Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Macerata


Luciano Bonvecchi: "La mia vittoria più bella: LA VITA!"

CHIESANUOVA. In questa giornata di Pasqua tanto diversa da quelle che abbiamo vissuto in passato, vogliamo dedicare un pensiero a tutte quelle persone che stanno lottando la loro battaglia contro una malattia subdola e terribile come il Covid-19. Una malattia che purtroppo continua ad imperversare ed a fare vittime, i suoi effetti hanno sconvolto anche il mondo dello sport che sta attraversando una stagione assolutamente anomala. In questo giorno di resurrezione e di speranza ci fa enormemente piacere salutare Luciano Bonvecchi (foto) presidente del Chiesanuova Calcio, dimesso ieri dal Covid Center di Civitanova Marche, dopo aver lottato e vinto contro un avversario dotato di forza devastante.

Prima di tutto Luciano, dimmi del tuo stato di salute.
“E’ stata una battaglia durissima nella quale sono stato più volte sul punto di soccombere. Molti pazienti accanto a me purtroppo non ce l’hanno fatta, io probabilmente ho avuto la forza di lottare anche nei momenti più disperati. L’istinto di conservazione, la fede, l’attaccamento alla famiglia, sono stati fondamentali per andare avanti. Sono arrivato ad un passo dalla fine prima di trovare dentro di me quelle forze che non sapevo di avere e che mi hanno permesso di ribaltare la situazione”.

Que
sto Covid è davvero qualcosa di strano e difficile da comprendere, tu che lo hai vissuto cosa puoi dirci?
“E’ difficile da raccontare, sembra impossibile. Non puoi credere che nel giro di poche ore la tua vita possa cambiare in maniera così radicale. Ho visto scorrere davanti ai miei occhi tutta la vita, sinceramente non so come ho fatto a venirne fuori. Quello che mi sento di dire a coloro che sono ora in battaglia, perché di questo si tratta, è di non mollare, di non cedere, di guardare avanti ed avere una speranza. C’è da lottare prima con l’aspetto fisico, dal quale io sono fortunatamente uscito, anche se fortemente debilitato, ma poi bisognerà fare i conti con l’aspetto psicologico, e da questo punto di vista ci vorrà più tempo, ma non sono ancora stanco di lottare”.

In questo periodo nell’ambiente si è parlato molto della tua malattia. A te sono arrivati gli echi di quanto stava accadendo?
“E’ stato qualcosa di incredibile. Approfitto della tua telefonata per esprimere a tutte le persone che a vario modo mi hanno fatto arrivare il loro sostegno, i sensi di tutta la mia gratitudine. Ogni singolo messaggio è stato per me fonte di nuova forza e rinnovato entusiasmo. Mi sono commosso nel vedere che un numero immenso di persone, legate sia al mondo del calcio che alla mia attività professionale, mi hanno dedicato un pensiero e si sono informati sul mio stato di salute. Voglio ringraziarli tutti pubblicamente, i loro attestati di stima, le loro preghiere, la loro vicinanza, sono stati determinanti per permettermi di uscire dal tunnel”.

In quei lungh
i giorni avrai ripensato anche al mondo del calcio che ti ha visto spesso protagonista, quali sono state le tue riflessioni?
“In quel momento difficile ho capito quanto fosse importante la vita umana ed ho apprezzato ancora di più la decisione di non disputare la stagione agonistica. La scelta di fermarsi è stata la più appropriata. Nel corso della nostra esistenza, in fondo, sei mesi senza calcio non sono nulla, ma ci permettono di salvare la vita di tante persone. Nei momenti difficili, quando la disperazione si impadroniva di me, il calcio giocato diventava secondario e non nego di aver pensato di abbandonare tutto. Una volta tornato a contatto con la realtà, mi sono reso conto dell’affetto e della solidarietà di cui ero circondato, tutto ciò mi ha ridato la voglia per andare avanti. Mi sono tornate la volontà e la passione che hanno sempre caratterizzato la mia vita e che nel prossimo futuro, compatibilmente con il mio stato di salute, voglio continuare a condividerle con tutti coloro che amano questo sport”.

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 04/04/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



Il portopotentino Diego Allegretti terzo bomber di tutta la Serie D!

"Mai ho segnato come quest’anno a Gozzano (Novara) dove ho firmato 25 gol". L’attaccante portopotentino Diego Allegretti, un passato nella Maceratese, è il terzo bomber di tutta la serie D: in questa classifica è preceduto da Mario Chessa (Castellanzanese) che ha siglato 34 gol e da Nicolò Bruschi (Fiorenzuola) con 30 reti. Allegretti ha vinto d...leggi
26/06/2021

SERIE D. Guzzini: "La programmazione dei recuperi è stata discutibile"

E' la grande delusa della Serie D. Partita come una delle favorite ad inizio stagione ha chiuso il campionato a -6 dai playoff. Il presidente della Recanatese Adolfo Guzzini (foto), nome forte dell'imprenditoria nazionale ed internazionale, a Il Resto del Carlino analizza così l’annata. "Il Covid ci ha colpito proprio nel nostro momento migliore. Dop...leggi
22/06/2021

E Matelica si ritrova in Prima categoria... Le reazioni in città

MATELICA. Lo spostamento nel capoluogo dorico e il cambio di denominazione graduale della società biancorossa da Matelica ad Ancona-Matelica fino a diventare nel 2022-23 solo Ancona, ha causato non poche reazioni nella città dell'entroterra che nel giro di 48 ore ha cambiato completamente stato d'animo. La conferenza stampa alla Mole e l'annuncio successivo ...leggi
19/06/2021

Ecco l'Ancona Matelica, Mauro Canil presidente: alla base i giovani!

