Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


"Rinunciamo ai rimborsi passati. Evitiamo guerre tra poveri"

Il comunicato dei calciatori del Tolentino sul recente accordo ristoro LND-AIC. La risposta di Romagnoli: "Orgoglioso di questi ragazzi"

Riprendiamo dal portale ufficiale del Tolentino, il comunicato dei calciatori cremisi in merito al protocollo sottoscritto da L.N.D. ed A.I.C., in base al quale ai calciatori sarebbe dovuta una mensilità relativa alla scorsa stagione. Il presidente sella società Marco Romagnoli (che aveva dato un severo parere nei giorni scorsi) si è così espresso: " “Non intendevo minimamente sparare contro i nostri ragazzi ma contro chi non tutela né noi né loro. Sono orgoglioso di essere il presidente di questo gruppo”. Di seguito la lettera dei calciatori.

Noi tutti, calciatori dell’US Tolentino 1919, stretti come in campo da una comune idea, tenuto conto della grave situazione sanitaria ed economica che da mesi sta mettendo a dura prova famiglie e aziende, riteniamo opportuno rendere pubbliche alcune precisazioni, nonché la decisione che tale gruppo ha voluto intraprendere riguardante le spettanze a noi dovute al 15 Novembre, secondo il recente accordo LND-AIC. Non intendiamo ricevere, con questa, alcuna onorificenza ma ci teniamo a ribadire a gran voce l’alto valore umano e morale che ha sempre contraddistinto questo gruppo e questo staff, sgombrando il campo da incomprensioni o cattive interpretazioni che potrebbero aleggiare su di noi.

Nello specifico ribadiamo che:
- La stagione 2019/2020 conclusasi come noto in anticipo ci ha lasciato un insoluto di tre mensilità su dieci, cosa che per noi dilettanti che non abbiamo ingaggi da star è stato motivo di grandi difficoltà. I più sono stati “rimborsati” da tranches mensili di 600 euro, consentendo almeno di far fronte alle esigenze quotidiane. La maggior parte ha dunque subito delle perdite, altri invece non hanno neanche potuto usufruire di tale ristoro.
- Ognuno di noi in sede estiva ha espresso la profonda volontà di continuare a vestire questa maglia (cosa che tutt’oggi ribadiamo fortemente volendo continuare a far parte di questa splendida famiglia), andando in contro alle comprensibili e sopravvenute esigenze di budget della società, mettendo così da parte meri tornaconti economici che, buon per gli altri, albergano in altre realtà. Abbiamo fatto questo tutti con grande entusiasmo, partendo per il ritiro il 3 agosto, prima di molti altri.
- Continuando su questa scia e entrando nel merito di tale comunicazione, non è nuovo l’accordo siglato dalla LND e dal sindacato dei calciatori AIC, che prevede la corresponsione da parte della società dell’80% del totale annuo pattuito da contratto al netto del bonus dei 600 euro (per coloro i quali ne avessero usufruito). In sostanza, una mensilità meno il suddetto bonus. A tale importo oggi decidiamo di rinunciare in toto, pur ringraziando chi lotta per i nostri diritti in una categoria compresa tra i dilettanti con garanzie e tutele minime ma allo stato di fatto equiparabile ai professionisti in quanto a impegni. In questo modo, solleviamo la società da tale incombenza facendo un ulteriore passo verso di essa. Da parte nostra dunque solo tanto attaccamento a questi colori e a questo gruppo che intendiamo salvaguardare.

Ad oggi non riteniamo quindi necessarie “guerre tra poveri”, utili solo a destabilizzare ulteriormente un sistema già in grave difficoltà. Si adoperi dunque chi di dovere nelle opportune sedi affinché possano arrivare aiuti più concreti, anche da
leghe maggiori, per sostenere e non veder crollare definitivamente tutto il movimento dilettantistico, vero motore del sistema calcio. Tutto ciò, per far si che anche noi interpreti di provincia, cittadini comuni, possiamo fare a meno di ritrovarci, come spesso accade, tra incudine e martello.

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 15/11/2020
 

Altri articoli dalla provincia...




Effetti del Covid: Miramontes valuta l'addio al calcio italiano

Il centrocampista della Maceratese Matias Martin Miramontes, classe 1981, è diviso tra gli allenamenti individuali e l’idea di ritornare in Argentina. «In questo momento – dice il giocatore della Maceratese – mi alleno da solo per tenermi in forma seguendo le indicazioni del preparatore, poi con la famiglia valuterò se tornare o meno ...leggi
13/11/2020

Da oggi i rimborsi per le Associazioni Sportive Dilettantistiche

In merito ai rimborsi per gli affitti, le utenze e le spese sostenute dalle società per contrastare il diffondersi del Covid-19, c’è stata ieri una importante comunicazione del Ministro Spadafora (foto). Il responsabile dello Sport ha confermato che oggi si aprono i termini per le richieste di rimborsi a fondo perduto per società e le ASD....leggi
10/11/2020

