Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


image host

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

L'INTERVISTA. 30 anni di Ciarlantini: "Pronto per una nuova sfida"

L'allenatore, dopo la non positiva esperienza all'Aurora Treia, è determinato più che mai a festeggiare le tre decadi in panchina con un nuovo progetto

Trent'anni di panchina. Tante soddisfazioni, qualche delusione. Come quella vissuta nella stagione appena archiviata all'Aurora Treia dove non ha avuto abbastanza tempo per palesare il suo lavoro. Giovanni Ciarlantini (foto), classe 1960, da settembre scorso in pensione dall'Arma dei Carabinieri, è pronto a tuffarsi in una nuova avventura. E proprio quest'anno sono tre decadi che allena. In mezzo c'è di tutto: dai settori giovanili (Albignasego Ferri, Caldarola...) a prime squadre (Monturanese, Corridonia, Settempeda...) fino a ruoli di responsabile di vivaio (Settempeda, Maceratese).

Mister, una stagione è ormai in archivio, un'altra sta per iniziare. Come ha visto l'Eccellenza, la massima categoria regionale?
"Ho seguito il Montegiorgio soprattutto nel girone di ritorno ma non mi ha fatto una buona impressione: l'ho visto fermo sulle gambe, mi è apparsa una squadra con poche idee e poca qualità. Mi è molto piaciuto invece il Porto d'Ascoli, anche se ha faticato a prendere il ritmo del campionato, ma se avesse vinto non avrebbe rubato nulla".

Le altre?
"Ho avuto modo di seguire alcune partite del Tolentino di Mosconi e non mi è piaciuto come stava in campo, però i risultati li ha fatti anche se certe partite sono state decise da gesti individuali. Ho visto un paio di volte il Porto Sant'Elpidio di Cuccù, era una squadra che giocava col freno a mano tirato, una buona formazione con ottime individualità ma che in campo aveva paura, faceva fatica a tirare in porta.... Ho assistito anche a qualche gara del Loreto, spesso è stato decisivo il portiere. Posso dire comunque che non ho visto un grande livello, però più che altro dovuto a un livellamento del campionato verso l'alto".

Scendiamo in Promozione. Il Montefano sabato si gioca l'Eccellenza col Sassoferrato Genga.
"Il Montefano mi ha stupito, il suo gioco a me onestamente non piace, troppe palle lunghe, ma possiede individualità importanti, è una squadra a livello atletico ottima, così come a livello tattico con i giocatori giusti al posto giusto, ha elementi esperti, il portiere è reattivo, davanti Aquino e Latini hanno fatto bene".

La delusione?
"Ad inizio campionato ho pronosticato sulla carta l'Helvia Recina favorita, era la più forte di tutti, così come il San Marco, squadra attrezzata in ogni reparto. Ecco, l'Helvia Recina poteva fare di più. Fino al girone di andata mi aveva stupito il Potenza Picena, che aveva dimostrato una solidità estrema e poi ha avuto un calo di convinzione e determinazione che non mi so spiegare".

E' pronto Ciarlantini a festeggiare i 30 anni di carriera su una nuova panchina?
"Sono pronto. Mi è dispiaciuto come è finita a Treia dove chi mi ha voluto non mi ha dato la possibilità di terminare il lavoro, e tutti sapevano delle problematiche dovute alla mancanza del portiere... Comunque conservo di quella esperienza un buon ricordo, fatto di affetti e amicizie".

In quale categoria vorrebbe tornare?
"Ogni categoria ha i suoi allenatori di riferimento, io conosco il mestiere e in tanti anni penso di aver dato qualcosa al movimento calcistico delle Marche".