Progetto basato sui giovani, si chiamerà Ancona Macerata (diventerà Ancona il secondo anno) e avrà Mauro Canil alla guida. Ora è ufficiale (anche se pratiche burocratiche prima di fine mese non vedranno l'ok definitivo) con il Matelica che diventa Ancona Matelica e avrà come base il Del Conero e gli impianti c...leggi
15/06/2021

Colavitto: "Ho vinto la mia partita più importante contro il Covid"

"Dopo 23 giorni, di cui 15 nel modulo 1 (sala intensiva e semi-intensiva) del Covid Center di Civitanova Marche – ha scritto in un lungo post sui suoi social il mister del Matelica Gianluca Colavitto – ho vinto forse la partita più importante della mia vita. Quella contro un avversario invisibile, il Covid. Ma, come avviene nel calcio in cui le vitt...leggi
14/06/2021

CLAMOROSO! In Serie C nasce l'Ancona-Matelica

Matelica - Maceratese? Macchè. Mauro Canil (foto) punta sul capoluogo di regione ed ecco che potrebbe nascere Ancona - Matelica in Serie C. I contatti tra le due dirigenze sono ben avviati, l'operazione sarebbe possibile solo attraverso la doppia denominazione. Non è fattibile invece la fusione. Stefano Marconi ave...leggi
15/06/2021

Tosoni deciso! "Lascio la presidenza ma la Sangiustese andrà avanti"

MONTE SAN GIUSTO. "Quella contro l’Atletico Ascoli è stata l’ultima partita da tesserato della Sangiustese, nei prossimi giorni vedremo come riorganizzarci, tuttavia considero la mia avventura da presidente conclusa". È quanto annunciato dal patron Andrea Tosoni (foto) e riportato da Il Resto del Carlino. "È una decisione gi&agr...leggi
08/06/2021

Felicioli: "Dedico la promozione del Venezia alla mia Fiuminata"

Tra i protagonisti della promozione in A del Venezia c'è Gian Filippo Felicioli, terzino sinistro classe 1997, ora tornato nella sua Fiuminata per godersi le vacanze. "La promozione è un risultato straordinario – ha detto a Il Resto del Carlino – a 23 anni è il mio primo campionato vinto. Riscatto la retrocessione del 2018 a ...leggi
05/06/2021

Smentite tutte le voci: il calcio a Montecosaro s'ha da fare

MONTECOSARO. In barba al vociare delle ultime settimane, l'ASD Montecosaro riparte. Lo fa sotto la presidenza di Augusto Scipioni, che saluta e ringrazia Francesco Livi, che prenderà posto nel direttivo della fusione tra Casette Verdini e Montemilone Pollenza, e dà quindi il benvenuto, anzi il bentornato a Rossano Car...leggi
01/06/2021

Crocioni: "Sono pronto a lasciare la Maceratese a Canil"

MACERATA. "Sono pronto a fare un passo indietro e far sì che l’amministrazione comunale possa dare marchi e simboli della Maceratese 1922 a Canil o a chi ha la possibilità di fare un campionato professionistico con il nome della Rata".Così Alberto Crocioni (foto), presidente della Maceratese, a Il Resto del Carlino. Dunque, l'operazione...leggi
01/06/2021

SERIE C. Finisce il sogno del Matelica: passa il Renate

Renate - Matelica 1-1RENATE (3-5-2): 1 Gemello; 28 Silva, 21 Damonte, 24 Possenti; 8 Guglielmotti, 8 Kabashi, 4 Ranieri (24’ st 17 Vicente), 20 Rada, 7 Anghileri; 14 Galuppini (39’ st 19 Lakti), 9 Nocciolini (24’ st 5 Maistrello). A disposizione: 22 Bagheria, 10 Giovinco, 11 Langella, 13 Santovito, 16 Magli, 23 Burgio, Allenatore: Aimo Diana.MATELI...leggi
26/05/2021


Il decimo capolavoro di Fabrizio Castori: Salernitana in Serie A!

Capolavoro di Fabrizio Castori: la sua Salernitana vince 3-0 a Pescara e vola in Serie A. Il tecnico di San Severino Marche (MC), uscito dal Covid solo pochi giorni fa, oggi fa 501 panchine in Serie B e 10^ vittoria di campionato in carriera. A Salerno sarà finimondo per una festa attesa 23 anni dopo la promozione di Delio Rossi nel 1997-98, la 3^ in assoluto con q...leggi
10/05/2021

Giandomenico: "Siamo in corsa playoff e ce la giocheremo!"

Il pareggio a reti bianche maturato sul campo della Sangiustese, non ha frenato l’entusiasmo del Valdichienti Ponte e di mister Luigi Giandomenico (foto). Lo stesso tecnico maceratese ha infatti analizzato, dopo quattro giornate disputate, l’avvio in campionato della sua squadra proiettandosi già alla prossima sfida con il Grottammare che pot...leggi
05/05/2021

Il Matelica, Bortolussi, Melchiorri: la Serie C parla maceratese

Mentre nel girone A abbiamo ricordato l'impresa del Como guidato dal bomber jesino Alessandro Gabrielloni, il girone B della Serie C ha registrato tanti altri orgogli per la regione Marche, in particolare per la provincia di Macerata. La stagione ha ricordato il debutto del ...leggi
03/05/2021


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,14809 secondi