Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


image host

SERIE D. Il girone F è una incognita. Soluzioni con 18 o 20 squadre?

Le 6 marchigiane al centro di un incrocio intricatissimo per la composizione del girone insieme a romagnole, abruzzesi, molisane e umbre. Scenari apertissimi e almeno tre soluzioni. Scongiurato (almeno sulla carta) il rischio Bari

Se la Serie C è sicuramente rimandata al prossimo 2 settembre (decisiva sarà la riunione del prossimo 22 agosto in Lega Pro) non può di certo sorridere la Serie D che attende di conoscere l'organico definito e dunque anche i gironi. Tempi lunghissimi ma inevitabili, considerando tutto quello che sta succedendo nella calda estate del calcio italiano. Molto dipende dalle situazioni delle big catapultate in Serie D. Il Modena era noto da tempo ma insieme ai canarini nelle ultime ore ecco ad esempio la nuova Reggiana e il Bari targato De Laurentis: budget da oltre tre milioni di euro che potrebbe raddoppiare nel caso questa mattina il colloquio tra il sindaco barese e Fabbricini porti ad una riammissione in C dei galletti. Molto improbabile mentre un Bari in D complicherebbe la costruzione dei gironi, operazione quest’anno molto complessa. La tendenza che si apprende è quella di non inserire, anche se i precedenti raccontano di situazioni diverse, le big in sovrannumero nel medesimo girone. Ecco dunque che Reggiana e Modena andrebbero in gironi differenti di certo mentre diverso è il discorso per l’RC Cesena che riparte dalla matricola del Romagna Centro. Possibile pensare ad un Modena nel medesimo girone dei bianconeri anche se in terra di Romagna sembrano aver avuto rassicurazioni che questo non avverrà. Quindi Rc Cesena con le marchigiane? E’ una delle possibilità. In totale sono 5 le romagnole considerando anche il San Marino che diventano 6 considerando anche il Classe, la squadra di Ravenna che eliminò ai playoff di Eccellenza proprio il porto D’Ascoli. Facendo due conti potrebbe essere un girone da 18 con le s6 romagnole (Classe, Rc Cesena, Savignanese, Forlì, Sammaurese e Santarcangelo), 6 marchigiane (Castelfidardo, Jesina, Matelica, Recanatese, Sangiustese, Montegiorgio) e le 6 abruzzesi (SN Notaresco, Real Giulianova, Pineto, Francavilla, Avezzano, Vastese). Ipotesi possibile ma nella quale vanno considerate almeno un paio di soluzioni alternative.

Le tre molisane. Sono Isernia, Campobasso, Agnonese e la questione principale riguarda proprio la “Città delle Campane” che ha uno stadio senza barriere, unico al sud. Per questo l’Osservatorio Nazionale ha sempre insistito con il Comitato Interregionale per evitare che l’Agnonese fosse inserita con le squadre pugliesi, evitando dunque molte gare a porte chiuse per ordine pubblico. Sarà confermata questa tendenza o ci saranno novità dovuta anche alla particolarità dell’organico di Serie D? Fosse confermate le molisane tornerebbero a giocare con abruzzesi e marchigiane.

Chi completerebbe il girone F? Si andrebbe dunque alla conformazione dello scorso anno con Marche, Abruzzo e Molise per un totale però di 15 squadre, numero insufficiente che ha bisogno di una integrazione. Già detto che a Sud (pugliesi) non si può guardare per ordine pubblico, restano due sole possibilità. Un girone da 20 con le cinque romagnole (il Classe andrebbe in questo caso nel girone B) che comporrebbe un aumento delle giornate (ben 38) e almeno 4-5 turni infrasettimanali per una stagione massacrante. Altra ipotesi quella delle 18 squadre con l’inserimento delle tre umbre ovvero Trestina, Bastia e la neo-ripescata Cannara con maerchigiane, abruzzesi e molisane. Altra ipotesi che potrebbe non essere scartata quella delle 6 romagnole, insieme alle marchigiane e alle umbre per un totale di 15 con il girone che potrebbe essere completato a nord o sud con l’allargamento ad alcune squadre emiliano romagnole o alle abruzzesi della parte nord della regione per arrivare a 18. Ultima soluzione possibile quella "Adriatica" definiamola così con le 6 romagnole, le 6 marchigiane e le 6 abruzzesi tutte insieme: in questo caso "escluse" umbre e molisane ma con incognita dell'ordine pubblico per queste ultime. Tante le proiezioni  che circolano e le ipotesi da fare: di certo una situazione molto complessa per la quale i prossimi giorni saranno assolutamente decisivi e le tappe sono ben chiare. Innanzitutto definire l’organico completo (venerdì potrebbe essere giornata decisiva) e poi il via ai gironi. Va ricordato che il 19 agosto si gioca la prima gara ufficiale con il turno preliminare di Coppa Italia. Tra soli 11 giorni: vietato dunque scherzare con il fuoco!

