Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


"Nè Ferrara e nè Battipaglia: contro l'Ischia presi 10 in pagella"

Intervista a Guido Di Fabio, storica bandiera della Fermana

A Fermo se dici Di Fabio dici "Capitano", dici Fermana, dici Serie B, dici cuore gialloblu... Passano gli anni ma per nulla si sbiadisce l'amore della città di Fermo per Guido Di Fabio (foto), storica bandiera canarina e attuale trainer del Martinsicuro, Eccellenza abruzzese. Noi di MarcheinGol abbiamo deciso di intervistarlo per parlare della stagione in corso e del suo glorioso passato da calciatore.

Di Fabio, hai deciso di rimanere a Martinsicuro nonostante sicuramente come ogni anno ti saranno arrivate numerose proposte. Come mai questa decisione? Qual è l'obiettivo stagionale per voi?
"Le società che mi hanno cercato non mi hanno davano la possibilità di lavorare con il mio staff che io ritengo sia fondamentale per svolgere il mio lavoro nel migliore dei modi, andando a toccare tutti gli aspetti che bisogna tener conto con una squadra di calcio soprattutto se composta da giovani calciatori da quello tecnico a quello tattico psicologico e comportamentale...I risultati ottenuti dal sottoscritto ritengo siano frutto proprio dell'attenzione ai minimi particolari del mio staff. E poi con la mia società in difficoltà (per colpe non sue dato che lo sponsor principale per gravi problemi finanziari non ha potuto adempiere ai suoi impegni) non me la sono sentita di abbandonarla e insieme come abbiamo sempre fatto in questi anni vogliamo far tornare le cose a posto col lavoro e sacrificio. Il nostro obiettivo quest'anno è evitare l'ultimo posto in classifica, abbiamo una squadra molto giovane (19 fuoriquota su 26) e cercare di valorizzare qualcuno di questi tanti ragazzi".

A Fermo sei ancora idolatrato da tutti, grandi e piccoli, come vedi la Fermana quest'anno? Qual è il ricordo più bello che ti lega a Fermo?
"E' vero, a Fermo ho molti estimatori, ho dato a questi colori tutto me stesso e ho ricevuto in cambio tanto affetto e stima e ancora oggi dopo tanti anni ricevo questi attestati. Nel giorno del mio compleanno (5 settembre) post messaggi con relative foto e maglie di quando giocavo hanno invaso il mio telefono e non ti nascondo una grande commozione da parte mia. La Fermana rimarrà sempre nel mio cuore insieme a tutti i fermani! Quest'anno mi sembra che abbia qualcosa in meno dell'anno scorso ma sono sicuro che mister Destro riuscirà lo stesso a raggiungere gli obiettivi che la società si è prefissa. A Fermo ho tanti bei ricordi con due campionati vinti, verrebbe facile menzionare la finale playoff con il Livorno a Ferrara che ci ha promossi in C1 o l'ultima partita a Battipaglia dopo l'avvelenamento della notte che non ci ha fermato per la voglia che avevamo di regalare ai nostri tifosi la storica promozione in serie B... E invece io menziono una partita di C1 contro l'Ischia dove tutti i giornali compresi quelli sportivi mi diedero 10 come voto... in un campo reso pesante dalla pioggia con i miei compagni molto stanchi e l'Ischia che voleva recuperare il gol di svantaggio mi sono retto a baluardo della difesa recuperando ogni pallone che veniva dalle mie parti e ripartire con azioni personali saltando tutti gli avversari rendendomi sempre pericoloso con i tifosi che mi incitavano in continuazione, applaudendomi per lungo tempo".

Potessi tornare indietro cambieresti qualcosa della tua carriera da giocatore? Da quella di allenatore?
"Sì, cambierei qualche mia decisione nella carriera di calciatore che per orgoglio non mi ha permesso di giocare in serie A ma il calcio io l'ho sempre vissuto e amato per come me l'hanno insegnato i miei allenatori nelle giovanili (ne cito uno che ora purtroppo non c'è più e a cui devo molto, Roberto Vernisi) e cioè farlo con passione onorando tutte le maglie delle squadre con cui ho militato e penso sia proprio questo il motivo per cui tutte le tifoserie mi ricordano con affetto. Da allenatore invece sicuramente l'anno di Fermo, mi sarei dovuto imporre di più con la società per avere qualche rinforzo ma con due presidenti e due direttori sportivi che non remavano dalla stessa parte era difficile. Comunque sono ancora convinto che anche con i ragazzi che mi avevano messo a disposizione avrei raggiunto l'obiettivo della salvezza".

