Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Eccellenza 2020-2021 a 16 o 18 squadre? Dipende tutto dalla Serie D!

Jesina in bilico e Sangiustese a rischio: da questo dipende la struttura del prossimo torneo regionale. E i playoff di Promozione che potrebbero far sorridere due squadre! Ecco gli scenari possibili

Ad undici giornate dal termine del campionato di Serie D è giusto iniziare a porre lo sguardo non solo a quello che accade in testa (con il Notaresco inseguito da Matelica, Campobasso e Recanatese) ma soprattutto a quanto avviene nella zona bassa, anche in prospettiva 2020-2021. Il numero di marchigiane che purtroppo potrebbero retrocedere andrà ad incidere inevitabilmente sulla composizione del prossimo campionato di Eccellenza ma non solo. Andiamo nello specifico.

LA SITUAZIONE IN D. Classifica alla mano, nonostante i 33 punti ancora disponibili sembra quasi compromessa la situazione della Jesina in fondo alla classifica. Solo 12 punti finora e -7 dal terz’ultimo posto che vale almeno i playout. Per i leoncelli tutto sembra estremamente complicato a questo punto. In zona playout anche un’altra marchigiana che vive una stagione travagliata come la Sangiustese, al secondo cambio in panchina (squadra affidata a Roscioli, dopo gli esoneri di Senigagliesi e Campedelli) e nel cuore della zona calda. Con il Porto Sant’Elpidio a +7 sui playout e il Tolentino addirittura a +10, le squadre maggiormente a rischio sembrano proprio Jesina e Sangiuestese in seconda battuta.

DUE RETROCESSIONI DALLA D. E’ al momento la peggiore delle ipotesi possibili e potrebbe incidere pesantemente in Eccellenza dove ci sarebbero, considerando la promozione in D della vincente del campionato, 17 squadre al via. Potrebbe in realtà non cambiare nulla se la seconda classificata al termine dei playoff seguisse le orme del Porto Sant’Elpidio dello scorso anno nel doppio spareggio nazionale: l’Eccellenza rimarrebbe a 16 squadre in questo caso. Ma se questo non si verificasse un campionato a 17 squadre non sarebbe particolarmente gradito, considerando anche i turni di riposo. E allora l’ipotesi a 18 squadre diventa concreta con, a completare il quadro delle partecipanti, la quarta squadra promossa dal campionato di Promozione (le due vincenti dei gironi e le due vincenti playoff).

UNA SOLA RETROCESSIONE DALLA D. La soluzione che in molti si augurano visto che muterebbe pochissimo. Con una sola promozione dall’Eccellenza in D non cambierebbe nulla: Eccellenza a 16 squadre e tre squadre che salirebbero dalla Promozione, come da regolamento. Ma nel caso di promozione in D della seconda classificata di Eccellenza, per rimanere con il format delle 16 squadre ecco che dalla Promozione salirebbero appunto in quattro, quindi le due vincenti playoff a prescindere dal risultato dello spareggio finale. Di conseguenza da prevedere anche una promozione in più dalla Prima e dalla Seconda categoria.

E CON TRE MARCHIGIANE RETROCESSE? Classifica alla mano, al momento è la situazione meno probabile viste le posizioni attualmente in sicurezza di Tolentino e Porto Sant’Elpidio ma la matematica porta anche a questo ragionamento. A quel punto l’Eccellenza cambierebbe format con il passaggio a 18 squadre inevitabile. Un format che diventerebbe 17 in caso di salita in D della squadra seconda classificata e in tal caso, probabile la quarta squadra promossa dalla Promozione. Discorsi complessi ma necessari perché come ogni anno, tutto dipende dal “comportamento” delle squadre marchigiane impegnate in Serie D.

Print Friendly and PDF
Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 13/02/2020
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,10647 secondi