Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ancona


image host

Ecco l'Ancona Matelica, Mauro Canil presidente: alla base i giovani!

Presentato il nuovo progetto di calcio nel capoluogo dorico. Cambio di denominazione con i nomi delle due città e successivamente resterà Ancona. "Progetto che si basa sui giovani. Ancona va inteso come territorio". Il ds sarà Micciola, il tecnico confermato Colavitto. "Il nostro esempio a lungo termine? L'Atalanta"

Progetto basato sui giovani, si chiamerà Ancona Macerata (diventerà Ancona il secondo anno) e avrà Mauro Canil alla guida. Ora è ufficiale (anche se pratiche burocratiche prima di fine mese non vedranno l'ok definitivo) con il Matelica che diventa Ancona Matelica e avrà come base il Del Conero e gli impianti cittadini. A Matelica? resterà il Fabiani in Prima categoria e una Terza categoria ma anche l'intera attività del settore giovanile con squadre regionali e provinciali. L'estrema sintesi di un pomeriggio intenso con Mauro Canil e Stefano Marconi, entrambi arrivati in Ferrari alla Mole Antonelliana. Il presidente Mauro Canil (applauditissimo al suo arrivo) e il direttore sportivo Francesco Micciola che sono rimasti diversi minuti a colloquio con gli ultras dorici prima dell’inizio della conferenza stampa.

L'Assessore Andrea Guidotti ha fatto gli onori di casa: “Ho sempre detto, siccome ne abbiamo sofferto abbastanza non avevo voglia di ricevere telefonate da chi non ha interesse a metterci la faccia. Chi vuole entrare in questa avventura ci metta faccia, nome e progetto presentandosi chiaramente e con idee condiviso. Ieri mattina il presidente Marconi ha chiesto una riunione d’urgenza e sono rimasto un po' sbigottito e invece c’era anche il presidente Canil. Nessuna strumentalizzazione e per questo non sarò seduto qui. Mi hanno presentato il progetto e ho detto che è giusto presentarlo alla piazza e ai tifosi. La città sarà presente e vicina all’imprenditore che porterà avanti questi progetti importanti: continueremo con la riqualificazione dello Stadio Dorico. Nel giro di 15 giorni abbattimento tribuna, un anno per realizzarla. Un incontro durato un quarto d’ora, tanto è bastato”.

Parola poi all'ex patron dell'Anconitana Stefano Marconi: "Con Mauro Canil parlavamo da tempo, anche per ragioni lavorative. Poi nella giornata di venerdì quando avevo capito che qualcosa non stava funzionando in direzione Macerata, ho affondato il colpo con la soluzione Ancona per la Lega Pro. Ci ha riflettuto e quando abbiamo deciso di fare incontro con assessore allo sport e presentarci. Entro il 21 giugno occorre fare iscrizione e certe tempistiche sono inderogabili che coinvolgono anche amministrazione comunale. Io ringrazio Mauro Canil e faccio a lui i complimenti per tutto quello che ha fatto nel calcio e per il Matelica”

Poi il passaggio decisivo con la parola all'attesissimo Mauro Canil:
“Mi scuso per il ritardo ma siamo arrivati da Bergamo e un po' di traffico. Se noi siamo qui è perché venerdì sera Stefano mi ha chiamato chiedendomi cosa sia successo a Macerata. Se non faceva quello, nulla di questo sarebbe accaduto. Grazie all’assessore: mai mi era capitata una disponibilità così immediata dell’amministrazione e dei tecnici. Alle 9,15 sono arrivato, parlato per mezz’ora e gli ho chiesto possibilità di lasciarmi andare, presente Roberta Nocelli e la segretaria e hanno verificato con i tecnici tutti i documenti che servivano per l’iscrizione. Grazie Stefano, a tuo figlio e all’amministrazione di Ancona. 

Un progetto redatto per me su settore giovanile. Undici anni che facciamo calcio a Matelica: salita iniziale subito in avvio con tre promozioni e poi sei anni di Serie D ho visto tanti procuratori passare e ne ho viste di tutte. Sfido chiunque a trovare un fuoriquota della D che poi restano in C oppure in D. In C ci siamo trovati in una situazione più grande di noi: la nostra amministrazione voleva adeguare lo stadio alla C, oltre un milione di spesa, non mi sentivo di garantire continuità e gli ho detto di investire quei soldi per scuola e collettività. Il Matelica eravamo io, insieme a qualche altro sponsor, eravamo soli in quel caso.

