Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Macerata


image host

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

"E' l'occasione per ripulire il calcio da personaggi poco seri"

Il tecnico Stefano Senigagliesi tra presente e futuro

«Il calcio è in grave difficoltà e necessita di decisioni urgenti per superarle. Se non arrivano provvedimenti immediati si mettono a rischio realtà che hanno una valenza sociale importantissima. Bisogna creare un punto zero e dare subito certezze a società che hanno bisogno di tempo per riorganizzarsi».
Invoca prese di posizione forti da parte degli organi federali Stefano Senigagliesi (foto), convinto che non si possano procrastinare riforme e innovazioni per restituire vigore al movimento calcistico. Il 56enne timoniere osimano, reduce dall’avventura alla Sangiustese conclusa a gennaio dopo due stagioni di alto livello, al Corriere Adriatico esamina la situazione con lucidità.

Mister Senigagliesi, ritiene giusto che la serie C si fermi mentre A e B tentanodi ripartire?
«Non ho dati sufficienti per motivare la volontà dei presidenti della Lega Pro che chiedono la sospensione definitiva. Dico solo che come stanno rimettendosi in moto tutte le attività lavorative deve individuare una strada anche il calcio professionistico che ha una valenza economica fondamentale per il nostro paese».

Quando riprenderanno i dilettanti?
«Mi auguro a settembre perché significherebbe aver vinto la battaglia contro il Coronavirus. Per il calcio di base e per i settori giovanili è fondamentale riaccendere la luce al più presto, nella speranza che la crisi serva per incrementare serietà, professionalità e organizzazione dell’intero sistema. Potrebbe essere l’occasione giusta per ripulirlo da personaggi poco competenti e poco seri che troppo spesso hanno frequentato questo mondo negli ultimi anni».

Ritiene giusta la proposta di promuovere la prima e bloccare le retrocessioni?
«Partendo dal presupposto che qualsiasi verdetto verrà emesso scontenterà qualcuno, non approvo del tutto questo orientamento. Sarebbe meglio decretare sentenze solo in presenza di distacchi importanti, vedi il Monza che ha creato il baratro nel girone A di serie C, oppure concedere la promozione pure alle seconde classificate magari creando più gironi dalla D in giù e riportandoli al numero originario con maggiori retrocessioni nella stagione successiva».

Concorda con quanti sostengono che tante formazioni non riusciranno a iscriversi?
«L’eccessivo piagnisteo mi sembra uno specchietto per le allodole per quanti vogliono speculare sulla situazione attuale. Le società ripartiranno in base alle loro possibilità, magari ridotte, mentre scompariranno quelle che sono già alle prese con problemi gravi. A rimetterci in misura maggiore saranno allenatori e giocatori».

Quali formule andrebbero adottate per riscrivere i prossimi campionati?
«Come in C, sarebbe opportuno introdurre in D l’obbligo di presentare fideiussioni al momento dell’iscrizione per evitare il proliferare di club che non rispettano gli impegni assunti ammettendo solo quelli in possesso di basi solide e risorse all’altezza. La crisi potrebbe inoltre favorire fusioni intelligenti tra squadre dello stesso territorio. Faccio l’esempio di Osimo, dove vivo, nella quale l’esistenza di tante società determinano una dispersione economica rilevante».

Quanto pesa l’assenza di tutele trai dilettanti?
«Abbiamo scelto questo mestiere e non condivido i piagnistei eccessivi. Chi ama questo lavoro sa che possono esserci periodi critici, come avviene per qualsiasi altra attività: bisogna lottare con le unghie e con i denti aspettando che passi la bufera. Servono però aiuti forti del Governo alle società per consentire alle stesse di assistere i propri tesserati. Le varie componenti non devono marciare ognuna per conto proprio, ma essere solidali tra loro».

Cosa bolle in pentola nel suo futuro?
«Qualche contatto c’è stato, ma fino a quando non saranno delineate dall’alto le prospettive rimarremo tutti bloccati. Mi piacerebbe avviare un altro progetto esaltante dopo due anni e mezzo densi di emozioni e soddisfazioni con la Sangiustese, dove abbiamo lanciato giovani interessanti e ottenuto risultati incredibili con risorse limitate, come la qualificazione ai playoff dello scorso anno».

