Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Edizione provinciale di Ancona


SERIE D. Il girone F è una incognita. Soluzioni con 18 o 20 squadre?

Le 6 marchigiane al centro di un incrocio intricatissimo per la composizione del girone insieme a romagnole, abruzzesi, molisane e umbre. Scenari apertissimi e almeno tre soluzioni. Scongiurato (almeno sulla carta) il rischio Bari

Se la Serie C è sicuramente rimandata al prossimo 2 settembre (decisiva sarà la riunione del prossimo 22 agosto in Lega Pro) non può di certo sorridere la Serie D che attende di conoscere l'organico definito e dunque anche i gironi. Tempi lunghissimi ma inevitabili, considerando tutto quello che sta succedendo nella calda estate del calcio italiano. Molto dipende dalle situazioni delle big catapultate in Serie D. Il Modena era noto da tempo ma insieme ai canarini nelle ultime ore ecco ad esempio la nuova Reggiana e il Bari targato De Laurentis: budget da oltre tre milioni di euro che potrebbe raddoppiare nel caso questa mattina il colloquio tra il sindaco barese e Fabbricini porti ad una riammissione in C dei galletti. Molto improbabile mentre un Bari in D complicherebbe la costruzione dei gironi, operazione quest’anno molto complessa. La tendenza che si apprende è quella di non inserire, anche se i precedenti raccontano di situazioni diverse, le big in sovrannumero nel medesimo girone. Ecco dunque che Reggiana e Modena andrebbero in gironi differenti di certo mentre diverso è il discorso per l’RC Cesena che riparte dalla matricola del Romagna Centro. Possibile pensare ad un Modena nel medesimo girone dei bianconeri anche se in terra di Romagna sembrano aver avuto rassicurazioni che questo non avverrà. Quindi Rc Cesena con le marchigiane? E’ una delle possibilità. In totale sono 5 le romagnole considerando anche il San Marino che diventano 6 considerando anche il Classe, la squadra di Ravenna che eliminò ai playoff di Eccellenza proprio il porto D’Ascoli. Facendo due conti potrebbe essere un girone da 18 con le s6 romagnole (Classe, Rc Cesena, Savignanese, Forlì, Sammaurese e Santarcangelo), 6 marchigiane (Castelfidardo, Jesina, Matelica, Recanatese, Sangiustese, Montegiorgio) e le 6 abruzzesi (SN Notaresco, Real Giulianova, Pineto, Francavilla, Avezzano, Vastese). Ipotesi possibile ma nella quale vanno considerate almeno un paio di soluzioni alternative.

Le tre molisane. Sono Isernia, Campobasso, Agnonese e la questione principale riguarda proprio la “Città delle Campane” che ha uno stadio senza barriere, unico al sud. Per questo l’Osservatorio Nazionale ha sempre insistito con il Comitato Interregionale per evitare che l’Agnonese fosse inserita con le squadre pugliesi, evitando dunque molte gare a porte chiuse per ordine pubblico. Sarà confermata questa tendenza o ci saranno novità dovuta anche alla particolarità dell’organico di Serie D? Fosse confermate le molisane tornerebbero a giocare con abruzzesi e marchigiane.

Chi completerebbe il girone F? Si andrebbe dunque alla conformazione dello scorso anno con Marche, Abruzzo e Molise per un totale però di 15 squadre, numero insufficiente che ha bisogno di una integrazione. Già detto che a Sud (pugliesi) non si può guardare per ordine pubblico, restano due sole possibilità. Un girone da 20 con le cinque romagnole (il Classe andrebbe in questo caso nel girone B) che comporrebbe un aumento delle giornate (ben 38) e almeno 4-5 turni infrasettimanali per una stagione massacrante. Altra ipotesi quella delle 18 squadre con l’inserimento delle tre umbre ovvero Trestina, Bastia e la neo-ripescata Cannara con maerchigiane, abruzzesi e molisane. Altra ipotesi che potrebbe non essere scartata quella delle 6 romagnole, insieme alle marchigiane e alle umbre per un totale di 15 con il girone che potrebbe essere completato a nord o sud con l’allargamento ad alcune squadre emiliano romagnole o alle abruzzesi della parte nord della regione per arrivare a 18. Ultima soluzione possibile quella "Adriatica" definiamola così con le 6 romagnole, le 6 marchigiane e le 6 abruzzesi tutte insieme: in questo caso "escluse" umbre e molisane ma con incognita dell'ordine pubblico per queste ultime. Tante le proiezioni  che circolano e le ipotesi da fare: di certo una situazione molto complessa per la quale i prossimi giorni saranno assolutamente decisivi e le tappe sono ben chiare. Innanzitutto definire l’organico completo (venerdì potrebbe essere giornata decisiva) e poi il via ai gironi. Va ricordato che il 19 agosto si gioca la prima gara ufficiale con il turno preliminare di Coppa Italia. Tra soli 11 giorni: vietato dunque scherzare con il fuoco!