Nella foto i tecnici delle marchigiane nella prossima Serie D: Ciampelli (Jesina), Pazzaglia (Castelfidardo), Tiozzo (Matelica), Alessandrini (Recanatese), Senigagliesi (Sangiustese), Paci (Montegiorgio)

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 08/08/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



"Solo in Serie D si retrocede per Covid 19": 31 club diffidano la FIGC

Sono 31 alla fine le squadre che protestano e diffidano la federazione per la richiesta di retrocessione in Eccellenza: ecco il comunicato ufficiale. “Si fa seguito alla illegittima, irricevibile ed umiliante proposta dell’ultimo Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti che vorrebbe sancire oltre che la sospensione dei campionati pure la retr...leggi
26/05/2020

Osimana, allenatori dal cuore d'oro: rinunciano ai rimborsi!

OSIMO. La dirigenza dell'Osimana nella giornata di ieri ha incontrato gli esponenti del settore giovanile per fare un punto della situazione, dopo il periodo di quarantena. Presente e futuro, gli argomenti trattati, che verranno ufficializzati nei prossimi giorni. Da sottolineare il gesto generoso degli allenatori che hanno deciso di rinunciare alle ultime 3 mensilità pe...leggi
22/05/2020

Sibilia (LND) a RadioTua: "In D non rinunceremo alle 9 promozioni"

Il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia (foto), oggi pomeriggio è intervenuto telefonicamente al programma “Puntobiancorosso” sulle frequenze di Radiotua e RMM606 toccando vari aspetti del calcio dilettantistico. STAGIONE 2019-2020. "Personalmente ancora spero che i campionati possano concludersi sul campo,...leggi
28/04/2020

"Questo stop servirà ad allontanare certi avventurieri dal calcio"

ANCONA. "Non vedo possibile una ripresa dei campionati dilettantistici, ormai non ci credo più. Il discorso vale anche per la serie D dove, eventualmente, ci sarebbero movimenti, trasferte. Siamo già tornati alla normalità? Non mi sembra e non succederà in un lasso di tempo breve. Nello stesso tempo quando si ripartirà vanno premiate le società che poss...leggi
07/04/2020

"L'Osimana è sopravvissuta alla guerra e supererà anche la pandemia"

OSIMO. Presidente Antonio Campanelli (foto), come ha vissuto questo mese senza calcio?"Surreale perché all’astinenza da calcio, si sono sommate paure, incertezze e disagi inusuali. Il momento è questo, affrontiamolo nel migliore dei modi e teniamoci pronti a ripartire, appena possibile, nella massima sicurezza, facendo tesoro ...leggi
31/03/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

Il Covid-19 e il rientro in Spagna: l'Odissea di Paquito Morales

Ha approfittato della sospensione dei campionati "Paquito" Francisco Morales (foto) per tornare a Siviglia e trascorrere i giorni con i suoi familiari, in un momento tanto delicato a livello internazionale come l'emergenza coronavirus. Ma il viaggio di rientro in Spagna è stata una vera e propria odissea, come ha raccontato...leggi
15/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Jesina, the end: via i big, si finisce la stagione con i baby

JESI. La Jesina perde con il Porto Sant'Elpidio (19esima sconfitta stagionale) e smobilita. La società prende la palla al balzo e schiera la linea verde da qui alla fine: via i big, si finirà la stagione con i baby. Così il vicepresidente operativo Alessandro Cossu: "E' una scelta della società perché non è giusto debba...leggi
02/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

Il Castelfidardo tenta la fuga. Capponi: "Primo posto meritato"

CASTELFIDARDO. Raggiunto il primo posto, il Castelfidardo ora tenta la fuga. La neo capolista di Eccellenza potrà anche approfittare del big match Anconitana - Vigor Senigallia: un passo falso dei dorici e i fidardensi vittoriosi ad Urbania, ecco che si potrebbe concretizzare una prima mini fuga."La vittoria con l'Anconitana è stata molto importante...leggi
21/02/2020

LA STORIA. Papà muore dopo l'esordio del figlio in un club 'pro'

Il sogno di suo figlio era anche il suo ed è stato più forte della malattia, alla quale si è arreso solo dopo aver visto il figlio calciatore firmare per una squadra professionistica. E’ la storia di Roberto Paglialunga, operaio metalmeccanico in un'azienda di Castelfidardo morto lunedì scorso all'età di 49 anni, dopo aver condiviso col ...leggi
19/02/2020



Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,25042 secondi