Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


image host

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Il Sindaco di Monte S.Giusto Gentili entra a gamba tesa su Pantanetti

L'ex patron della Sangiustese aveva incolpato l'Amministrazione Comunale del trasloco della squadra a Civitanova Marche. Immediata la risposta del primo cittadino

MONTE SAN GIUSTO. Il sindaco di Monte San Giusto Andrea Gentili (foto a sinista) interviene per replicare all’ex patron della Sangiustese, Antonio Pantanetti (foto a destra), che ha additato il primo cittadino come principale responsabile per il trasloco in riva all’Adriatico del sodalizio rossoblù (leggi l'articolo). “Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale in questi anni si sono impegnati oltre le proprie competenze per trovare una soluzione per la condivisione del centro sportivo di Villa San Filippo – attacca Gentili -  Purtroppo non è facile mettere d’accordo i dirigenti, fra le altre cose al tempo la Sangiustese risultava inadempiente con il canone, ci sono stati dei contenziosi. L’amministrazione, mi preme sottolinearlo, è stata sempre disponibile a parlare con tutti”.

Il sindaco Gentili attacca Pantanetti sul fronte politico: “Voglio ricordare ad Antonio Pantanetti che il sottoscritto ha preso 2534 voti alle ultime elezioni comunali cinque mesi fa, nonostante lui abbia gufato perché fa parte di uno di quei 780 che hanno votato contro. E’ stato un risultato netto pari al 62%. I cittadini ci hanno dato fiducia anche per come abbiamo gestito le vicende legate al calcio”.

Poi il primo cittadino affonda il colpo: “Pantanetti appartiene ad un’epoca che non c’è più. Lui pensa che un’amministrazione comunale, una comunità, viva di calcio. Per fortuna non è più così. Questa amministrazione non dà più il contributo di 25mila euro che lui ha preso per tanti anni. I costi della manutenzione, del taglio dell’erba, allora erano a totale carico dell’amministrazione comunale. Nonostante si faccia paladino dei colori rossoblù e dei bambini di Monte San Giusto, quando Pantanetti gestiva la Sangiustese, nessun ragazzino metteva piede sul campo di Villa San Filippo. I giovani dovevano andare a San Claudio e alla Corva di Porto Sant’Elpidio. Prima di dare lezioni su come va gestito il campo, Pantanetti deve fare il mea culpa per quello che ha fatto lui in passato. Con quei 25mila euro che prendeva ogni anno, quanti chili di vernice ha comprato per pitturare gli spogliatoi, o la ringhiera o il muro in calcestruzzo che delimita lo stadio? Quando io sono arrivato gli spogliatoi erano neri di muffa. Lui faceva giocare i bambini sul campo in terra rossa a Monte San Giusto ed i professionisti a Villa San Filippo dove nessun altro, nemmeno i pulcini, potevano fare una partita la domenica mattina. Adesso abbiamo due campi dove giocano 300 ragazzi. Oggi lui spinge le famiglie di Monte San Giusto per mandare a giocare i propri figli nelle società dei paesi limitrofi. Questo significa avere a cuore la comunità di Monte San Giusto? Lui ha fatto il dirigente anche in una società di Montegranaro, non è stato sempre fedele ai colori rossoblù, non è stata una bandiera. Il numero di matricola della Sangiustese di allora non esiste più, la Sangiustese di oggi non è figlia di quella Sangiustese. Non accetto lezione di Antonio Pantanetti. Lui dice sempre che la sua Sangiustese è andata in Serie C2, poi dopo dove è andata? A parte la foto con Corona, che fine ha fatto?”.

Il sindaco Gentili termina abbassando i toni: “Questa è una scelta che ci ha contraddistinto anche rispetto ad altre amministrazioni. Abbiamo investito negli impianti, abbiamo fatto un bando di gestione, chi voleva poteva partecipare. Il resto non spetta a noi. Io ho fatto anche più di quanto mi spettava in questi anni, mi sono seduto spesso intorno al tavolo per discutere, ultimamente tanti non si sono presentati. Ci sono lettere antecedenti le elezioni, che parlano del trasferimento della Sangiustese a Civitanova. Sono due anni che non vedo un dirigente della Sangiustese”.

Poi Gentili conclude: “Meritiamo rispetto. Grazie agli investimenti del Comune ed ai finanziamenti presi da noi e dalla precedente amministrazione abbiamo un centro sportivo federale come non ce ne sono altri in provincia di Macerata: abbiamo più di 400 metri di spogliatoi, due campi da gioco. Mercoledì partiranno i lavori alla tribuna, 98mila euro di riqualificazione. I prossimi anni faremo altri investimenti, il piazzale è fatiscente. Per dare in gestione una struttura sono necessari i bandi, non è più come prima. Se c’è qualcosa di irregolare ci sono gli strumenti per fare ricorso”.