Nella foto i tecnici delle marchigiane nella prossima Serie D: Ciampelli (Jesina), Pazzaglia (Castelfidardo), Tiozzo (Matelica), Alessandrini (Recanatese), Senigagliesi (Sangiustese), Paci (Montegiorgio)

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 08/08/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Stoccata di patron Mosconi: "Fare calcio a Jesi? Impossibile"

JESI "Noi vogliamo andare avanti, con tutte le nostre forze. Ma, da soli, è complicato. Fare calcio a Jesi? Dire che è difficile è troppo blando. Forse la parola giusta è: impossibile". A dirlo, attraverso le colonne del Corriere Adriatico, è Gianfilippo Mosconi (foto), presidente della Jesina. Affermazioni che sanno ...leggi
24/04/2019

"Il segreto della Passatempese? Compattati dalle incertezze estive"

PASSATEMPO DI OSIMO. Per lui il campionato di Prima categoria girone C non è stato una novità (tanti anni fa l'ha vinto con il Loreto e poi l'ha stravinto con il Portorecanati) ma quello di quest'anno presentava delle incognite estive pesanti: la Passatempese ripescata in Promozione, anzi no, inserita nel girone B di Prima categoria e invece no, eccola dentro al g...leggi
23/04/2019

Dopo 534 gare, 5 campionati vinti e 72 gol Leo Mancini dice stop!

SAN MARCELLO. Grande festa a San Marcello (Seconda categoria girone D) per l’addio al calcio di Leonardo Mancini. Tanti i tifosi accorsi sugli spalti per salutare Leo in occasione della partita con il Maiolati, terminata sul 2 a 2 grazie ad un gol su calcio di punizione proprio del numero 7 locale, il più atteso. Jesino, classe 1983, Leonardo Manci...leggi
15/04/2019

S.A. Castelfidardo, prima gara per la squadra dei diversamente abili!

CASTELFIDARDO. La società S.A. Castelfdardo non è soltanto un ottimo settore giovanile e una prima squadra impegnata nel girone D di Seconda categoria. Da quest'anno la dirigenza ha sposato un progetto solidale con una squadra formata da persone diversamente abili, qualche giorno fa protagonista di una giornata indimenticabile. Per la prima volta infatti la squadr...leggi
13/04/2019

La prima volta di Carlo Coppari: tripletta nella sua Filottrano!

FILOTTRANO. C'è sempre una prima volta... e la prima volta, prima tripletta in carriera, è arrivata con la maglia della sua città. Carlo Coppari (foto), 30 anni, dopo aver girato mezza Italia (e una capatina anche in Thailandia nella stagione 2011-'12), ha messo le radici a Filottrano: l'anno scorso 8 gol, quest'anno 9, con la trip...leggi
12/04/2019

LO SPECIALISTA. Guiducci azzera i playoff. Ora 38 giorni per la finale

SENIGALLIA. Cinque anni dopo, Massimiliano Guiducci (foto) compie la medesima impresa, evitare i playoff di Promozione A e andare direttamente allo spareggio finale per l’Eccellenza. Il successo di ieri permette alla sua Fc Vigor Senigallia di blindare con 68 punti la seconda posizione che significa niente playoff ma accesso dire...leggi
11/04/2019


I giocatori ex Dorica Torrette: torneremo! Un'amichevole per ripartire

ANCONA. Non si arrendono, sui profili dei giocatori spopola l'hashtag #torneremo. Che sia stata questa partita l'incipit per una nuova ripartenza del calcio torrettano? Si perchè proprio ieri sera si è disputata allo stadio Giuliani l’amichevole tra il Piano San Lazzaro e la selezione del quartiere di Torrette, composta in gran parte dagli ex giocatori della...leggi
05/04/2019

INTERVISTA. Renè Agosto: i gol a 38 anni per dimenticare l'infortunio

SANTA MARIA NUOVA. Ci sono bomber intramontabili e dai nomi romantici, uno di questi è Renè Agosto (foto), osimano di adozione ma di Castelfidardo. Compirà 39 anni a giugno, vanta oltre 200 gol in carriera ("Non li ho mai contati perchè non ho confidenza coi numeri") in quasi 30 anni di onorata militanza sui campi delle Marche. Tant...leggi
02/04/2019

MINNOZZI STORY. Parla papà Massimo: "Vi racconto il mio Matteo..."

Suo papà Massimo Minnozzi (foto a sinistra), 50 anni, è stato un attaccante di rango che ha militato in diverse importanti società come Portorecanati, Osimana, Porto Potenza e Sangiustese (solo per citarne alcune) che negli ultimi anni si è cimentato come allenatore alla guida di Nuova Picena, Montecassiano e Real Castelfidardo. Lasciato il ...leggi
02/04/2019

Gare l'11 Aprile: sale la protesta. Ma si può giocare di giovedi?

Probabilmente la maggior parte degli appassionati del calcio dilettantistico e dei dirigenti delle squadre non si erano accorti di un piccolo fatto che, con l'approssimarsi del finale di stagione, sta mettendo in un certo allarme molti addetti ai lavori. Viste le date del “Torneo delle Regioni” che si svolgerà a Matera in Basilicata dal 12 al 19 April...leggi
01/04/2019

Guido Galli si gode quota 20 gol: "E non nasco centravanti"

Quando mancano sei giornate al termine del campionato ha eguagliato il numero di reti del re dei bomber dell’Eccellenza dello scorso anno Matteo Minnozzi che chiuse la stagione regolare con 20 reti all’attivo. Per Guido Galli (foto), ascolano classe 1987 in forza al Fabriano Cerreto, è senza dubbio la stagione dei record quella che s...leggi
26/03/2019



L'INCONTRO. Malascorta agli arbitri: "Ci vuole passione. E studio"

Gustavo Malascorta (foto), Componente della Commissione Arbitri Interregionali, ha incontrato gli arbitri anconetani. Originario di Teramo e jesino di adozione, Malascorta nella sua carriera arbitrale ha diretto gare nell'allora Interregionale, per poi passare al ruolo di osservatore operando in tutte le commissioni, fino alla Commissione Arbitri Nazionale PRO.&nb...leggi
20/03/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,08027 secondi