giorno di essere onorato e ricambiato per i grandi doni che sa darci. Socialità, educazione, lavoro, divertimento, integrazione, sviluppo, coesione, qualità; il mio obiettivo, insieme a quello di chi fa parte del nostro staff è quello di preservare tutto ciò e sostenere quanti vi si dedicano. Purtroppo è diventato facile per chiunque parlare e credere di sapere come si opera in un settore giovanile; l'unica cosa che posso dire è che i bambini di oggi hanno bisogno di esempi positivi da seguire, punti di riferimento su cui poggiarsi e soprattutto che vengano ascoltati. Puntiamo ad essere un modello di lavoro tecnico e un importante supporto alla crescita, sportiva e umana. Vogliamo che le famiglie siano soddisfatte e consapevoli dei progressi e degli sforzi che si compiono per i loro figli".

Cosa ti piace vedere nei ragazzi che alleni? Quale obiettivo vuoi raggiungere con loro?
“Educazione, in campo e fuori. Vorrei esaltare in loro la magia e le virtù, la passione e l'amicizia. A me piace andare al campo e raccontare del calcio, offrire al gioco il vestito migliore con cui presentarsi ai bambini, parlando al loro cuore fino a condurli, prendendoli per mano. Io credo di essere innamorato di quello che faccio, più che altro. C'è poco da aggiungere, preferibilmente preferisco far parlare i fatti, insegnando sul campo”.

Come nasce e da dove parte questa scuola calcio?
“Nasce dal fallimento di una fusione ambiziosa che doveva essere quella con Cascinare, dove i miei attuali dirigenti portarono 240 ragazzi che ora sono sparsi nei vari campionati di Seconda, Prima, Promozione ed Eccellenza (molti hanno anche scelto altre strade). Era diventato impossibile lavorare come si voleva e come si era sempre fatto. Dopo di lì si decise seriamente di ripartire da capo, con decisione si decise di coinvolgere nuovamente tutto il paese capoluogo e soprattutto chi come noi non era soddisfatto di come da altre parti si stava lavorando con i giovani. Chi non ci ha sostenuto e non ci ha seguito ha deciso di prendere un'altra strada, diversa dalla nostra. E deve essere consapevole di questo. Sento parlare spesso di divisione; divisione c'è se si hanno interessi e modi di agire diversi. Nei nostri ragazzini cresce la cultura del rispetto, e non si sentiranno mai divisi da nessuno e soprattutto con nessuno. Un paese come Sant'Elpidio a Mare, che ha già avuto una storia gloriosa, merita un presente di valore. Ed è quello che violaSchool sta creando: un presente con giovani di valore. E' un percorso che va sostenuto oppure ignorato. Ognuno è libero di pensarla come vuole...vogliamo solo lavorare per i ragazzi e per il paese".

Per un ragazzino, qual'è l'allenatore ideale?
“L'ideale sarebbe un istruttore, anche per gli adulti. Ma poi è la linea e la programmazione della società che deve fare la differenza...Io ho giocato a calcio fino a 25 anni e ho sempre avuto un ruolo importante nello spogliatoio per i più giovani. Ho avuto allenatori bravi e meno bravi, da tutti ho acquisito qualcosa. Ho sempre avuto un occhio di riguardo e sensibilità verso i più giovani, tantissimo rispetto per i più vecchi; riempivo borracce, gonfiavo palloni, lucidavo gli scarpini altrui e nonostante la mia carriera si sia conclusa abbastanza presto credo di avere fatto tesoro di ogni esperienza. Non mi sono mai sentito al di sopra degli altri, ma nemmeno inferiore. Io credo che un ex professionista, chi si reputa tale o solo chi ha giocato a calcio ad alti livelli non sia consapevole di cosa si possa trovare avendo a che fare con dei ragazzini; l'aspetto psicologico e sociale prevale sull'aspetto tecnico. A volte si crede di sapere ma in realtà bisogna aver saputo soffrire o vivere da portaborracce gregario per capire realmente certe situazioni. Lavorare con i giovani significa lavorare per gli altri, non per il proprio interesse. Per questo credo che i ragazzi abbiano bisogno più di istruttori che di allenatori.Ho il piacere di lavorare con uno staff importantissimo sotto il profilo umano, composto da persone semplici che mantengono basso profilo e che portano avanti la mia stessa corrente di pensiero. Cito in particolare Alessandro Nasini, che è stato il primo compagno in questa nuova avventura. In comune abbiamo sempre avuto soprattutto il nostro paese di appartenenza e la passione per il calcio giovanile. Quella portata avanti lavorando in modo trasparente, umile, professionale e concreto, senza vendere fumo ne illusioni". 

