Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Fermo


Vinicius Fernandes Cardoso: ecco un esempio di integrazione nel calcio

Il ragazzo brasiliano, ex Anconitana oggi all'Amandola, racconta la sua esperienza nel nostro Paese

I fischi a Lukaku a Cagliari, i cori contro Dalbert in Atalanta - Fiorentina che hanno costretto l'arbitro Orsato a interrompere la gara per tre minuti, insomma, il razzismo è ancora presente negli stadi italiani? In questo periodo si parla molto di immigrazione, razzismo e accoglienza, inevitabilmente anche il mondo del calcio già da tempo è coinvolto.
Valentina Triccoli per il blog di Paolino Giampaoli ha intervistato Vinicius Fernandes Cardoso (foto), 24 anni, ex giocatore di Anconitana, Biagio Nazzaro e Villa Musone attualmente in forza all’Amandola in Prima categoria D.

Cosa pensi del calcio italiano?
"Il calcio Italiano in realtà è molto diverso da quello brasiliano, qui ho notato che c’è molta più tecnica ed è un gioco più combattuto e vissuto, in Brasile c’è un gioco più libero in tal senso, meno attenzione verso i ruoli dove si gioca e meno propensione alle regole, è un gioco con meno tattica sicuramente, qui è più preciso e tecnico”.

Pensi che il fattore della lingua sia determinante per un giocatore o almeno nel tuo caso? Hai incontrato difficoltà in tal senso?
“No, personalmente non ho incontrato grosse difficoltà, sono riuscito a farmi capire bene fin dall’inizio ma sicuramente il fatto che provengo da un paese latino mi ha agevolato in quanto riuscivo ad andare anche a senso, io sono del parere comunque che il calcio è un po’ una lingua universale, certe cose si capiscono al volo anche se si parlano lingue diverse ma indubbiamente se riesci a imparare la lingua del posto sei più agevolato nell’inserimento, socializzi meglio e questo è sicuramente un punto a favore".

Gli stranieri che arrivano qui, secondo te, trovano un ambiente accogliente o c’è ancora da lavorare a proposito?
"Io sono riuscito sempre ad inserirmi bene ovunque e non ho mai trovato preclusioni. Molti giocatori stranieri commettono lo sbaglio invece di restarsene in disparte ed essere chiusi, senza protendersi verso gli altri, nulla di più sbagliato! Se ti fai vedere socievole e che hai voglia di fare, di imparare, e non ti tiri indietro nel buttarti, difficilmente verrai discriminato o guardato con diffidenza, in questo voi italiani siete bravi nel riconoscerlo, direi che come accoglienza siete a buon punto a differenza di come si possa pensare“.

Quindi il razzismo, di cui tanto si parla, non credi sia un problema così reale esteso in Italia? 
“Personalmente non ho mai avuto problemi del genere, nelle categorie dove gioco ovvero nel dilettantismo non ho mai notato tensioni di questo tipo, penso sia un problema che riguardi più le categorie maggiori come la serie A, ma quello del razzismo in realtà è un problema mondiale, non riguarda solo l’Italia, anche in Brasile ad esempio ci  sono stati episodi di razzismo verso giocatori di colore.
Qui in Italia un episodio che mi ha colpito molto però, è stata la mancata qualificazione della Nazionale ai Mondiali. Dato che è stata una cosa così sorprendente, i media, cercando di capirne la causa, hanno dato almeno in parte la colpa a noi stranieri presenti nei campionati, asserendo che la nazionale va male perché ci sono troppi stranieri. Potrebbe anche essere vero, ma i veri responsabili sono le società stesse che non investono nei giovani talenti locali e preferiscono investire nei giocatori esteri. Ho più volte notato che i settori giovanili non sono così seguiti dalle società. I giovani devono essere laboriosi ed impegnarsi è vero, ma in primis le società devono accompagnare passo dopo passo questi ragazzi e dar loro gli stimoli necessari per progredire e per prendere seriamente i loro impegni, cosa che spesso non avviene. A mio avviso è questo il vero problema del calcio italiano: non vengono curati adeguatamente i settori giovanili“.

Hai detto una cosa molto interessante, penso faccia riflettere. Che consiglio senti di dare ad un giovane calciatore straniero che come te, viene per la prima volta in Italia? Che suggerimento daresti per inserirsi bene?
“Come in parte ho detto prima: buttarsi! Questa è la parola d’ordine. Fatevi avanti! Non aspettate che gli altri vengano da voi ma fate voi la vostra parte nel farvi conoscere e apprezzare, vedrete che poi dopo il resto verrà da sè e non avrete grossi problemi, ai miei colleghi italiani invece dico di continuare ad essere così accoglienti con noi, vedrete che ne saremo tutti più arricchiti, chi da una parte chi da un’altra".

Print Friendly and PDF
Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 24/09/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



San Marco, Morreale: ''Non molliamo ma l’Eccellenza è una cosa seria''

Momento molto delicato per il San Marco Servigliano che sabato a Gallo di Petriano ha subito il quarto stop consecutivo, con la classifica che indubbiamente preoccupa molto visto il penultimo posto. A fare il punto della situazione mister Renzo Morreale (foto) che entra nel merito della situazione e nello specifico delle problematiche esistenti. ...leggi
20/02/2020

Monte Urano, domenica, casa Andrenacci. "Tutti noi davanti alla tv..."