Allo studio una nuova riforma: iscrizione all'Inps per i Dilettanti

Con il nuovo decreto legislativo attuativo, anche i calciatori Dilettanti saranno iscritti all’Inps. Una legge che era già in programma addirittura dal Governo Conte I, ma che dopo un incontro tra lo stesso premier e il ministro Spadafora è stato ulteriormente limato. Questo è quanto riportato dal portale ...leggi
09/11/2020

Primi screzi fra Maceratese e Matelica, galeotto fu uno striscione

Cominciano ad affiorare i primi problemi di convivenza all’Helvia Recina, stadio storico della Maceratese (di proprietà del Comune) che da quest’anno ospita anche le partire casalinghe del Matelica. Galeotto fu lo striscione modificato dal custode dell’impianto, Franco Carciofi, che in assenza delle partite della Maceratese (il campionato di Promozione ...leggi
08/11/2020

Paolo Tortelli e Claudio Labriola: "Prima la salute, poi il calcio"

Montegiorgio-Tolentino del 10 dicembre 2019. Dopo 15 minuti di gioco violento scontro tra Paolo Tortelli (foto a sinistra), centrocampista classe 1995 del Tolentino con un giocatore rossoblù e grandissima preoccupazione tra la famiglia (presente allo stadio), la fidanzata Sara, tutti i compagni di squadra, avversari e i tanti amici e i...leggi
03/11/2020


Ma a livello nazionale chi gestisce il calcio dilettantistico?

Ed allora tutti a casa, se fossimo ancora in estate potremmo dire tutti al mare, parafrasando un celebre motivetto di qualche anno fa. La circolare diffusa ieri dal Gabinetto del Ministro dell'Interno, in chiaro contrasto con quanto era stato detto l'altro giorno dal Dipartimento dello Sport, toglie ogni dubbio sul possibile svolgimento degli allenamenti, anche...leggi
28/10/2020

ECCELLENZA. Stop dopo 5 giornate: il parere dei diretti interessati

Lo stop imposto all’attività sportiva dilettantistica dal Dpcm emanato ieri dal Governo, anche se atteso, ha finito per creare non pochi disagi alle società di Eccellenza che avevano già iniziato la stagione. Abbiamo voluto fare un punto della situazione, chiedendo ai diretti interessati se c’era la possibilità di andare ...leggi
26/10/2020

UFFICIALE. Promozione al via sabato. 1^ e 2^ categoria a metà novembre

La riunione odierna del Consiglio Direttivo della FIGC ha stabilito le linee guida per i campionati dilettantistici. Dopo il summit con il Governatore Acquaroli che aveva espresso la volontà di non bloccare per ora i campionati, in serata è arrivata la decisione da tutti attesa. - Andrà avanti regolarmente il campionato di Eccellenza. - ...leggi
22/10/2020

I presidenti di 1^ cat. "Andare avanti non è rispetto, ma pura follia"

Il gruppo dei presidenti di Prima categoria, coalizzatosi in questo ultimo periodo per gestire la pandemia, non accetta le parole odierne di mister Buratti, rilasciate al nostro portale. Riceviamo una nota che di seguito pubblichiamo integralmente:“Non possiamo accettare, nella maniera più assoluta, le esternazioni a ru...leggi
20/10/2020

Comitato Regionale chiamato a decidere, ma sabato non si parte!

Scorrono veloci questi giorni di frenetica attività, sia sul fronte delle società, quanto su quello della FIGC Marche. Intanto si avvicina la data di avvio per i campionati, prevista per sabato 24 ottobre. In considerazione degli appuntamenti già programmati nei prossimi giorni, domani in FIGC a Roma e giovedi con il nuovo Governatore delle Marche Francesco...leggi
20/10/2020

Buratti: "Giocano ovunque! Nelle Marche il Covid-19 è una scusa"

Non riesce proprio a digerirla questa situazione di incertezza mister Roberto Buratti (foto), da questa stagione sulla panchina del Casette Verdini (Prima categoria). Le assemblee degli ultimi giorni e le voci che si rincorrono sulla partenza o meno dei campionati, a suo giudizio, non stanno facendo altro che peggiorare una situazione già delica...leggi
20/10/2020

Stop ai campionati: c’è chi dice no!

Stasera ci sarà il primo confronto programmato tra le società di Promozione e il Comitato Regionale, teso ad appianare le divergenze e valutare l’eventuale partenza del campionato tra una settimana. Ad Ancona alle ore 17,30 presso la sede di Via Schiavoni, si troveranno dunque i dirigenti delle 36 società di Promozion...leggi
16/10/2020

Cellini: "Rinvio? Siamo pronti a parlarne!"

Sono giorni febbrili per il Comitato Regionale che sta lavorando in vista delle 3 assemblee convocate per discutere i problemi e le criticità emersi per l’inizio dei tornei di Promozione e di Prima e Seconda categoria. Ieri intanto si è espresso anche il nuovo presidente della Regione Francesco Acquaroli. Ne...leggi
15/10/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,14405 secondi