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 05/06/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



Romano Mengoni ha sconfitto il Coronavirus: "Il peggio è alle spalle"

MONTECASSIANO. Sta riprendendo in mano la sua vita Romano Mengoni (foto), dopo aver passato giorni terribili in un letto d’ospedale in terapia intensiva, attaccato a un respiratore e in coma farmacologico. Il preparatore atletico legato a belle pagine della storia del Gubbio, con un passato anche alla Maceratese, ha lottato contro il coronavirus ...leggi
30/05/2020

"Solo in Serie D si retrocede per Covid 19": 31 club diffidano la FIGC

Sono 31 alla fine le squadre che protestano e diffidano la federazione per la richiesta di retrocessione in Eccellenza: ecco il comunicato ufficiale. “Si fa seguito alla illegittima, irricevibile ed umiliante proposta dell’ultimo Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti che vorrebbe sancire oltre che la sospensione dei campionati pure la retr...leggi
26/05/2020

"E' l'occasione per ripulire il calcio da personaggi poco seri"

«Il calcio è in grave difficoltà e necessita di decisioni urgenti per superarle. Se non arrivano provvedimenti immediati si mettono a rischio realtà che hanno una valenza sociale importantissima. Bisogna creare un punto zero e dare subito certezze a società che hanno bisogno di tempo per riorganizzarsi».Invoca prese di posizione forti da parte degli...leggi
20/05/2020

"Dico no ai privilegi nel calcio: il tampone deve essere per tutti"

Spontaneo. Genuino. Sincero. E' Fabrizio Castori, 65enne tecnico nato a San Severino Marche (ma residente a Tolentino) oggi alla guida del Trapani (Serie B) dopo una vita passata ad allenare squadre pro in mezza Italia. L'altra sera è intervenuto via Skype al programma tv Sportitaliamercato condotto da Valentina Ballarini con la presenza...leggi
19/04/2020

Il dramma di mister Lorenzotti: "Babbo e mamma morti per il Covid-19"

Fabio Lorenzotti (foto) è distrutto dal dolore: perdere entrambi i genitori, Pierino e Olga, in poco più di una settimana, è un’indicibile tragedia. "Non ho parole per descrivere quello che stiamo provando, mi sembra tutto un terribile incubo", racconta con un filo di voce, ma anche con un’ammirevole forza d&rsq...leggi
10/04/2020

Matelica l'anno prossimo in Serie C! Parola dell'avv. Chiacchio

Matelica (vedi la rosa) l'anno prossimo in Serie C! Parola di Eduardo Chiacchio (foto grande). Il navigato avvocato napoletano, uno dei più affermati per quanto concerne il diritto sportivo, dall’alto della sua esperienza ha espresso la propria opinione su quel che sar...leggi
08/04/2020

Pigini al Comitato: "Subito un summit tra società e Federazione"

PORTO RECANATI. La crisi economica del dopo Coronavirus inciderà sul calcio marchigiano, questo il pensiero del presidente del Portorecanati Fausto Pigini (foto): "Con l’inevitabile crisi finanziaria le società dilettantistiche faranno fatica a trovare risorse dalle sponsorizzazioni, e per molti sarà difficile soltanto iscriversi - è l...leggi
31/03/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

"Restate a casa! Tra poco posti letto e personale insufficienti"

Figlio d'arte, bomber in campo e infemiere di professione. E' Francesco Lepidi (foto), figlio di Domenico 'Lupo' (foto piccola), ex attaccante di Giulianova, Olbia, Elpidiense, Fermana e poi allenatore di diverse squadre dilettanti: Francesco lavora all'Istituto Santo Stefano di Porto Potenza. Ex Monte e Torre, Vis Faleria ed Elpidiense, in questa stagione milita al Por...leggi
18/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall...leggi
06/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Tolentino, frecciata di Ruci: "Il mio gol? Lo dedico a Giampaolo"

TOLENTINO. Il suo è stato un gol dell'ex. Alessio Ruci, alla prima segnatura con la maglia del Tolentino, domenica ha realizzato il primo gol del 3-1 contro la Recanatese. "A Recanati mi sono trovato bene - dice Ruci al Corriere Adriatico - questo gol lo voglio dedicare a mister Giampaolo che nella sua gestione non mi ha mai dato nessuna possibilit&...leggi
03/03/2020

Massimo Ciocci: "In Cina la situazione sta tornando alla normalità"

“Abitavo a Nanchino, a mille chilometri da Wuhan. Sono rientrato a metà novembre dalla Cina. Al tempo era tutto a posto, non c’erano problemi, le scuole erano aperte. I cinesi non ci avevano detto niente, l’epidemia legata al Coronavirus è scoppiata a gennaio.”. Inizia così il racconto di Massimo Ciocci (foto)...leggi
02/03/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,09987 secondi