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da Andrea Cesca il 12/10/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



"Solo in Serie D si retrocede per Covid 19": 31 club diffidano la FIGC

Sono 31 alla fine le squadre che protestano e diffidano la federazione per la richiesta di retrocessione in Eccellenza: ecco il comunicato ufficiale. “Si fa seguito alla illegittima, irricevibile ed umiliante proposta dell’ultimo Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti che vorrebbe sancire oltre che la sospensione dei campionati pure la retr...leggi
26/05/2020

"E' l'occasione per ripulire il calcio da personaggi poco seri"

«Il calcio è in grave difficoltà e necessita di decisioni urgenti per superarle. Se non arrivano provvedimenti immediati si mettono a rischio realtà che hanno una valenza sociale importantissima. Bisogna creare un punto zero e dare subito certezze a società che hanno bisogno di tempo per riorganizzarsi».Invoca prese di posizione forti da parte degli...leggi
20/05/2020

"Dico no ai privilegi nel calcio: il tampone deve essere per tutti"

Spontaneo. Genuino. Sincero. E' Fabrizio Castori, 65enne tecnico nato a San Severino Marche (ma residente a Tolentino) oggi alla guida del Trapani (Serie B) dopo una vita passata ad allenare squadre pro in mezza Italia. L'altra sera è intervenuto via Skype al programma tv Sportitaliamercato condotto da Valentina Ballarini con la presenza...leggi
19/04/2020

Il dramma di mister Lorenzotti: "Babbo e mamma morti per il Covid-19"

Fabio Lorenzotti (foto) è distrutto dal dolore: perdere entrambi i genitori, Pierino e Olga, in poco più di una settimana, è un’indicibile tragedia. "Non ho parole per descrivere quello che stiamo provando, mi sembra tutto un terribile incubo", racconta con un filo di voce, ma anche con un’ammirevole forza d&rsq...leggi
10/04/2020

Matelica l'anno prossimo in Serie C! Parola dell'avv. Chiacchio

Matelica (vedi la rosa) l'anno prossimo in Serie C! Parola di Eduardo Chiacchio (foto grande). Il navigato avvocato napoletano, uno dei più affermati per quanto concerne il diritto sportivo, dall’alto della sua esperienza ha espresso la propria opinione su quel che sar...leggi
08/04/2020

Pigini al Comitato: "Subito un summit tra società e Federazione"

PORTO RECANATI. La crisi economica del dopo Coronavirus inciderà sul calcio marchigiano, questo il pensiero del presidente del Portorecanati Fausto Pigini (foto): "Con l’inevitabile crisi finanziaria le società dilettantistiche faranno fatica a trovare risorse dalle sponsorizzazioni, e per molti sarà difficile soltanto iscriversi - è l...leggi
31/03/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

"Restate a casa! Tra poco posti letto e personale insufficienti"

Figlio d'arte, bomber in campo e infemiere di professione. E' Francesco Lepidi (foto), figlio di Domenico 'Lupo' (foto piccola), ex attaccante di Giulianova, Olbia, Elpidiense, Fermana e poi allenatore di diverse squadre dilettanti: Francesco lavora all'Istituto Santo Stefano di Porto Potenza. Ex Monte e Torre, Vis Faleria ed Elpidiense, in questa stagione milita al Por...leggi
18/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall...leggi
06/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Tolentino, frecciata di Ruci: "Il mio gol? Lo dedico a Giampaolo"

TOLENTINO. Il suo è stato un gol dell'ex. Alessio Ruci, alla prima segnatura con la maglia del Tolentino, domenica ha realizzato il primo gol del 3-1 contro la Recanatese. "A Recanati mi sono trovato bene - dice Ruci al Corriere Adriatico - questo gol lo voglio dedicare a mister Giampaolo che nella sua gestione non mi ha mai dato nessuna possibilit&...leggi
03/03/2020

Massimo Ciocci: "In Cina la situazione sta tornando alla normalità"

“Abitavo a Nanchino, a mille chilometri da Wuhan. Sono rientrato a metà novembre dalla Cina. Al tempo era tutto a posto, non c’erano problemi, le scuole erano aperte. I cinesi non ci avevano detto niente, l’epidemia legata al Coronavirus è scoppiata a gennaio.”. Inizia così il racconto di Massimo Ciocci (foto)...leggi
02/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,14877 secondi