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 20/05/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



SERIE D. Il comitato Salviamoci attacca: "Retrocessi per Pandemia"!

La voce delle squadre è chiara e si racchiude in un pensiero espresso da tutte le società: “Tutto è avvenuto in nome di una totale autonomia decisionale nei campionati regionali, guarda caso proprio nell’anno in cui si rinnovano proprio i Comitati Regionali”. Alla fine è esplosa dunque la protesta delle ...leggi
25/05/2020

"Dico no ai privilegi nel calcio: il tampone deve essere per tutti"

Spontaneo. Genuino. Sincero. E' Fabrizio Castori, 65enne tecnico nato a San Severino Marche (ma residente a Tolentino) oggi alla guida del Trapani (Serie B) dopo una vita passata ad allenare squadre pro in mezza Italia. L'altra sera è intervenuto via Skype al programma tv Sportitaliamercato condotto da Valentina Ballarini con la presenza...leggi
19/04/2020

Il dramma di mister Lorenzotti: "Babbo e mamma morti per il Covid-19"

Fabio Lorenzotti (foto) è distrutto dal dolore: perdere entrambi i genitori, Pierino e Olga, in poco più di una settimana, è un’indicibile tragedia. "Non ho parole per descrivere quello che stiamo provando, mi sembra tutto un terribile incubo", racconta con un filo di voce, ma anche con un’ammirevole forza d&rsq...leggi
10/04/2020

Matelica l'anno prossimo in Serie C! Parola dell'avv. Chiacchio

Matelica (vedi la rosa) l'anno prossimo in Serie C! Parola di Eduardo Chiacchio (foto grande). Il navigato avvocato napoletano, uno dei più affermati per quanto concerne il diritto sportivo, dall’alto della sua esperienza ha espresso la propria opinione su quel che sar...leggi
08/04/2020

Pigini al Comitato: "Subito un summit tra società e Federazione"

PORTO RECANATI. La crisi economica del dopo Coronavirus inciderà sul calcio marchigiano, questo il pensiero del presidente del Portorecanati Fausto Pigini (foto): "Con l’inevitabile crisi finanziaria le società dilettantistiche faranno fatica a trovare risorse dalle sponsorizzazioni, e per molti sarà difficile soltanto iscriversi - è l...leggi
31/03/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

"Restate a casa! Tra poco posti letto e personale insufficienti"

Figlio d'arte, bomber in campo e infemiere di professione. E' Francesco Lepidi (foto), figlio di Domenico 'Lupo' (foto piccola), ex attaccante di Giulianova, Olbia, Elpidiense, Fermana e poi allenatore di diverse squadre dilettanti: Francesco lavora all'Istituto Santo Stefano di Porto Potenza. Ex Monte e Torre, Vis Faleria ed Elpidiense, in questa stagione milita al Por...leggi
18/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall...leggi
06/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Tolentino, frecciata di Ruci: "Il mio gol? Lo dedico a Giampaolo"

TOLENTINO. Il suo è stato un gol dell'ex. Alessio Ruci, alla prima segnatura con la maglia del Tolentino, domenica ha realizzato il primo gol del 3-1 contro la Recanatese. "A Recanati mi sono trovato bene - dice Ruci al Corriere Adriatico - questo gol lo voglio dedicare a mister Giampaolo che nella sua gestione non mi ha mai dato nessuna possibilit&...leggi
03/03/2020

Massimo Ciocci: "In Cina la situazione sta tornando alla normalità"

“Abitavo a Nanchino, a mille chilometri da Wuhan. Sono rientrato a metà novembre dalla Cina. Al tempo era tutto a posto, non c’erano problemi, le scuole erano aperte. I cinesi non ci avevano detto niente, l’epidemia legata al Coronavirus è scoppiata a gennaio.”. Inizia così il racconto di Massimo Ciocci (foto)...leggi
02/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

IL CAMMINO VERSO LA C. Sfida a quattro sognando i PRO!

Quattro squadre per la Serie C. Questo racconta il girone F di Serie D quando mancano 9 giornate al traguardo finale e una corsa al primato tornata, un po' a sorpresa, apertissima. L’aggancio in vetta del Matelica al Notaresco, il Campobasso tornato ad appena tre punti dal vertice e una...leggi
28/02/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,84345 secondi