Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


image host

Vicenda Martiniello. L'assordante silenzio del Palazzo. VIDEO Mediaset

Dalla presidenza del Comitato Regionale, ad oggi, nessuna presa di posizione su un episodio che sta avendo rilevanza nazionale

Calcio marchigiano su tutte le prime pagine di giornali, telegiornali e siti on line, per un episodio non certo edificante: il primo caso nazionale di Daspo comminato ad un arbitro, a seguito dei fatti avvenuti nel dopo partita di Borgo Mogliano – Montottone Grottese, valida per il campionato di Seconda categoria. Tutti ne parlano, ad esempio le maggiori radio a carattere nazionale hanno dato ampio spazio alla notizia ed anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo avuto un picco d'interesse molto rilevante ed un numero elevato di contatti.

 

Tutti ne parlano, ma c'è qualcuno che avrebbe pieno titolo per farlo e a tutt'oggi tace e non rivela in alcun modo la propria posizione. Parliamo del massimo esponente del movimento calcistico regionale, ovvero il presidente uscente (visto che tra l'altro quest'anno si vota per il rinnovo delle cariche) Paolo Cellini. Tutto tace in via Schiavoni, mentre intorno succedono eventi che non esitiamo a definire epocali. E' della giornata di ieri il provvedimento del Questore di Macerata Dott. Pignataro il quale, dopo aver chiuso le indagini, ha inflitto un anno di Daspo all'arbitro Martiniello per aver commesso un atto di violenza verso il portiere Ciccioli, ancor più grave poiché nell'espletamento delle sue funzioni l'arbitro è da considerarsi un pubblico ufficiale. Ad oggi dal Comitato Regionale registriamo solo la squalifica di oltre due anni, inflitta da parte del Giudice Sportivo, a carico del portire Ciccioli e la conferma integrale di tutto ciò che è stato dichiarato dall'arbitro stesso nel referto. Salvo poi assistere, nel giro di poche ore, una rapida retromarcia con una “errata-corrige”, peggiore del primo comunicato.

A questo punto le ipotesi in campo sono due:
- Per motivi sconosciuti e oscuri i dirigenti di due società di calcio si sono accordati per rovinare la vita e la carriera ad un arbitro, dichiarando tutti il falso ai Carabinieri che hanno svolto le indagini, pertanto è stato Ciccioli a provocare il direttore di gara, cercando anche di colpirlo e, per avvalorare la sua tesi, procurandosi anche delle lesioni che all'Ospedale di Macerata hanno giudicato guaribili in 15 giorni.
- L'arbitro Martiniello ha commesso una “stupidaggine” piuttosto grave e resosi conto della situazione ha pensato bene di darsela a gambe senza attendere l'arrivo delle Forze dell'Ordine e, una volta a casa, ha compilato un referto palesemente impreciso e subito smentito dal Comando Carabinieri di Macerata, tanto che il Giudice Sportivo è dovuto intervenire per correggere delle discrepanze sostanziali e non certo formali. 
La decisione del Questore non lascia spazio a dubbi o incertezze di sorta, e la pena comminata, la prima di questo genere in Italia, non è certo leggera, specialmente per chi è da sempre inserito nel mondo dello sport e nel calcio in particolare. La curiosità però adesso è anche un'altra: visto che secondo il Giudice Sportivo il colpevole è Ciccioli, al quale sono stati inflitti oltre due anni di squalifica, si continuerà sulla stessa linea, mantenendo a tutti i costi l'opinione primaria? Si potrebbe arrivare all'assurdo di un tesserato che è colpevole per la Giustizia Ordinaria e innocente per quella Sportiva, un caso di scuola che farebbe sbizzarrire tutti gli appassionati della materia.

Al di la di come finirà la vicenda resta il comportamento inspiegabile del Giudice Sportivo che, a seguito del clamore mediatico scatenatosi dopo il fatto, avrebbe fatto probabilmente bene ad alzare il telefono e chiamare i Carabinieri di Macerata, senza prendere per oro colato quanto scritto sul referto dall'arbitro. Salvo poi fare una rapida mezza retromarcia, all'uscita del nostro articolo nel quale si affermava con assoluta certezza che l'arbitro fosse uscito dall'impianto di gioco senza essere accompagnato dai Carabinieri che, come abbiamo già detto non c'erano ancora. Ancor più grave però è da considerarsi il comportamento del presidente Cellini che, probabilmente per non scontentare nessuno, si guarda bene dal prendere posizione e far sentire la sua voce. Forse vorrà difendere anche l'onorabilità di un tesserato, ma ci chiediamo, non sono ugualmente tesserati anche i giocatori ed i dirigenti del Borgo Mogliano e del Montottone Grottese che hanno assistito all'increscioso episodio ed hanno testimoniato ai Carabinieri? Anche la loro onorabilità va difesa e tutelata a nostro parere. Oppure esistono tesserati di Serie A e tesserati di Serie B?

