Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


UFFICIALE. La Serie C del Matelica all'Helvia Recina di Macerata

Il Comune di Macerata ha deliberato stamattina di concedere al Matelica la disponibilità di disputare all’Helvia Recina le gare casalinghe del campionato di serie C della stagione 2020-2021. L’intesa è il frutto della richiesta manifestata nelle scorse settimane dalla SS Matelica 1921 srl e dell’interessamento del sindaco di Matelica Massimo Baldini che ha auspicato la collaborazione sul piano istituzionale.

La Città di Macerata, ogni qual volta si renda necessario e compatibile con la propria vita, deve mettersi a disposizione del territorio di cui è capoluogo – afferma il sindaco Romano Carancini – come sempre ha fatto in questi anni. Questa è la prima ragione che ci ha guidato negli incontri avuti con il Matelica Calcio dopo la richiesta di utilizzare il nostro stadio Helvia Recina per le loro partite casalinghe del campionato di serie C calcistico ed anche a seguito di una cordiale telefonata con il sindaco di Matelica Massimo Baldini. La seconda condizione è stata la condivisione preventiva della possibile scelta con la nostra società Maceratese rappresentata dal presidente Alberto Crocioni e dall’intero gruppo dirigenziale ai quali diciamo grazie per lo spirito di collaborazione dimostrato. Lo sport e i valori su cui si fonda deve far superare ogni possibile contrapposizione tra comunità su ogni tema, in particolare nel momento della difficoltà. Macerata sa essere come sempre accogliente, segno della propria anima in nome del proprio patrono San Giuliano”.

La Città di Matelica è onorata per il risultato sportivo raggiunto dalla S.S. Matelica Calcio – interviene il sindaco di Matelica Massimo Baldini – infatti dopo un continuo crescendo di risultati, anno dopo anno, è approdata al professionismo. L’Amministrazione comunale oltre che complimentarsi con la famiglia Canil, la dirigenza, lo staff tecnico e tutti gli atleti per i risultati conseguiti, ha effettuato incontri con gli stessi e le autorità competenti nel settore per valutare i tempi e cosa era necessario per adeguare le strutture sportive calcistiche esistenti a Matelica al fine di poter gareggiare in Città. I risultati non sono stati incoraggianti in quanto notevoli sarebbero stati lavori da apportare per rendere idonei gli impianti al settore professionistico; anche se ci fossero state le risorse economiche disponibili i tempi di realizzazione non sarebbero stati compatibili con le date di inizio del campionato di serie “C” e tantomeno per i termini di iscrizione allo stesso. La scelta della S.S. Matelica Calcio di poter utilizzare lo stadio di Macerata e la disponibilità data dal sindaco Romano Carancini, sentito anche telefonicamente, hanno avuto il nostro apprezzamento ed a malincuore anche il consenso”.

“Ringrazio l’Amministrazione comunale di Macerata e il sindaco Romano Carancini – afferma il presidente Mauro Canil (foto) – per la disponibilità dimostrata che ci consentirà di disputare le gare in tutta tranquillità. Il nostro intento è quello di portare entusiasmo.”
(Ufficio stampa SS Matelica)

 

ARTICOLO PRECEDENTE
La prossima stagione il Matelica potrebbe giocare le partite casalinghe allo stadio Helvia Recina. L’accordo con il Comune di Macerata ancora non è stato chiuso, ma dopo l’ultima visita del presidente Mauro Canil (foto) ieri pomeriggio nel capoluogo, è oramai questione di ore. In questi giorni, infatti, il sindaco Romano Carancini ha dovuto definire alcune questioni che erano rimaste sospese in città prima di poter dare l’ok definitivo. Per questo ha incontrato la dirigenza della Maceratese che, però, non ha posto problemi alla possibilità che un’altra squadra venga a giocare all’Helvia Recina. Il sindaco ha poi verificato la tenuta del campo comunale ed è stata fatta una valutazione dei possibili costi di gestione che si andranno a sostenere. Una serie di condizioni indispensabili alla chiusura dell’accordo che potrebbe arrivare già entro la fine della settimana. Anche perché, entro mercoledì, il Matelica dovrà indicare alla Federazione un campo idoneo in cui poter disputare le gare di Lega Pro, visto che il «Giovanni Paolo II» non è omologato. Lo stadio di Macerata, quindi, è l’unico impianto omologato che permetterebbe al Matelica di poter giocare le partite del prossimo campionato restando in provincia e non dovendo magari «emigrare» verso Gubbio, altro campo per il quale il club aveva avuto il via libera. L’obiettivo della società e del presidente Canil, però, resta quello di giocare a casa propria, regalando ai tifosi il sogno di gustare la Lega Pro nel loro stadio. Per fare questo servono interventi importanti al «Giovanni Paolo II» in cui va per prima cosa aumentata la capienza perché per ospitare la Lega Pro servono almeno 1.500 posti, mentre a Matelica non si supera il migliaio attualmente, poi va aumentata l’illuminazione per arrivare 800 lux, bisogna installare l’impianto di videosorveglianza e divisori per separare le tifoserie. Interventi importanti che a Macerata si ricordano bene, visto che nel 2015, dopo la promozione della Maceratese, il Comune investì oltre 700mila euro per adeguare l’Helvia Recina e permettere alla squadra di disputare in casa il nuovo campionato in Lega Pro. 
(Fonte: Il Resto del Carlino)