Da qui Macerata, in provincia con una convenzione onerosa: il fatto di essere andati a Macerata era inizio di un progetto legato al territorio. Penso sempre a cosa fare domani, ampliare e migliorare anche facendo degli errori che facciamo perché proviamo a fare le cose. Era lanciato il messaggio al territorio, progetto legato al settore giovanile. In C è obbligatorio avere 6 squadre giovanili oltre la prima squadra. Tra Ancona e Macerata ci sono 15mila ragazzi che fanno calcio nei settori giovanili. Possibile che non si riesca a fare calcio professionistico con questi numeri? Io ci voglio provare. Negli ultimi 4-5 mesi abbiamo fatto sempre incontri con stessa idea, Matelica-Macerata. Poi meerfcoledì scorso, eravamo in 9 al tavolo e abbiamo discusso per la convenzione per un accordo che io non ho ancora ricevuto e mi dispiace per quanto uscito in questi giorni. Matelica-Macerata non piaceva più e dal secondo anno volevano il nome Maceratese: io ho detto no, intendevo Macerata come territorio. Loro volevano solo Maceratese o nulla. Preso atto di questo e me ne sono andato anche arrabbiato. Unico che era d’accordo era il sindaco Parcaroli che ringrazio. Verso le sette di sera venerdì scorso mi chiama Marconi e la storia è questa. Vorremmo realizzarte il progetto e formare le sei squiadre nazionali con i giovani del territorio. Iniziamo quest’anno prendendoci il tempo giusto, ci impiegheremo 5-6 anni per far crescere i ragazzi del nostro territorio, che sono le Marche.

La prima squadra: anno scorso era basata sulle nostre forze economiche. Micciola, mister Colavitto e i collaboratori hanno fatto un grande cammino e solo il Covid ci ha fermato. Prima squada verrà ad Ancona, i colori sono identici. Lo stemma? Ci tenete tanto e ne sono assai consapevole, quel guerriero sullo stemma piace molto anche a me. Abiamo bisogno di tutti quanti. Ci metteremo questo cavaliere che a me non dispiace affatto. Importante che ci sia il biancorosso del territorio. Il primo anno Ancona Matelica e con la prossima stagione si chiamerà Ancona, ma inteso come Ancona territorio. Ancona è una città che mi piace e ci vengo volentieri: se vogliamo crescere serve il settore giovanile. Oggi eravamo a Bergamo, dall'Atalanta: loro si mantengono con le valorizzazioni dei giovani che riescono a vendere. I soldi sono finiti e sono difficili da reperire. Sono a fondo perduto, li impieghiamo per i ragazzi e per il territorio. Abbiamo intenzioni di confermare insieme al ds il mister Colavitto e cercheremo di allestire una buona squadra. Nessuna promessa esagerata. Le nostre forze economiche sono quelle di sempre, partiamo da una base che è la nostra. Conto che le aziende del territorio si possano avvicinare a noi: se si avvicineranno x aziende con x sponsor saremmo ben lieti. Vi chiedo di aiutarci a realizzare un progetto giovani, solo in questo modo è possibile evitare di fare follie che portano solo a fare fallimenti. Stefano Marconi ci sosterrà come nostro sponsor per i prossimi 5 anni e lo ringrazio per la disponibilità data. Presidente della squadra è Roberto Nocelli ed è qui con noi". 

Conferenza ancora in corso di svolgimento

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 15/06/2021
 

Altri articoli dalla provincia...



In porta a 54 anni? Chiedetelo ad Andrea Giacconi (Largo Europa)

Tra le sorprese della quarta giornata del girone D di Seconda Categoria spunta la presenza tra i pali del Largo Europa di Andrea Giacconi (foto piccola). A 54 anni il preparatore dei portieri si è rimesso i guantoni nel derby contro la Junior Jesina (perso per 2-1) dovendo colmare le assenze degli altri due estremi difensori Ver...leggi
19/10/2021

Tre gol e due assist: Cordella si presenta all'Atl. MondolfoMarotta

MONDOLFO. Vola l’Atletico MondolfoMarotta nel girone A del campionato di Promozione. Alle spalle della lanciatissima Osimana, spiccano le prestazioni della società nata l’estate scorsa dall’unione di due realtà dello stesso Comune. L’uomo immagine del nuovo corso societario è senza alcun dubbio Giovanni Corde...leggi
12/10/2021

Chi spende poco e bene, vola! Chiedere al Marina come si fa

MARINA DI MONTEMARCIANO. Quattro vittorie di fila, il Marina vola a punteggio pieno nel campionato di Eccellenza. "Ci fa piacere essere in cima alla graduatoria, un risultato tanto bello quanto inaspettato – ammette il mister Nico Mariani a Il Resto del Carlino -. E’ un momento molto positivo, nonostante ciò dobbiamo rimanere con i piedi ben sa...leggi
05/10/2021

Buonaventura: "Osimana squadra solida ma le avversarie non scherzano"

OSIMO. Fa sentire la sua voce forte e chiara l’Osimana, che guida la classifica del girone A di Promozione dopo le prime 4 giornate di campionato. Reduce dal rotondo successo esterno in casa del Cantiano, abbiamo ascoltato il parere di Alex Buonaventura (foto), l’attaccante giallorosso autore sabato scorso di una bella dopp...leggi
04/10/2021

Come fare gol a 42 anni da n°1. Vero Latini? "Ho visto il portiere..."