Sappiamo perfettamente che in ambito dilettantistico tutto ciò che è dichiarato dall'arbitro è da considerarsi veritiero (non potrebbe essere altrimenti), se si vuol andare avanti con i campionati. Ma quando, come in questo caso, emergono delle vicende poco chiare o che si prestano alle più svariate interpretazioni, non sarebbe meglio intervenire subito, anche drasticamente, al fine di evitare un succedersi di voci incontrollate e mezze verità che fanno solo male al movimento calcistico regionale? Non si chiedono giudizi sommari, ma chi ha sbagliato è giusto che paghi. Tutti nella vita possiamo commettere degli errori, più o meno gravi, ed in prima battuta il primo gesto da fare deve essere quello di chiedere scusa. Sarebbe già un bel passo avanti verso tutte quelle migliaia di persone che, a vario titolo, dedicano una parte importante della loro vita a questo sport. Nessuno di loro si sognerebbe mai di trovarsi invischiato in episodi del genere, e mai oserebbe mettere in dubbio la parola dell'arbitro o il suo referto post-gara. Va però ricordato che siamo invecchiati seguendo il calcio locale e l'esperienza purtroppo ci porta ad essere pessimisti, non vorremmo che tra qualche tempo e con tutta la calma del modo, tutto sfumasse come se non fosse mai accaduto nulla. A tal proposito ci permettiamo di chiudere citando il famoso film “Il Marchese del Grillo”, nel quale davanti ad una palese ingiustizia, il protagonista pronunciava la famosa battuta”...perchè è così? Perchè io so' io e voi non siete un c...!”.

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 12/02/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



"Questo stop servirà ad allontanare certi avventurieri dal calcio"

ANCONA. "Non vedo possibile una ripresa dei campionati dilettantistici, ormai non ci credo più. Il discorso vale anche per la serie D dove, eventualmente, ci sarebbero movimenti, trasferte. Siamo già tornati alla normalità? Non mi sembra e non succederà in un lasso di tempo breve. Nello stesso tempo quando si ripartirà vanno premiate le società che poss...leggi
07/04/2020

"L'Osimana è sopravvissuta alla guerra e supererà anche la pandemia"

OSIMO. Presidente Antonio Campanelli (foto), come ha vissuto questo mese senza calcio?"Surreale perché all’astinenza da calcio, si sono sommate paure, incertezze e disagi inusuali. Il momento è questo, affrontiamolo nel migliore dei modi e teniamoci pronti a ripartire, appena possibile, nella massima sicurezza, facendo tesoro ...leggi
31/03/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

Il Covid-19 e il rientro in Spagna: l'Odissea di Paquito Morales

Ha approfittato della sospensione dei campionati "Paquito" Francisco Morales (foto) per tornare a Siviglia e trascorrere i giorni con i suoi familiari, in un momento tanto delicato a livello internazionale come l'emergenza coronavirus. Ma il viaggio di rientro in Spagna è stata una vera e propria odissea, come ha raccontato...leggi
15/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Jesina, the end: via i big, si finisce la stagione con i baby

JESI. La Jesina perde con il Porto Sant'Elpidio (19esima sconfitta stagionale) e smobilita. La società prende la palla al balzo e schiera la linea verde da qui alla fine: via i big, si finirà la stagione con i baby. Così il vicepresidente operativo Alessandro Cossu: "E' una scelta della società perché non è giusto debba...leggi
02/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

Il Castelfidardo tenta la fuga. Capponi: "Primo posto meritato"

CASTELFIDARDO. Raggiunto il primo posto, il Castelfidardo ora tenta la fuga. La neo capolista di Eccellenza potrà anche approfittare del big match Anconitana - Vigor Senigallia: un passo falso dei dorici e i fidardensi vittoriosi ad Urbania, ecco che si potrebbe concretizzare una prima mini fuga."La vittoria con l'Anconitana è stata molto importante...leggi
21/02/2020

LA STORIA. Papà muore dopo l'esordio del figlio in un club 'pro'

Il sogno di suo figlio era anche il suo ed è stato più forte della malattia, alla quale si è arreso solo dopo aver visto il figlio calciatore firmare per una squadra professionistica. E’ la storia di Roberto Paglialunga, operaio metalmeccanico in un'azienda di Castelfidardo morto lunedì scorso all'età di 49 anni, dopo aver condiviso col ...leggi
19/02/2020

La doppia sfida di Garbuglia: classifica marcatori e... 2° posto!

Diciotto gol dopo 22 giornate di campionato. Michele Garbuglia (foto, vedi scheda), attaccante del Loreto, sempre a segno nelle ultime quattro partite, guida la classifica dei marcatori nel girone B di Promozione.“Quattro anni fa con la maglia del Loreto ne avevo mess...leggi
18/02/2020

Frankie, il pappagallo amico di Scarponi, si è dato al calcio

Frankie, il pappagallo che accompagnava regolarmente il compianto Michele Scarponi durante gli allenamenti di ciclismo, si è dato al calcio. Il simpatico pennuto, la cui storia è stata raccontata anche da una tv australiana, la NTD Television, ha superato l’operazione ad un’ala spezzata a causa di un investimento, ed anche sabato scors...leggi
10/02/2020


Francoletti, terzo rigore parato. E l'Olimpia Ostra Vetere sorride

OSTRA VETERE. Contro il Varano è arrivata la quarta vittoria su cinque partite nel girone di ritorno per l’Olimpia Ostra Vetere (Seconda categoria girone C). Buona parte del merito è anche del portiere Francesco Francoletti (foto by Manolin Enciso), che ha neutralizzato il calcio di rigore di Abate. Non è una novità pe...leggi
07/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,11806 secondi