Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Ancona


ECCELLENZA. Stop dopo 5 giornate: il parere dei diretti interessati

Tutti consapevoli della difficile situazione, qualcuno avrebbe insistito altri condividono il blocco. Su un punto tutti d'accordo: non si ripartirà a novembre

Lo stop imposto all’attività sportiva dilettantistica dal Dpcm emanato ieri dal Governo, anche se atteso, ha finito per creare non pochi disagi alle società di Eccellenza che avevano già iniziato la stagione. Abbiamo voluto fare un punto della situazione, chiedendo ai diretti interessati se c’era la possibilità di andare avanti e quali saranno, a loro giudizio, gli sviluppi futuri.

Stefano Bonacci – Presidente Montefano
In queste condizioni non era assolutamente possibile andare avanti. Noi che purtroppo abbiamo avuto anche dei casi di positività, ci siamo trovati ad affrontare delle situazioni paradossali, specie per l’interpretazione del protocollo nella gestione delle quarantene, pertanto fino a quando non ci saranno dei chiarimenti decisivi, non credo si potrà continuare. Per tutto il resto valuteremo con attenzione le cose da fare, partendo dal presupposto che con un pochino di buona volontà si può far fronte ad ogni cosa. Un mese in più non sarebbe un dramma, mi sembra però di capire che non ci potranno essere allenamenti di gruppo, una situazione non semplice da gestire, mentre dal punto di vista economico si potrebbero trovare delle soluzioni, quello è l'aspetto che mi preoccupa di meno. Comunque gli errori sono stati fatti a monte, il campionato doveva iniziare prima e c’era bisogno di un maggiore coordinamento tra le società e la Federazione, questo tipo di chiusura personalmente mi lascia molto perplesso. Ora, anche volendo essere ottimisti, non credo si possa ripartire prima di gennaio, Covid-19 permettendo, ma anche qui credo che studiando a fondo la questione si potrebbero trovare le soluzioni per portare a termine la stagione. L’unica cosa che non si deve fre è continuare a tergiversare come è stato fatto fino ad oggi.

Giovanni Fioravanti – Presidente Atletico Azzurra Colli
Visto il legame diretto del nostro torneo a quello di Serie D ed anche il numero piuttosto limitato di squadre interessate, penso che continuare non sarebbe stato impossibile. Tutti abbiamo adottato delle precauzioni e ci muoviamo con molta attenzione, quindi anche per non buttare via tutto il lavoro fatto si poteva pensare ad andare avanti. Ora è chiaro che la situazione non è semplice da affrontare, anche in virtù dell’interpretazione dell’ultimo Dpcm che in pratica non consente allenamenti di gruppo, penalizzando quindi in maniera enorme il gioco del calcio. Il fattore economico penso si possa gestire, sapevamo dall’inizio che sarebbe stata una stagione anomala ed abbiamo fatto degli accordi per i rimborsi che valgono per tutta la stagione indipendentemente dai mesi. Tutti ci auguriamo di poter ripartire con regole certe, penso che se anche ciò avvenisse a gennaio non sarebbe una situazione ingestibile, ma è chiaro che se il contagio perdurasse, non vedo altre possibilità che annullare tutto e ripartire quando saremmo usciti definitivamente dalle problematiche legate al Covid-19.

Mario Marzetti - Direttore Sportivo Atletico Ascoli
Non sarebbe stato semplice, ma anche in considerazione del numero delle squadre coinvolte, si sarebbe potuto provare ad insistere. Certo la gestione dei positivi e delle relative quarantene è piuttosto complicata, purtroppo anche noi abbiamo fatto questa esperienza, ma con un pochino di organizzazione si poteva proseguire, visto che abbiamo adottato tutte le direttive sanitarie. Potrebbe anche essere giusto fermarsi e valutare la situazione, ma ho paura che una volta fermati chissà quando si ripartirà. Fosse solo un mese, si potrebbe gestire senza grandi problemi, su tempi più lunghi è tutto da capire come ci si potrà muovere anche da un punto di vista economico. Ci preoccupa di più comunque l'interpretazione che, a quanto pare, proibisce il contatto anche a livello di allenamento, a questo punto diventa difficile proseguire con programmi individuali in uno sport prettamente di squadra. Ovviamente vogliamo tutti lasciarci alle spalle prima possibile questa pandemia e se ci saranno da fare ulteriori sacrifici non ci tireremo indietro, saremmo disponibili anche a ripartire a gennaio e, con qualche infrasettimanale, provare a finire la stagione nei tempi prestabiliti. Pensando in positivo, se si tornerà a giocare vorrà dire che, almeno in parte, il Covid-19 sarà stato sconfitto, speriamo che ciò accada.