ARTICOLO PRECEDENTE

Il Matelica sta definendo diversi profili da inserire nella rosa per la sua prima stagione di Serie C e sono attesi i primi annunci di questa calda estate. Intanto la società si sta muovendo sul fronte strutturale: c'è da indicare uno stadio in cui giocare le partite casalinghe e i biancorossi hanno poco più di una settimana di tempo per trovare un impianto che li possa ospitare. Il Giovanni Paolo II non è adeguato ai criteri fissati dalla Figc e al momento non ci sono i tempi per sistemare la situazione dal punto di vista infrastrutturale. Una vicenda ormai nota a tutti da tempo e che per questo ha visto la società rivolgersi alle varie realtà limitrofe in possesso di uno stadio adatto al professionismo. L'ipotesi subito sembrata la più plausibile è stata quella di Macerata. L'Helvia Recina ha ospitato in passato la squadra del capoluogo in Serie C e sarebbe la più vicina in termini di chilometri. Quello che sembrava un matrimonio scontato rischia però di trasformarsi in una separazione prima delle nozze. Sembra infatti che a seguito dei colloqui tra società e Comune di Macerata non si sia ancora trovato un punto di incontro dal punto di vista economico. L'ente avrebbe chiesto al Matelica una cifra di affitto troppo importante, tanto che ora la società di Mauro Canil sta valutando meglio le altre opzioni sul tavolo.
Le altre due opzioni
La società è in attesa di un'ulteriore proposta dal capoluogo da ragionare, ma nel frattempo, con i tempi che stringono sempre di più, si sta riflettendo su altre soluzioni. Tornano quindi in pole le opzioni Gubbio o Ancona: l'opzione umbra del Barbetti è la più vicina alla città di Matelica e con l'apertura dei nuovi tratti della strada tra Fabriano e Perugia è a meno di 50 minuti di auto; il Del Conero è invece la location più suggestiva e fornirebbe una vetrina regionale e nazionale di tutto rispetto al team matelicese.
(Fonte: Corriere Adriatico)

ARTICOLO PRECEDENTE
Ancona, Gubbio o Macerata, il Matelica entro la prossima settimana dovrà indicare lo stadio dove disputare le gare interne di Serie C. Tra le tre destinazioni in pole c'è lo stadio Helvia Recina di Macerata, meno facile da raggiungere (per esempio) rispetto alla vicina Gubbio ma più realistico in quanto capoluogo di provincia. Da sponda Maceratese però il direttore generale Enzo Vissani frena e puntalizza: "Siamo d'accordo che venga il Matelica a giocarci - dice Vissani - siamo d'accordo anche per instaurare un rapporto di collaborazione che coinvolga il settore giovanile, altre cose non credo che il Comune possa concedere anche per le condizioni del campo dove non si possono fare tante partite, sapendo anche che in Lega Pro si gioca di venerdì, di domenica oppure di lunedì. Questo sicuramente ci creerebbe dei problemi". 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 27/07/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



E Matelica si ritrova in Prima categoria... Le reazioni in città

MATELICA. Lo spostamento nel capoluogo dorico e il cambio di denominazione graduale della società biancorossa da Matelica ad Ancona-Matelica fino a diventare nel 2022-23 solo Ancona, ha causato non poche reazioni nella città dell'entroterra che nel giro di 48 ore ha cambiato completamente stato d'animo. La conferenza stampa alla Mole e l'annuncio successivo ...leggi
19/06/2021

Ecco l'Ancona Matelica, Mauro Canil presidente: alla base i giovani!

Progetto basato sui giovani, si chiamerà Ancona Macerata (diventerà Ancona il secondo anno) e avrà Mauro Canil alla guida. Ora è ufficiale (anche se pratiche burocratiche prima di fine mese non vedranno l'ok definitivo) con il Matelica che diventa Ancona Matelica e avrà come base il Del Conero e gli impianti c...leggi
15/06/2021

Colavitto: "Ho vinto la mia partita più importante contro il Covid"

"Dopo 23 giorni, di cui 15 nel modulo 1 (sala intensiva e semi-intensiva) del Covid Center di Civitanova Marche – ha scritto in un lungo post sui suoi social il mister del Matelica Gianluca Colavitto – ho vinto forse la partita più importante della mia vita. Quella contro un avversario invisibile, il Covid. Ma, come avviene nel calcio in cui le vitt...leggi
14/06/2021

CLAMOROSO! In Serie C nasce l'Ancona-Matelica

Matelica - Maceratese? Macchè. Mauro Canil (foto) punta sul capoluogo di regione ed ecco che potrebbe nascere Ancona - Matelica in Serie C. I contatti tra le due dirigenze sono ben avviati, l'operazione sarebbe possibile solo attraverso la doppia denominazione. Non è fattibile invece la fusione. Stefano Marconi ave...leggi
15/06/2021