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 17/11/2016


 

Altri articoli dalla provincia...



Vigor Sant'Elpidio Viola: il metodo Nasini per Allievi e Giovanissimi

SANT'ELPIDIO A MARE. Per valutare e giudicare il suo metodo di lavoro devi conoscere l'uomo e la storia. Ha 30 anni di militanza tra Eccellenza e Promozione, da ragazzino ha disputato un campionato negli Allievi Nazionali della Samb con gente come Cudini, Palladini, Vecchiola e Visi, non è iscritto su Facebook ma coordina solo un gruppo WhatsApp per comunicare con i suoi ragazzi. ...leggi
15/03/2017

L'Elpidiense Calcio Junior al "Franchi" per Fiorentina-Cagliari. FOTO

SANT'ELPIDIO A MARE. Una bella gita fuoriporta, stavolta destinazione stadio "Artemio Franchi" di Firenze a vedere Fiorentina - Cagliari (1-0, gol di kalinic al 92'). La collaborazione tra Elpidiense Calcio Junior e la Fiorentina oltre all'attività sul campo con il supporto tecnico e organizzativo da parte del club viola si manifesta spesso anche fuori dal campo con iniziative che coi...leggi
13/03/2017

Firmum Village: AFC Fermo al triangolare delle Scuole calcio d'elite

FERMO. Domenica 5 marzo alle ore 9 al Firmum Village di Fermo ci sarà il fischio di inizio della prima fase del triangolare riservato alle Scuole calcio d'elite. Nel girone B insieme ai piccoli calciatori dell'AFC Fermo ci saranno i coetanei dell' Atletico Calcio Porto Sant'Elpidio e dell'Us Tolentino. Il girone A invece vedrà sfidarsi i calciatori di Alma Juventus Fano, Cast...leggi
03/03/2017

Juniores, orgoglio Sangiorgese. La soddisfazione di Vezeni

PORTO SAN GIORGIO. La Juniores regionale, fiore all'occhiello del calcio sangiorgese, nata in collaborazione di Asd Nuova Sangiorgese con Borgo Rosselli e Mandolesi e capofila del rilancio del settore giovanile della Sangiorgese, ha conseguito importanti risultati in questa stagione sui campi di tante società blasonate....leggi
27/02/2017

1° Torneo "Città di Porto Sant'Elpidio": i numeri del successo

PORTO SANT'ELPIDIO. Si è concluso domenica 19 febbraio al “Martellini” il 1° Torneo “Città di Porto S.Elpidio”, riservato alla categoria Esordienti 2005 a 9. Per le quattro squadre finaliste (Atl. Porto Sant'Elpidio, Camm S.Orso, Jesina e Vis Pesaro) è stata una spettacolare e intensa giornata (semifinali la mattina e finali il...leggi
23/02/2017

Borgo Rosselli, Quintili: "Io tra i giovani, quante soddisfazioni"

PORTO SAN GIORGIO. Roberto Quintili, 59 anni, ex giocatore di Sangiorgese, Zeta Club e Settembrina, dal 2000 è al settore giovanile del Borgo Rosselli, da dieci anni ne è responsabile tecnico. E in una società come il Borgo con 160 iscritti e 10 istruttori, di cose da fare ce ne sono: coordina il lavoro dei tecnici, programma le partite, si...leggi
13/02/2017