Qual è il suo sogno da allenatore?
"Il mio sogno di allenatore in questo momento è molto semplice: riuscire a salvarmi con la mia società il Martinsicuro e riavviarla in un futuro più roseo con la valorizzazione di qualche giovane. Poi provare gli anni a venire dopo che la società si sia ripresa a vincere lasciandola in serie D per poi poter avere la possibilità di allenare nei campionati professionistici con il mio staff a cui devo molto, è il mio secondo sogno nel cassetto".

Crea la formazione più forte che tu abbia allenato.
"La formazione tipo è: Carfagna, Donzelli, Piunti, Cusaro, Bucci, Capparuccia, Piergallini, Pietropaolo, Orta, Carboni, Melchiorri. A disposizione: Osso, Arcolai, De Cesaris, Ferretti, Biancucci, Cacciatore, Pedalino, Kala, Maio.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Giulia Santarelli il 14/09/2018
 

Altri articoli dalla provincia...



"Cesena di altre categorie, ma occhio al Matelica!" Parola di Vagnoni

In attesa della chiamata giusta, l'ex tecnico del Castelfidardo Roberto Vagnoni (foto) fa un punto su quest'inizio del campionato del girone F di Serie D. Ad iniziare da chi può essere la favorita. "Il Cesena farà un campionato a parte, ha tifosi e campo di tutt'altre categorie ma deve ancora calarsi nella mentalit...leggi
19/10/2018

LA CURIOSITA'. Tira, segna, esulta... ma nella porta sbagliata!

Durante una gara della 4^ giornata di andata del campionato di calcio UISP di Fermo, al termine del primo tempo le due formazioni rientravano negli spogliatoi con la squadra ospite in vantaggio per 2-0. Alla ripresa del gioco la squadra di casa si è mostrata subito arrembante per poter recuperare lo svantaggio. Qualche minuto e un attaccante, palla al pi...leggi
17/10/2018

Paniccià: il ritorno dopo un anno di stop. E a 42 anni è ancora al top

FERMO. Chi domenica era al comunale di Capodarco di Fermo ad assistere all’incontro di Promozione B tra Futura 96 e Atletico Azzurra Colli avrà potuto ammirare almeno due/tre palle gol neutralizzzate da un portierino niente male, 42 anni compiuti ad aprile, un fisico da far invidia a molti e una grinta come pochi. Stiamo parlando di Simone Paniccià...leggi
16/10/2018

Fischia la fine e scoppia a piangere pensando al papà morto!

FERMO. Quando l’emozione prende il sopravvento ci si può lasciare andare ad un pianto disperato. E’ quanto accaduto ieri a fine gara in Fermana - Sudtirol, chiusa a reti inviolate, al "Recchioni" di Fermo. Match di Serie C (girone B) nel quale la direzione di gara è stata senza dubbio sufficiente e proprio il fischietto fiorentino Marco Ricci...leggi
15/10/2018

LA SORPRESA. Futura 96 in testa! Cingolani: "Merito di Clerici"

CAPODARCO DI FERMO. Vetta della classifica (vedi) dopo 3 giornate per la Futura 96 nel campionato di Promozione girone B. I ragazzi di mister Gianni Clerici, dopo la prestigiosa vittoria contro la Civitanovese, condividono il primato con il Chiesanuova e possono ...leggi
11/10/2018

Adami punta a 100 reti: "P.S.Elpidio, non ti accontentare!"