Tosoni deciso! "Lascio la presidenza ma la Sangiustese andrà avanti"

MONTE SAN GIUSTO. "Quella contro l’Atletico Ascoli è stata l’ultima partita da tesserato della Sangiustese, nei prossimi giorni vedremo come riorganizzarci, tuttavia considero la mia avventura da presidente conclusa". È quanto annunciato dal patron Andrea Tosoni (foto) e riportato da Il Resto del Carlino. "È una decisione gi&agr...leggi
08/06/2021

Felicioli: "Dedico la promozione del Venezia alla mia Fiuminata"

Tra i protagonisti della promozione in A del Venezia c'è Gian Filippo Felicioli, terzino sinistro classe 1997, ora tornato nella sua Fiuminata per godersi le vacanze. "La promozione è un risultato straordinario – ha detto a Il Resto del Carlino – a 23 anni è il mio primo campionato vinto. Riscatto la retrocessione del 2018 a ...leggi
05/06/2021

Smentite tutte le voci: il calcio a Montecosaro s'ha da fare

MONTECOSARO. In barba al vociare delle ultime settimane, l'ASD Montecosaro riparte. Lo fa sotto la presidenza di Augusto Scipioni, che saluta e ringrazia Francesco Livi, che prenderà posto nel direttivo della fusione tra Casette Verdini e Montemilone Pollenza, e dà quindi il benvenuto, anzi il bentornato a Rossano Car...leggi
01/06/2021

Crocioni: "Sono pronto a lasciare la Maceratese a Canil"

MACERATA. "Sono pronto a fare un passo indietro e far sì che l’amministrazione comunale possa dare marchi e simboli della Maceratese 1922 a Canil o a chi ha la possibilità di fare un campionato professionistico con il nome della Rata".Così Alberto Crocioni (foto), presidente della Maceratese, a Il Resto del Carlino. Dunque, l'operazione...leggi
01/06/2021

SERIE C. Finisce il sogno del Matelica: passa il Renate

Renate - Matelica 1-1RENATE (3-5-2): 1 Gemello; 28 Silva, 21 Damonte, 24 Possenti; 8 Guglielmotti, 8 Kabashi, 4 Ranieri (24’ st 17 Vicente), 20 Rada, 7 Anghileri; 14 Galuppini (39’ st 19 Lakti), 9 Nocciolini (24’ st 5 Maistrello). A disposizione: 22 Bagheria, 10 Giovinco, 11 Langella, 13 Santovito, 16 Magli, 23 Burgio, Allenatore: Aimo Diana.MATELI...leggi
26/05/2021


Il decimo capolavoro di Fabrizio Castori: Salernitana in Serie A!

Capolavoro di Fabrizio Castori: la sua Salernitana vince 3-0 a Pescara e vola in Serie A. Il tecnico di San Severino Marche (MC), uscito dal Covid solo pochi giorni fa, oggi fa 501 panchine in Serie B e 10^ vittoria di campionato in carriera. A Salerno sarà finimondo per una festa attesa 23 anni dopo la promozione di Delio Rossi nel 1997-98, la 3^ in assoluto con q...leggi
10/05/2021

Giandomenico: "Siamo in corsa playoff e ce la giocheremo!"

Il pareggio a reti bianche maturato sul campo della Sangiustese, non ha frenato l’entusiasmo del Valdichienti Ponte e di mister Luigi Giandomenico (foto). Lo stesso tecnico maceratese ha infatti analizzato, dopo quattro giornate disputate, l’avvio in campionato della sua squadra proiettandosi già alla prossima sfida con il Grottammare che pot...leggi
05/05/2021

Il Matelica, Bortolussi, Melchiorri: la Serie C parla maceratese

Mentre nel girone A abbiamo ricordato l'impresa del Como guidato dal bomber jesino Alessandro Gabrielloni, il girone B della Serie C ha registrato tanti altri orgogli per la regione Marche, in particolare per la provincia di Macerata. La stagione ha ricordato il debutto del ...leggi
03/05/2021

Papi: "Torneo tutto da interpretare ma la Sangiustese vuole far bene"

MONTE SAN GIUSTO. Una sola squadra in vetta alla classifica del girone B dell’Eccellenza dopo le prime tre giornate: la Sangiustese. Reduce da un prezioso successo sul difficile campo dell’Atletico Azzurra Colli, abbiamo avuto il piacere di ascoltare le opinioni di un profondo conoscitore del calcio come il direttore sportivo rossob...leggi
29/04/2021

Mastronunzio: "A 41 anni penso prima alla squadra che ai miei gol"

Anche in questa Eccellenza segnata dal Covid brilla la stella di Salvatore Mastronunzio, 41 anni, mattatore del Montefano (suo il gol del pareggio nella sfida contro l'Atletico Gallo)."Il mio obiettivo e quello della squadra è provare fino alla fine ad arrivare tra le prime due - sottolinea al Corriere Adriatico -. Sarebbe fantastico raggi...leggi
28/04/2021


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,36685 secondi