FC Pedaso, conosciamo Cristian Rossi: a lui Allievi e Pulcini Misti

PEDASO. Giovane, ma con esperienza da vendere. Cristian Rossi, 31 anni, da sei è al settore giovanile dell'FC Pedaso. Di Porto San Giorgio (ha giocato nei giovani nerazzurri prima di smettere in seguito ad infortuni), nella stagione in corso allena gli Allievi Provinciali e i Pulcini Misti 2006/2007. A lui, come al resp...leggi
09/02/2017

Intervista a Malaspina: "Orgoglioso di lavorare all'Afc Fermo"

FERMO. Ha allenato in Promozione Torrese e Montottone, poi è stato folgorato dai giovani. Giampaolo Malaspina (foto), 46 anni, allena i Giovanissimi dell'Afc Fermo. Da calciatore è stato un ottimo giocatore (Maceratese in C2, Monturanese, Fermana e Montegranaro in Interregionale...), ora che da qualche anno ha appeso le scarpette al...leggi
06/02/2017

Veregrense, i portieri alla cura Ciocci: "Il mio ritorno alle origini"

MONTEGRANARO. Insegnante, allenatore, formatore, istruttore. Tutto questo è Osvaldo Ciocci (foto), 62 anni, ex portiere di Montegranaro e Sangiustese negli anni Ottanta e Novanta, da sempre punto di riferimento per tutti i numeri 1 marchigiani per storia e competenza. Ciocci, in passato anche responsabile dei settori giovanili di Maceratese, Tolentino e Vis Mace...leggi
01/02/2017

Tignum, Marchegiani: "Squadra, gruppo e regole: i tre concetti chiave"

MONTEGIORGIO. Molti se lo ricordano ancora lottare sui campi di Eccellenza con la maglia rossoblu addosso. Erano gli anni Novanta e lui aveva le chiavi del centrocampo della Montegiorgese. Roberto Marchegiani (foto), 43 anni, da diversi anni fa l'allenatore, quest'anno guida la Juniores della Montegiorgese ed è il responsabile del sett...leggi
27/01/2017

"Costruire un ragazzo per la vita". Petrini, dal basket agli Archetti

RAPAGNANO. Un bravo istruttore di calcio che arriva dal basket. E' la singolare storia di Andrea Petrini (foto), 51 anni, patentino di "Istruttore Giovani Calciatori", al terzo anno alla Scuola Calcio Archetti (105 iscritti, 7 allenatori-istruttori). Petrini, originario di Montegranaro poi trasferitosi a Rapagnano, ha giocato a pallacanestro con gli A...leggi
25/01/2017

Concetti: "Santa Caterina, qualità tecnica e organizzativa al top"

FERMO. Allenatore della prima squadra che sta disputando un ottimo campionato in Seconda categoria E e punto di riferimento per tutta l'attività giovanile con numeri in continua crescita. Ismaele Concetti (foto), 47 anni, da quasi un decennio è l'uomo-simbolo della società fermana Santa Caterina. Mister Concetti, ...leggi
23/01/2017

Alla scoperta di Diego Serrangeli, l'osteopata della violaSCHOOL

SANT'ELPIDIO A MARE. In un calcio giovanile sempre più "consumista", ci si dimentica spesso del lavoro vero e proprio da svolgere sul ragazzo, che oltre ad essere preparato calcisticamente, atleticamente ed educatamente da ottimi istruttori, ha necessità di essere monitorato con costanza, serenità e lungimiranza. ViolaSCHOOL vuole insistere nel trovar...leggi
14/01/2017

Castronaro: "Al Campiglione Monturano i veri valori del calcio"

CAMPIGLIONE DI FERMO. La storia è maestra di vita e gli Allievi del Campiglione Monturano possono dirsi fortunati di essere allenati da un uomo perbene come Angelo Castronaro (nella foto con i suoi ragazzi), uno che in carriera (ruolo mediano) vanta oltre 400 partite da professionista (Genoa e Bologna in Serie A) ma che ha saput...leggi
12/01/2017