Ventisei stagioni alle spalle, oltre 700 partite ufficiali tra campionato e Coppa, Andrea Latini, 42 anni, è uno dei giocatori più esperti del panorama marchigiano. Dopo tanti campionati vissuti tra Eccellenza e Promozione, nel calcio post Covid eccolo a difendere i pali dell'Argignano, formazione di Seconda categoria D. Nella vittoria sull'Esanat...leggi
04/10/2021

Thomas Galli: "La tripletta all’esordio mi dà stimoli incredibili"

SENIGALLIA. Arrivi in una squadra dopo un lungo periodo di inattività, all’esordio in campionato segni tutte e 3 le reti che consentono alla tua squadra di vincere in trasferta. Non è la trama di un film sul mondo del pallone, né tanto meno un sogno di una notte di fine state, ma la splendida realtà vissuta da Thomas Galli (foto) lo scorso saba...leggi
01/10/2021

E' tornato Tomba il para-rigori. "Quanti in carriera? Una ventina"

Il presente si chiama Biagio Nazzaro, lui che a 34 anni può dire con orgoglio di aver difeso i pali delle società più importanti delle Marche: Osimana, Maceratese, Tolentino, Castelfidardo, Ancona. Alla seconda di campionato la sua Biagio è di scena a Grottammare e Alessandro Tomba (foto) sfodera una prestazione coi fiocchi nell'arco dei 90'...leggi
20/09/2021

Grande festa della Junior Jesina per Roberto Mancini

JESI. Al Campo Boario di Jesi la sorpresa del ct Roberto Mancini per gli atleti della scuola calcio che porta il suo nome. “L’importante è divertirsi!”, il monito del Mister a tutti gli atleti della Junior Jesina L. Scuola Calcio Roberto Mancini. “Tra la scuola e Roberto Mancini c’è un legame profondo. Vi...leggi
16/09/2021

Buonaventura: "Ecco perchè ho scelto l'Osimana..."

OSIMO. Alex Buonaventura (foto) è l' ultimo arrivo alla corte di mister Mobili all'Osimana. Tanti i gol segnati tra Eccellenza e Serie D, poi la scelta di scendere in Promozione."E’ successo tutto in fretta – spiega il 35enne attaccante ad anconatoday.it – ed all’inizio l’idea di scendere di categoria non...leggi
15/09/2021

A segno al 1': il primo gol dell'era post Covid è di Carlo Coppari

Nel 2019 con la maglia della Filottranese realizzò la prima tripletta in carriera, a Cantiano (prima giornata di Promozione A) mette dentro il primo gol (su punizione) dell'era post Covid del calcio marchigiano segnato in meno di 60 secondi. Carlo Coppari (foto), 32 anni, è abituato a stupirci, come quando andò a giocare in Thailandia...leggi
13/09/2021

Jesi, il 15 settembre il "Mancini Day" con la Coppa degli Europei

Ci sara' anche la Coppa conquistata agli Europei dalla Nazionale, sotto la guida del commissario tecnico Roberto Mancini, sul palcoscenico allestito il 15 settembre nel Palazzetto dello sport di Jesi, per la grande festa che il Comune ha organizzato in onore del suo concittadino. Per il "Mancini Day", che vedra' la partecipazione dello stesso tecnico azzurro, sono stati polveri...leggi
09/09/2021

Gravina: "Il calcio va riformato. Prossimi tre anni fondamentali"

ANCONA. Giornata certamente proficua e ricca di significato quella vissuta oggi dal presidente della FIGC Gabriele Gravina che, presso i locali del Comitato Regionale, ha incontrato gli esponenti di punta del calcio marchigiano. Ha fatto gli onori di casa il presidente del Comitato Regionale Marche Ivo Panichi ed hann...leggi
02/09/2021

LA PROMOZIONE A VISTA DA... Carta: "Dico Osimana, ma occhio a..."

Il girone A di Promozione visto da Alessandro Carta (foto), tecnico del Santa Veneranda (Prima categoria) ma grande conoscitore del calcio del centro nord delle Marche. "L'Osimana ha allestito un organico esperto e di qualità - le sue parole al Corriere Adriatico - ma dovrà estrarre gli artigli per vincere". Carta, come anti Osimana, vede V...leggi
31/08/2021

Il capolavoro di Roberto Mancini: Italia Campione d'Europa

L'Italia ha vinto Euro 2020. Gli azzurri, dopo l'1-1 ai tempi regolamentari, superano l'Inghilterra ai calci di rigore. Un torneo che la Nazionale termina da imbattuta, merito della squadra e del direttore d'orchestra: il c.t. jesino Roberto Mancini, che mette sul suo curriculum il trofeo più importante della sua carriera calcistica. For...leggi
12/07/2021

Anconitana, la grande delusa. Falconieri: "Noi lasciati soli"

E' evidente a tutti che la grande delusione dell'Eccellenza è l'Anconitana, che non è riuscita neppure ad agganciare i playoff. Il capitano Vito Falconieri traccia il bilancio della stagione: "Siamo rammaricati, purtroppo non siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo - commenta a Il Resto del Carlino -. Siamo dispiaciuti sinceramente, perché a...leggi
09/06/2021


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,19492 secondi