Monte Urano, domenica, casa Andrenacci. Ore 15, tv sintonizzata su Sky, si guarda Juventus - Brescia. Al minuto 9 si resta senza fiato: esce Alfonso, entra Lorenzo, fin lì terzo portiere delle Rondinelle, dentro per il debutto assoluto in serie A. Finirà 2-0 per la Juve, Lorenzo ha compiuto due autentiche prodezze...leggi
17/02/2020

Che domenica per Lorenzo Andrenacci: debutto all'Allianz Stadium!

Non è roba da tutti i portieri trovarsi a dover difendere i pali della propria squadra contro la Juventus. E' ciò che è successo a Lorenzo Andrenacci (foto), terzo portiere del Brescia, che inaspettatamente si è dovuto alzare dalla panchina ed entrare al posto dell'infortunato Alfonso, tra gli applausi di in...leggi
16/02/2020

Vicenda Martiniello. L'assordante silenzio del Palazzo. VIDEO Mediaset

Calcio marchigiano su tutte le prime pagine di giornali, telegiornali e siti on line, per un episodio non certo edificante: il primo caso nazionale di Daspo comminato ad un arbitro, a seguito dei fatti avvenuti nel dopo partita di Borgo Mogliano – Montottone Grottese, valida per il campionato di Seconda categoria. Tutti ne parlano, ad esempio le maggiori ...leggi
12/02/2020

Corner Player. Dove si incontrano società e calciatori

Il movimento calcistico regionale si appresta a vivere la fase decisiva della stagione, si avvicina il gran finale con le squadre che puntano a vincere, a salvarsi o a chiudere in tranquillità il campionato. Con la recente chiusura del mercato invernale resta per le società la possibilità di tesserare i calciatori svincolati, eventuali rinforzi dell'ultima ora, pronti a dar...leggi
31/01/2020

Sangiorgese, Le Gall... Tutto Angelini: "I miei 6 mesi in nerazzurro"

CIVITANOVA MARCHE. "Dottò, va forte la sua squadra, eh? Va forte va forte, e se vinciamo domenica andiamo al primo posto!". Il botta e risposta si consuma al Caffè Maretto di Civitanova Marche, ore 13, due giorni prima di Sangiorgese - Trodica, il big match di Prima categoria C. La risposta ad un conoscente seduto ad un tavolo, risposta pronta e sfe...leggi
31/01/2020

Ecco le cooperative del gol in Prima e Seconda categoria

Superata la metà della stagione, nei campionati di Prima e di Seconda categoria, è già tempo per stilare i primi bilanci e dare un'occhiata alle statistiche. Prendiamo oggi in esame le reti segnate nei vari gironi, mettendo in evidenza anche le squadre che stanno dimostrando di aver maggior dimestichezza con le reti avversarie. ...leggi
16/01/2020

Coppa Marche 3 Fermo: è l'Atletico Monte Urano a far festa!

TORRE SAN PATRIZIO. Festa finale per l'Atletico MU 84 che ha battuto per 3-1 il Pedaso e si aggiudica la Coppa Marche di Terza Categoria provinciale di Fermo. Sul terreno del Comunale di Torre San Patrizio è Bentivoglio a realizzare la rete del vantaggio nel primo tempo. A met&agrav...leggi
29/12/2019

Pierandrei e il tris all'Anconitana: "L'emozione più grande vissuta"

MARINA DI MONTEMARCIANO. Ne aveva fatti cinque finora in campionato ma, per raggiungere quota 8, ha deciso di impegarci appena 90 minuti, senza dubbio i più affascinanti della stagione, al "Del Conero". Giornata indimenticabile quella di ieri per il Marina che, da buon da Davide contro Golia, si è tolta una grandissima soddisfazione. Lo è anche per l’...leggi
23/12/2019

Tribuna... scoperta per la 'prima' di un derby di serie D

La prima volta in Serie D per il derby fermano Porto Sant’Elpidio - Montegiorgio si giocherà dunque in provincia di Macerata, precisamente al comunale di Villa San Filippo a Monte San Giusto. Decisione ufficializzata nei giorni scorsi vista l’indisponibilità del "Ferranti" per i lavori di adeguamento (che dall’Amministrazione comunale c...leggi
13/12/2019


Dezi: "La San Marco è viva più che mai e resterà in Eccellenza!"

SERVIGLIANO. E' un presidente Domenico Dezi (foto) tutto sommato abbastanza rinfrancato quello che incontriamo nella sua città per parlare di questo campionato di Eccellenza. I 10 punti conquistati nelle ultime 6 gare, pur non tirando completamente fuori la San Marco Lorese dalla lotta per la salvezza, permettono di guardare al ...leggi
10/12/2019

Amandola-Cossinea-Castignano: l'incrocio della famiglia Di Lorenzo

Non sarà un fine settimana come gli altri quello che si appresta a vivere la famiglia Di Lorenzo, in vista della 13^ giornata nel girone D di Prima categoria. La squadra di papà Oliviero, da poche settimane sulla panchina dell’Amandola, sarà infatti di scena sul campo di Cossignano, città di origine della famiglia Di Lorenzo, n...leggi
04/12/2019


Gol in Eccellenza a 18 anni con la San Marco. Il sogno di Frinconi

SERVIGLIANO. Vittoria di grande importanza quella ottenuta sabato scorso dalla San Marco Lorese contro l'Atletico Azzurra Colli, un successo che rilancia la classifica del team di mister Morreale che, dopo un avvio stentato, sembra aver trovato il passo giusto. Protagonista dell'incontro la giovane mezzala classe 2001, Matteo Frinconi (foto), tornato a...leggi
12/11/2019


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,12273 secondi