Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Ascoli Piceno


image host

image host

Barbizzi lascia: "Non è questo il calcio che ho vissuto ed amato!"

Lo storico dirigente della Cossinea annuncia le sue irrevocabili dimissioni, ormai irrimediabilmente amareggiato da quanto vede ogni settimana sui campi

Una stagione quella in corso che, specialmente nel campionato di Prima categoria, sta facendo registrare settimana dopo settimana una serie di lamentele e di proteste che non trovano confronto con gli anni precedenti. A giudizio di quasi tutti gli addetti ai lavori, la gestione delle gare da parte degli arbitri sta diventando sempre più problematica e, al di la dei risultati, alla fine delle partite sono sempre di più i casi nei quali entrambe le squadre si sentono penalizzate.

Nella giornata di ieri abbiamo ricevuto una mail da Pacifico Barbizzi (foto) vice presidente della Cossinea (girone D), un uomo che del calcio ha vissuto tutti gli aspetti, sia da giocatore che da dirigente appassionato e leggere il suo sfogo e la sua frustrazione, per come procedono le cose, obiettivamente lascia perplessi e dovrebbe almeno spingerci ad una riflessione. 
“Mi dispiace dover constatare che purtroppo ancora una volta a fare la differenza nell’ultimo match di campionato, tra la Cossinea e il Castignano, è stato l’arbitro come nella precedente partita contro il Rapagnano, al di là del risultato. Assistiamo troppo spesso a strane sudditanze psicologiche da parte di alcuni arbitri, nei confronti di società calcistiche più conosciute o che primeggiano la classifica”.

Così si sfoga a caldo Barbizzi, un veterano della Cossinea e del calcio dilettantistico locale, profondamente amareggiato per quanto sta assistendo. Un signore, è bene ricordarlo, da sempre nel mondo calcio che a suo tempo ha giocato a buon livello in Svizzera, dove era emigrato, ha disputato dei campionati importanti nelle Marche e da 37 anni è la memoria storica della squadra del suo paese che ha contribuito a fondare: “Che esista un problema arbitrale lo pensano in molti, ma pochi hanno il coraggio di dirlo - sottolinea il dirigente - è un fenomeno che fa male non solo ai calciatori, ai tifosi e agli sponsor che aiutano le società, ma soprattutto al gioco del calcio e anche al prestigio di chi primeggia la classifica. La Cossinea è una modesta società calcistica, senza grandi ambizioni, ma da sempre si è contraddistinta per la tenacia, la correttezza, per l’operato profuso quotidianamente dai dirigenti e dal mister insieme ai giocatori, che cercano di onorare al meglio la maglia della Società, tutti insieme in nome della passione per il calcio. E’ la passione a smuovere gli animi e a farli mettere in gioco, a fronte di grossi sacrifici che tutte le piccole società sanno bene quanto siano gravosi. Questa non solo è una testimonianza, ma è un grido di allarme di una Polisportiva che in questi ultimi anni non ha mai fatto un reclamo alla Lega, non ha mai creato problemi, eppure sempre più spesso assiste inerme all'operato di una classe arbitrale poco adeguata. Da troppo tempo ci si domanda - continua Barbizzi come un fiume in piena - perché non si presti più attenzione nella selezione degli arbitri, specie per partite tra Comuni vicini o che possono fare la differenza per il campionato. In relazione all'ultima gara mi chiedo come faccia l’Associazione degli Arbitri a designare, per il match notoriamente sentito dalle due compagini calcistiche, un arbitro giovane e di Ascoli Piceno. Oltre alla vicinanza con Castignano, questo ragazzo ha peccato di scarsa personalità e troppa inesperienza, finendo per incidere pesantemente sul risultato".

"Basterebbe rivedere e verificare anche come sono state distribuite le ammonizioni, sempre indirizzate ai soli giocatori della Cossinea per futili motivi con il risultato di pregiudicare, ancora una volta, il prosieguo del campionato. Per conferma - prosegue l'appassionato dirigente - si può chiedere a chi era alla partita, siano essi spettatori o giocatori, alcuni dei quali fortemente imbarazzati, tanto per utilizzare un eufemismo. Si registrano poi altre cose misteriose. Un giocatore del Castignano già diffidato, nella gara precedente con l'Offida è stato ammonito e dunque doveva essere squalificato per aver maturato la quinta ammonizione, invece così non risulta nei verbali della Federazione. Tutti sono consapevoli di ciò, eppure nessuno dice niente, nessuno controlla. Oramai serpeggia tanto scoramento negli animi dei più, e francamente, salendo di categoria, non si pensava assolutamente di doversi misurare anche con questi incresciosi fenomeni. Ribadisco che così non si fa torto solo alla Cossinea, ma all’intero mondo del calcio. Sono troppi ormai gli errori e le stranezze e sinceramente sono stufo di assistere supinamente a queste evidenti ingiustizie dopo tanti anni di militanza, pertanto - annuncia Barbizzi - nei prossimi giorni presenterò alla società le mie dimissioni irrevocabili. Mi rendo conto di creare disagio ad una realtà che ho contribuito a fondare e far crescere, una parte della mia vita, ma non me la sento più di ingoiare bocconi amari. Vedo in giro tanto malcontento, in questi casi magari sarebbe lecito attendersi dai vertici della Federazione e dell’Associazione degli Arbitri una maggiore attenzione e dei seri provvedimenti che, purtroppo, tardano ad arrivare. Una volta tanto - chiude amaramente lo storico dirigente - chiediamoci perchè gli spalti sono sempre più vuoti e i dirigenti delle squadre sempre più anziani; sta svanendo la passione e con essa se ne andranno anche molte società, non solo qualche dirigente. A buon intenditor dovrebbero bastar meno parole!”.