A Cascinare un pieno di divertimento per il 4° Torneo dell'Epifania

SANT'ELPIDIO A MARE. Due giorni di festa al 4° Torneo dell'Epifania organizzato dall'Elpidiense Calcio Junior presso la palestra comunale di Cascinare. Anche quest'anno l'iniziativa ha riscosso un grande successo. Le categorie partecipanti: Piccoli Amici 2010-2011 e Primi calci 2008-2009. Si sono scontrate 15 squadre delle delegazioni del fermano e del...leggi
10/01/2017

Elpidiense Calcio Junior: 15 squadre al 4° Torneo dell'Epifania

SANT'ELPIDIO A MARE. Tutto pronto per il 4° Torneo dell'Epifania (7 e 8 gennaio), in campo ragazzi delle categorie Primi Calci 2008-2009 (domenica) e Piccoli Amici 2010-2011 (sabato). Tra le società partecipanti troviamo per i Primi Calci: Elpidiense Junior A, United Civitanova A, Veregrense A, Elpidiense Junior B (girone A), Casette d'Ete, Campiglione M.Urano, Ve...leggi
03/01/2017

Borgo Rosselli, il pranzo di Natale preparato dai dirigenti-cuochi

PORTO SAN GIORGIO. La società del Borgo Rosselli, come da tradizione, si è ritrovata per festeggiare il Natale. Accompagnati da una splendida giornata di sole, si è svolta nei giorni scorsi la consueta festa di Natale, un abbraccio festoso e affettuoso tra la dirigenza, le famiglie e tutti i tesserati per scambiarsi gli auguri natalizi e di fine anno. Prepa...leggi
29/12/2016

Afc Fermo "scuola di vita": il calcio come aggregazione e socialità

FERMO. Con "la giornata dei colori" che si è svolta domenica 11 dicembre 2016 nella rinnovata cornice del Firmum Village si è avviato il progetto “Il mondo dei colori” promosso dall’AFC Fermo in collaborazione con l’Associazione Mondo Minore Onlus, la Fondazione Sagrini Onlus e i genitori affidatari di un ragazzo. Il proget...leggi
16/12/2016

Un professionista alla Sangiorgese, c'è Zega: "Pronti per il futuro"

PORTO SAN GIORGIO. Un professionista per il settore giovanile della Sangiorgese. Andrea Zega (foto), ex arbitro di professione, da 15 anni residente a Porto San Giorgio, da quest'anno è il responsabile del vivaio nerazzurro: suo il compito di rilanciarlo e affermarlo nel panorama regionale e nel solco della gloriosa tradizione ...leggi
13/12/2016

Viaggio nel mondo Usa Santa Caterina: la voce degli allenatori

FERMO. Nato quasi per scherzo è ora una realtà consolidata con uno staff tecnico organizzato e preparato e con una società presente in modo impeccabile. Parliamo dell'Usa Santa Caterina. Così mister Achei, istruttore Piccoli Amici: "E' la seconda mia avventura all'Usa dopo quello di diversi anni fa con la prima squadra, ho rit...leggi
09/12/2016

Elpidiense Calcio Junior tra solidarietà, iniziative e...nuova maglia

SANT'ELPIDIO A MARE. L'Elpidiense Calcio Junior si è ritrovata (domenica 4 dicembre) presso l'Hotel Horizon per il pranzo sociale Natalizio. La giornata è iniziata alle 10,30 con la celebrazione da parte di Don Aldo della Santa Messa presso la Chiesa dell'Ospedale. Al pranzo sociale hanno partecipato 325 persone tra ...leggi
07/12/2016

FC Pedaso, l'educazione prima dei risultati. E tutti tifano Melissa!