PORTO SANT'ELPIDIO. E’ iniziata decisamente bene la stagione del Porto Sant’Elpidio che in 5 gare non è mai uscito sconfitto (bottino pieno in casa nei 2 incontri disputati e 3 pareggi esterni). Domenica inoltre è arrivato anche il primo gol di Gianluca Adami (foto, ...leggi
10/10/2018

Eleuteri: "Destro mi fece esordire in C a 16 anni. Gli devo molto!"

FERMO. Uno dei motivi d'interesse della gara di domenica al “Recchioni” tra Fermana e Ravenna, è rappresentato dalla presenza tra le file degli ospiti di un ragazzo marchigiano che deve molto a mister Flavio Destro. Parliamo di Alessandro Eleuteri (foto), originario di Amandola e residente con la sua famiglia a Castel di Lama, il qu...leggi
05/10/2018


Promozione, 1^ e 2^ cat. valanga di reti: 6 triplette e 19 doppiette!

Attaccanti in grande spolvero nei campionati di Promozione, Prima e Seconda categoria partiti nell'ultimo fine settimana. La stagione è iniziata con un gran numero di reti segnate e quello che più salta all'occhio è la notevole quantità di doppiette ed anche di triplette messe a segno dai bomber nostrani. Nel girone A di Promozione ...leggi
24/09/2018

Francesco Totti: i primi palleggi sulla spiaggia di Porto San Giorgio!

"A otto mesi ho cominciato a camminare a Porto San Giorgio, sempre col pallone vicino", ha raccontato Francesco Totti a Fabio Fazio nella trasmissione Che Tempo Che Fa in onda su Rai Uno, ricordando la sua infanzia e le radici di una passione viscerale, quella per il calcio. "C'erano certe breccole così a Porto San Giorgio... le breccole sono i sassi”, ha aggiunto ancora l'e...leggi
23/09/2018

Il debutto del difensore Giuseppe Aquino? In porta (senza subire gol)

Ha giocato anche in Serie C con Sangiustese, San Marino e Pro Vasto, ruolo difensore, ultime 3 stagioni passate al Chiesanuova in Promozione, è stato ingaggiato negli ultimissimi giorni dal San Marco Lorese (neo promossa in Eccellenza) e alla prima giornata di campionato eccolo debuttare ma in....porta! Proprio così. Il San Marco di scena a Fossombrone (final...leggi
24/09/2018

Eccellenza, primo hurrà del debuttante Eddy Mengo: "Le mie favorite"

PORTO SANT'ELPIDIO. Quattro punti dopo due partite (un pareggio e una vittoria), il bicchiere di Eddy Mengo (foto) è mezzo pieno: da debuttante sulla panchina del Porto Sant'Elpidio getta lo sguardo sulla classifica anche se dopo 180' è alquanto un azzardo, anche se... "Finora è un campionato equilibrato - ha ...leggi
19/09/2018

PROMOZIONE B al via: ecco come si presenterà ai nastri di partenza

  Si alzerà sabato prossimo il sipario sul campionato di Promozione che vedrà nel girone B un lotto di concorretti di grande prestigio. Ci apprestiamo a vivere uno dei tornei di più alto livello degli ultimi anni, nobilitato dalla presenza di alcune squadre che hanno fatto la storia del calcio marchigiano e non solo. Sulla cart...leggi
19/09/2018

A scuola Marani sognando Dida, ecco Paolo Grifi: "Grilli, grazie!"

Portiere fermano classe 1997 lo scorso anno ha vinto il suo primo campionato indossando la casacca del Monte e Torre, Seconda categoria (girone E). Per lui che già ha fatto tanta gavetta, vestendo le maglie di Futura, Fermana e Folgore Veregra, è il momento di compiere il grande salto e affermarsi nel campionato di Prima categoria, un campionato tosto e competitiv...leggi
12/09/2018

"Io 'sposato' più Croceri e Cocciaretto per una Palmense protagonista"

Da qualche settimana Simone Fagiani (foto) ha sposato la sua bella Jessica ma il tempo di festeggiare è finito; si torna a sudare per la maglia della Palmense, c'è un campionato di Promozione da affrontare e altre soddisfazioni da togliersi. Dopo la vittoria del campionato dello scorso anno hai deciso di proseguire con il...leggi
30/08/2018


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 2,73728 secondi