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 27/01/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

Fantuzi bomber e infermiere: "Rispettiamo le regole e...vinceremo!"

Quando smette i panni di bomber indossa il camice bianco. Lui è Fabio Fantuzi (foto), attaccante dell'Acquasanta e attuale capocannoniere con 18 gol del girone H di Seconda categoria, nella vita professionale lavora come infermiere ad Ascoli Piceno. Chi meglio di lui può spiegarci come si vive ai tempi del Coronavirus. ...leggi
12/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

Terminare la stagione in tempo di Coronavirus. Sarà un'impresa!

Nella giornata di ieri abbiamo sentito i dirigenti di alcune società dell'Eccellenza in merito al blocco dei campionati ed alla possibilità di giocare le gare a porte chiuse. Tale eventualità sembra raccogliere la maggioranza dei consensi, anche se non mancano i distinguo e le valutazioni generali sulla salute dei tesserati. Ammesso che si voglia battere questa strada, dall...leggi
06/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

Leo Ciotti e il Porto d'Ascoli Calcio: "10 anni...di goal"

STELLA DI MONSAMPOLO. Nel campionato di Eccellenza Marche che sta volgendo al termine, gli osservatori più attenti avranno certamente notato l'assenza negli ultimi mesi, di un esponente di primo piano del movimento calcistico regionale come Leo Ciotti (foto). Per soddisfare la nostra curiosità e crediamo anche quella dei nostri lettori, a...leggi
27/02/2020

Vicenda Martiniello. L'assordante silenzio del Palazzo. VIDEO Mediaset

Calcio marchigiano su tutte le prime pagine di giornali, telegiornali e siti on line, per un episodio non certo edificante: il primo caso nazionale di Daspo comminato ad un arbitro, a seguito dei fatti avvenuti nel dopo partita di Borgo Mogliano – Montottone Grottese, valida per il campionato di Seconda categoria. Tutti ne parlano, ad esempio le maggiori ...leggi
12/02/2020

"Atletico Ascoli a +10? Percorso straordinario ma ancora non è fatta"

Continua a lievitare il vantaggio dell’Atletico Ascoli (Promozione girone B) sulle più immediate inseguitrici. Dopo la quarta giornata del girone di ritorno è salito a 10 punti il ritardo di Loreto e Civitanovese rispetto alla squadra allenata da Stefano Filippini. Più indietro Maceratese e Monturano Campigli...leggi
28/01/2020

Ecco le cooperative del gol in Prima e Seconda categoria

Superata la metà della stagione, nei campionati di Prima e di Seconda categoria, è già tempo per stilare i primi bilanci e dare un'occhiata alle statistiche. Prendiamo oggi in esame le reti segnate nei vari gironi, mettendo in evidenza anche le squadre che stanno dimostrando di aver maggior dimestichezza con le reti avversarie. ...leggi
16/01/2020

Porta Romana, a te la Coppa Marche 3 di Ascoli Piceno

Porta Romana - Forcese 1-0PORTA ROMANA: Laurenzi Gianluca, Vespa, Torquati, Bellini, Azzanesi, Giuliani, Bufo (46' Kone), Volponi, Faustini, Alesi, Natali. A disp. Ricci, Stipa, Capponi, Bartolini, Massetti, Nani, Iachetti, Londino. All. MariottiFORCESE: Sirocchi Giuseppe, Morichetti, Laurenzi Antonio, Funari, Di Buò, Marcozzi, Spinucci (25' Catalani), Romane...leggi
11/01/2020


Benvenuti nel Giordano Napolano Day: 3 gol e un assist!

Giordano Napolano trascina il Porto d’Ascoli alla vittoria contro il Marina. Dopo la clamorosa vittoria al "Del Conero" con l’Anconitana la squadra allenata da Nico Mariani cade sotto i colpi di king Giordano, autore di tre gol ed un assist per la quarta segnatura di Valentini.“Cerchiamo di dare il massimo in ogni partita, a fine campionato vedremo dove ...leggi
05/01/2020

"Sì, il mio Atletico Ascoli è proprio forte". Intervista a Filippini

ASCOLI PICENO. La settima vittoria consecutiva in campionato consegna all’Atletico Ascoli il titolo di campione di inverno con una giornata di anticipo. La squadra allenata da Stefano Filippini (foto), unica formazione imbattuta dopo 14 giornate nel girone B di Promozione, vanta il migliore attacco ma anche la migliore difesa (...leggi
16/12/2019


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,12071 secondi