Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


image host

Aveva smesso, fa il difensore, ha 44 anni: Boncompagni-gol nel derby!

“Per me questa rete contro il Pietralacroce vale tantissimo, sono tre anni che ho riniziato a giocare con il Varano, avevo lasciato il calcio da un pezzo. Li c’è un gruppo di amici, di ragazzi che conosco, mi hanno coinvolto"

Fare gol non è mai facile, soprattutto se di ruolo fai il difensore. Fabrizio Boncompagni, 44 anni compiuti, ha messo a segno il gol vittoria nella partita contro il Pietralacroce (Seconda categoria girone C, vedi il campionato) vinta dai padroni di casa per 1-0. “Ho avuto la fortuna di trovarmi al posto giusto nel momento giusto” afferma Boncompagni. Al minuto 23’ del primo tempo dopo un calcio d’angolo la palla esce fuori dall’area di rigore, un compagno la ributta in mezzo “ho stoppato, ho guardato il portiere e di collo esterno l’ho direzionata verso l’angolo più lontano, il portiere l’ha toccata ma la palla è entrata lo stesso”.

“Per me questo gol vale tantissimo – racconta Boncompagni - sono tre anni che ho riniziato a giocare con il Varano, avevo smesso da un pezzo. Li c’è un gruppo di amici, di ragazzi che conosco, mi hanno coinvolto. Siamo partiti dalla Terza Categoria, sport e divertimento puro, poi siamo saliti in Seconda, l’impegno è un po’ cresciuto. Erano tre anni che speravo di regalare un gol ai compagni e al mister, sono veramente meravigliosi. Sono tornato bambino, come quando da piccolo andavo sotto casa a giocare a pallone sull’asfalto. E’ un divertimento vero al Varano, non si vede l’ora di stare insieme, il gruppo è eccezionale, per me è un piacere aver fatto questo gol. Il derby contro il Pietralacroce è uno di quelli più sentiti, si conoscono un po’ tutti, ci tenevano tantissimo”.

Boncompagni, non è facile giocare titolare a 44 anni suonati.
Quest’anno in teoria non doveva essere così perché la rosa è stata rinforzata e ringiovanita. La squadra ha un’età media abbastanza alta. Sto entrando in forma, qualche acciacco c’è ma lo reggo, ed ho iniziato titolare da subito. Non pensavo di finire la partita, oltretutto ero anche influenzato, non avevo la febbre, ma mal di gola e raffreddore si. Con il sole caldo di inizio pomeriggio poi… è andato tutto bene”.

La carriera di Fabrizio Boncompagni è lunga. Fa tutta la trafila nelle giovanili dell’Ancona, due anni in Primavera, quando la prima squadra era in Serie A. “Dopo il fallimento avevo pensato di smettere, poi il mister mi ha convinto a ripartire”. Piobbico, Ostra Vetere, Recanatese, Belvederese, Real Vallesina, Mondolfo, Filottranese. “A 30 anni pensavo di smettere per davvero, il Camerano mi ha cercato e sono rimasto li nove anni. Alla fine collaboravo con l’allenatore in prima squadra. Dopo tre anni si è conclusa, è finita in modo inaspettato”.

Più di una volta è stato sul punto di smettere, ma è sempre ripartito. Quando pensa di appendere davvero gli scarpini al chiodo?
“Penso che ormai ci siamo – sorride – per quanto sia grande la passione e la voglia purtroppo è una lotta contro i mulini a vento. Prima o poi bisognerà fermarsi. Mi sto divertendo, per me è il massimo in questo momento”.

Ha pensato mai di fare l’allenatore?
“Non lo so. Non ho fatto corsi, non ho conseguito patentini. Anche qui al Varano con mister Danilo Tacchi do una mano, ma non mi intrometto. Non mi ci sento nel ruolo di allenatore. Quando smetterò di fare il giocatore mi piacerebbe restare nel giro. E’ una di quelle cose a cui non penso”.

Il suo prossimo obiettivo?
“Non me ne pongo. La sto vivendo finché dura. Per il Varano mi auguro invece una salvezza tranquilla e crescere insieme".

 

L’hanno festeggiata per questo gol. In un filmato all’interno dello spogliatoio i suoi compagni saltavano tutti di gioia.
Siamo andati a bere e mangiare insieme, come tutte le partite. Conta il Varano, nessuno in particolare”.