Marco Lucarini – Vice Presidente LMV Urbino Calcio
Secondo la mia opinione con diversi contagiati avuti in squadra, bloccati a casa per almeno 2 settimane, non era assolutamente possibile andare avanti. Credo siamo tutti consapevoli che in questo periodo se si facessero tamponi a tutte le squadre, sarebbe difficile non trovare ovunque qualche positivo. Oltre all'aspetto sanitario, che pure è molto delicato e riguarda il singolo individuo, c’è poi il discorso delle quarantene che coinvolge le famiglie e, sopratutto per chi ha un lavoro, diventa un problema dannoso oltre ogni misura.
Per coprire il periodo di stop ci stiamo organizzando con lo staff tecnico per dare ad ogni calciatore un programma specifico da svolgere a casa, ma non so come potremmo riprendere tra un mese senza aver fatto lavori di squadra. In merito all’aspetto economico, avendo già rimborsato 2 mensilità, dovremmo parlare con i ragazzi e capire la situazione, sopratutto sulla ripresa del campionato sulla quale ho molti dubbi. Al momento mi pare che le uniche strade percorribili siano l’annullamento della stagione, o al massimo valutare l’evoluzione del contagio ed al limite giocare tra la primavera e l’estate prossima, non credo ci siano molte alternative.

Sandro Santini – Presidente del Marina Calcio
Visto il nostro brillante inizio di stagione dovrei dire che sarebbe stato bellissimo andare avanti, ma purtroppo la situazione generale mi sembra piuttosto precaria ed avendo un numero sempre maggiore di partite rinviate, non avrebbe senso continuare. Per andare avanti il campionato dovrebbe avere una certa regolarità che ora purtroppo nessuno riesce a garantire. Nel mese di stop il lavoro vero sarà quello di provare a non far perdere la condizione fisica ai nostri giocatori, magari con lavori individuali, ma è chiaro che in uno sport di squadra se non si coordinano tutte le singole attività diventa quasi impossibile sviluppare qualcosa di positivo. A tutto ciò naturalmente andranno sommate le incombenze di tipo economico, cercheremo di non far mancare nulla ai nostri ragazzi, pur se ci saranno delle inevitabili difficoltà, almeno fino a quando le cose non torneranno a girare per il verso giusto. Per il futuro valuteremo in base all’evoluzione della pandemia, ma nel caso il blocco dovesse protrarsi per tutto l’inverno, direi che la cosa più giusta sarebbe riparlarne direttamente all'inizio della prossima stagione.
Nella foto: (sopra) Bonacci e Fioravanti - (sotto) Marzetti, Lucarini e Santini


 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 26/10/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




Ivo Panichi sbanca al primo turno: eletto presidente della FIGC Marche

Ivo Panichi (foto) vince al primo turno ed è il nuovo Presidente del Comitato FIGC delle Marche. Il dirigente ascolano ha raccolto 204 voti. Molto distanziati gli sfidanti: Angelo Camilletti si ferma a 113, il presidente uscente Paolo Cellini a 76. Una riflessione: la 'novità' rappresentata da Camilletti non...leggi
09/01/2021

ELEZIONI FIGC. Confermata la corsa a tre. Tutti i candidati

Ufficializzate le candidature per le elezioni federali di sabato prossimo. Confermata la corsa a tre tra Cellini, Panichi e Camiletti. Riportiamo integralmente il Comunicato del Tribunale Federale Territoriale. TRIBUNALE FEDERALE TERRITORIALEpresso il Comitato Regionale Marcheriunito in speciale Collegio di Garanzia Elettorale...leggi
06/01/2021

Panichi: "Al fianco delle società condividendo le loro esigenze"

Mancano due settimane alla data fissata dalla Federazione per lo svolgimento delle Elezioni per il rinnovo delle cariche nel Comitato Regionale Marchigiano. Sarà una corsa a tre, che in questi giorni sta vivendo i suoi momenti cruciali, e vede al centro dell’interesse le varie società disseminate sul territorio regionale. Abbiamo voluto sentire il punto di v...leggi
24/12/2020

Elezioni FIGC Marche. Ivo Panichi: la squadra, le idee, il programma

Arriva l’ufficialità della candidatura di Ivo Panichi (foto) alla carica di Presidente del Comitato Regionale Marche LND. In una lettera che di seguito pubblichiamo integralmente, il vice presidente uscente della Federazione ha esposto il suo pensiero, le sue idee, il suo programma ed i nomi delle persone che lo accompagneranno in questa s...leggi
17/12/2020