PEDASO. La buona educazione prima di tutto. Il risultato non conta, e non vuole essere una frase fatta. "Ricordo ancora - racconta Walter Carelli, 39 anni, da due responsabile del settore giovanile dell'FC Pedaso - una regola societaria: se un ragazzo viene squalificato la società gli commina una squalifica aggiuntiva, e in passato questa f...leggi
06/12/2016

ViolaSchool, sarà un dicembre ricco di eventi

SANT'ELPIDIO A MARE. Si avvicinano le festività natalizie, è tempo di eventi, festeggiamenti e ringraziamenti in casa Vigor Sant'Elpidio Viola. SABATO 10 DICEMBRE: CENA DI NATALE per tutti i tesserati, dai piccoli amici alla prima squadra.Consueto appuntamento pre-Natalizio per la società Elpidiense; il...leggi
05/12/2016

Campiglione Monturano: porte aperte ai genitori!

CAMPIGLIONE DI FERMO. "Da noi i genitori sono i benvenuti, anzi li voglio in campo. Ci affidano i loro figli e hanno diritto di critica, ma poi è la società a prendere le decisioni finali". Si respira un'aria diversa al Campiglione Monturano, l'impostazione che ha datto il responsabile tecnico organizzativo Luigi Sciamanna (foto)...leggi
01/12/2016

Modello Tignum: "Marziali" in erba, programmazione e staff qualificato

MONTEGIORGIO. Un discorso che va avanti da 6 anni e che in questa stagione ha aggiunto un nuovo punto importante al rinnovamento del calcio giovanile montegiorgese: l’impianto "Marziali" in erba naturale. Per la Tignum Montegiorgio, denominazione vecchia di qualche anno per il settore giovanile rossoblù ma una storia importantissima alle spalle, quella attuale &egr...leggi
30/11/2016

Borgo Rosselli, i valori di sempre: serenità, amicizia e divertimento

PORTO SAN GIORGIO. Più che un settore giovanile è una famiglia. Il Borgo Rosselli, storica società del quartiere sud della città di Porto San Giorgio, vanta una lunga tradizione, sia come settore giovanile che prima squadra (attualmente militante in Seconda categoria). "La nuova stagione calcistica che vogliamo intraprendere insieme ...leggi
28/11/2016

L'Atletico Calcio Porto S.Elpidio raccontato da "mister Tempestilli"

PORTO SANT'ELPIDIO. Tutti i ragazzini di Porto Sant'Elpidio lo conoscono e lo rispettano, lui è "il mister Tempestilli": uno degli uomini simbolo della scuola calcio della città, la realtà formativa e sportiva per la quale si impegna da anni con passione ed esperienza. Paolo Tempestilli (foto) è arrivato nel 2008 con la fusione tra Ma...leggi
27/11/2016

La piccola (grande) famiglia degli Archetti: palestra di vita dal 1989

RAPAGNANO. Il cuore pulsante è a Rapagnano ma l'attività di base e agonistica richiama ragazzi da tutta la vallata del Tenna. La Scuola Calcio Archetti è ormai una istituzione, nata nel 1989 con gli anni è diventata un punto di riferimento per tante famiglie del territorio. E da 27 anni gli obiettivi sono rimasti gl...leggi
25/11/2016

Supervisore e uomo di campo, così Cimmino lavora alla Veregrense...

MONTEGRANARO. Non ancora maggiorenne ha "conosciuto" da vicino il Milan di gente tosta, gente che risponde al nome di Baresi, Tassotti, Verza, Icardi, Incocciati, correva l'anno 1984 e lui dalla Primavera approdò in prima squadra. Ma a 28 anni chiuse col calcio giocato, troppi problemi fisici. Dopo il Milan arrivarono Ascoli, Como e Avellino nella carriera di Ca...leggi
22/11/2016

L'Elpidiense Calcio Junior a lezione sul "Modello Fiorentina"

SANT'ELPIDIO A MARE. A Firenze per un incontro di approfondimento. Gli allenatori dell’Elpidiense Calcio Junior, Antonioli Maurizio, Birilli Giampaolo, Micheli Simone, Cicchitti Claudio e Nicolais Fabio e i dirigenti Monaldi Massimo, Latini Michele e Petrucci Daniele hanno partecipato (sabato 12 novembre) presso l’Area Hospitality dello stadio Artemio Franchi ...leggi
21/11/2016


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 1,61917 secondi