 

 

 

 

 

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da Andrea Cesca il 16/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



"Solo in Serie D si retrocede per Covid 19": 31 club diffidano la FIGC

Sono 31 alla fine le squadre che protestano e diffidano la federazione per la richiesta di retrocessione in Eccellenza: ecco il comunicato ufficiale. “Si fa seguito alla illegittima, irricevibile ed umiliante proposta dell’ultimo Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti che vorrebbe sancire oltre che la sospensione dei campionati pure la retr...leggi
26/05/2020

Osimana, allenatori dal cuore d'oro: rinunciano ai rimborsi!

OSIMO. La dirigenza dell'Osimana nella giornata di ieri ha incontrato gli esponenti del settore giovanile per fare un punto della situazione, dopo il periodo di quarantena. Presente e futuro, gli argomenti trattati, che verranno ufficializzati nei prossimi giorni. Da sottolineare il gesto generoso degli allenatori che hanno deciso di rinunciare alle ultime 3 mensilità pe...leggi
22/05/2020

Sibilia (LND) a RadioTua: "In D non rinunceremo alle 9 promozioni"

Il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia (foto), oggi pomeriggio è intervenuto telefonicamente al programma “Puntobiancorosso” sulle frequenze di Radiotua e RMM606 toccando vari aspetti del calcio dilettantistico. STAGIONE 2019-2020. "Personalmente ancora spero che i campionati possano concludersi sul campo,...leggi
28/04/2020

"Questo stop servirà ad allontanare certi avventurieri dal calcio"

ANCONA. "Non vedo possibile una ripresa dei campionati dilettantistici, ormai non ci credo più. Il discorso vale anche per la serie D dove, eventualmente, ci sarebbero movimenti, trasferte. Siamo già tornati alla normalità? Non mi sembra e non succederà in un lasso di tempo breve. Nello stesso tempo quando si ripartirà vanno premiate le società che poss...leggi
07/04/2020

"L'Osimana è sopravvissuta alla guerra e supererà anche la pandemia"

OSIMO. Presidente Antonio Campanelli (foto), come ha vissuto questo mese senza calcio?"Surreale perché all’astinenza da calcio, si sono sommate paure, incertezze e disagi inusuali. Il momento è questo, affrontiamolo nel migliore dei modi e teniamoci pronti a ripartire, appena possibile, nella massima sicurezza, facendo tesoro ...leggi
31/03/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

Il Covid-19 e il rientro in Spagna: l'Odissea di Paquito Morales

Ha approfittato della sospensione dei campionati "Paquito" Francisco Morales (foto) per tornare a Siviglia e trascorrere i giorni con i suoi familiari, in un momento tanto delicato a livello internazionale come l'emergenza coronavirus. Ma il viaggio di rientro in Spagna è stata una vera e propria odissea, come ha raccontato...leggi
15/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Jesina, the end: via i big, si finisce la stagione con i baby

JESI. La Jesina perde con il Porto Sant'Elpidio (19esima sconfitta stagionale) e smobilita. La società prende la palla al balzo e schiera la linea verde da qui alla fine: via i big, si finirà la stagione con i baby. Così il vicepresidente operativo Alessandro Cossu: "E' una scelta della società perché non è giusto debba...leggi
02/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

Il Castelfidardo tenta la fuga. Capponi: "Primo posto meritato"

CASTELFIDARDO. Raggiunto il primo posto, il Castelfidardo ora tenta la fuga. La neo capolista di Eccellenza potrà anche approfittare del big match Anconitana - Vigor Senigallia: un passo falso dei dorici e i fidardensi vittoriosi ad Urbania, ecco che si potrebbe concretizzare una prima mini fuga."La vittoria con l'Anconitana è stata molto importante...leggi
21/02/2020

LA STORIA. Papà muore dopo l'esordio del figlio in un club 'pro'

Il sogno di suo figlio era anche il suo ed è stato più forte della malattia, alla quale si è arreso solo dopo aver visto il figlio calciatore firmare per una squadra professionistica. E’ la storia di Roberto Paglialunga, operaio metalmeccanico in un'azienda di Castelfidardo morto lunedì scorso all'età di 49 anni, dopo aver condiviso col ...leggi
19/02/2020



Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,13925 secondi