UFFICIALE. Assemblea elettiva il 9 gennaio al Palasport di Ancona

LA FIGC Marche ha comunicato luogo, date e orari dell'Assemblea Elettiva del Comitato Regionale. Sede scelta, in ottemperanza alle normative anti-covid, è il Palasport PalaPrometeo di Ancona, Strada Prov. Cameranese. L'elezioni per il rinnovo delle cariche si terranno sabato 9 gennaio 2021 alle ore...leggi
15/12/2020

ELEZIONI FIGC MARCHE. Iniziato il tour di Angelo Camilletti

E’ partita ufficialmente la corsa per il rinnovo delle cariche per il Comitato Regionale Marche della FIGC. Il primo ad incontrare alcune società è stato Angelo Camilletti (foto) che ha iniziato il suo percorso dal nord della regione. Di seguito il Comunicato Ufficiale diffuso dal candidato presidente. Nella giornata di Saba...leggi
14/12/2020

"La ripartenza della Promozione? Temo che la stagione possa saltare"

Se per l'Eccellenza una ripartenza è possibile, già in Promozione appare più difficoltosa.  Questo il pensiero dell'attaccante della Passatempese Andrea Staffolani: "Il massimo campionato regionale può sostenere sforzi superiori, per noi, invece, è difficile trovare i presupposti adatti al ritorno in campo -...leggi
28/11/2020

Lazzari: "Il campo mi manca. Speriamo di ripartire il 10 gennaio"

L'Eccellenza aspetta e spera nella ripartenza, intanto i calciatori continuano ad allenarsi in solitaria. Come nel caso di Andrea Lazzari della Vigor Senigallia: "Ogni giorno che passa aumenta la voglia di tornare al campo - ha confidato  al Corriere Adriatico -. Mi alleno in solitaria, seguo il programma che ha lasciato lo staff e talvolta, insieme a qu...leggi
27/11/2020

Simone Pazzaglia e quella volta che disse no a Maurizio Sarri

La quinta ed ultima giornata di campionato fin qui disputata è andata in scena il 25 ottobre. La ripresa del torneo, Covid-19 permettendo, è prevista per il 10 gennaio. Già da ora si sa che l’Eccellenza Marche dovrà recuperare sei partite, rinviate a causa della pandemia. Nel frattempo la Lega Nazionale Dilettanti ha deciso di annullare Coppa Italia, play-off e...leggi
16/11/2020

Da oggi i rimborsi per le Associazioni Sportive Dilettantistiche

In merito ai rimborsi per gli affitti, le utenze e le spese sostenute dalle società per contrastare il diffondersi del Covid-19, c’è stata ieri una importante comunicazione del Ministro Spadafora (foto). Il responsabile dello Sport ha confermato che oggi si aprono i termini per le richieste di rimborsi a fondo perduto per società e le ASD....leggi
10/11/2020

Lauro: "Il protocollo va cambiato: troppa differenza tra Serie C e D"

“Tante squadre hanno giocato poco a causa delle partite rinviate. Se lo stop al campionato di Serie D è stato dato per consentire i recuperi e rimettere tutti alla pari, ritengo sia giusto. Resta sempre il problema del protocollo, che secondo me è da cambiare. Rischiamo di ritrovarci punto a capo quando dovremo ricominciare”. ...leggi
06/11/2020

"Il calcio è un lavoro. Disposti a giocare fino in estate"

La sua è una posizione condivisa da molti giocatori, lui ci mette la faccia ed esce allo scoperto. Simone Cavaliere, attaccante 40enne del Marina nato a Mijdrecht in Olanda (per via del lavoro del padre), al Corriere Adriatico ha fotografato con estrema razionalità il difficile momento attuale con l'Eccellenza che riprenderà solo i...leggi
04/11/2020


Ma a livello nazionale chi gestisce il calcio dilettantistico?

Ed allora tutti a casa, se fossimo ancora in estate potremmo dire tutti al mare, parafrasando un celebre motivetto di qualche anno fa. La circolare diffusa ieri dal Gabinetto del Ministro dell'Interno, in chiaro contrasto con quanto era stato detto l'altro giorno dal Dipartimento dello Sport, toglie ogni dubbio sul possibile svolgimento degli allenamenti, anche...leggi
28/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,22518 secondi