Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


LA STORIA. Michele Luzi: "Il mio anno in Cina ad insegnare calcio"

Il tecnico 41enne di Fossombrone racconta un'esperienza che lo ha arricchito umanamente e professionalmente. Oggi ricopre il ruolo di allenatore di due squadre nel settore giovanile dell’Urbania

Michele Luzi, classe 1978, da Fossombrone alla Cina, con il calcio come filo conduttore. Spinto dalla passione per il mondo del pallone e per quella dei viaggi Michele tra l’Aprile del 2017 ed il Marzo del 2018 è stato protagonista di un viaggio unico nel suo genere, pieno di aneddoti e curiosità che hanno arricchito il suo bagaglio sia dal punto di vista umano, che da quello puramente sportivo. Oggi ricopre il ruolo di allenatore di due squadre nel settore giovanile dell’Urbania calcio e proprio ad Urbania lo abbiamo incontrato per farci raccontare la sua magica esperienza nel mondo cinese.

Allora Michele, cosa ti ha spinto ad intraprendere questo viaggio?
«Principalmente due fattori. La voglia di viaggiare e conoscere nuove culture, e la passione per il calcio. In Italia se non sei stato un calciatore professionista non è semplice riuscire ad allenare ad alti livelli, in Cina invece per gli allenatori europei c’è la possibilità di poter lavorare in un contesto professionistico, con un contratto certo e gratificante».

Di quali canali ti sei servito per trovare questa opportunità?
«Tramite la rete. In internet ho trovato degli annunci di società che cercavano un allenatore, ho inviato il mio curriculum e dopo qualche settimana sono stato contattato, poi un colloquio in inglese tramite Skype ed appena tre settimane dopo ero in Cina».

Una volta arrivato che situazione hai trovato?
«Qualche anno fa ho allenato qualche mese in Russia alla Lokomotiv Mosca ma la Cina è un’altra cosa, in questo Paese così vasto e dalle abitudini e tradizioni completamente differenti dalle nostre non sono mancate le difficoltà, prima fra tutte la comunicazione, quasi nessuno parla inglese, infatti al lavoro avevo il mio interprete personale, poi però ho trovato il modo di farmi capire e le opportunità sono fioccate. Arrivato nella metropoli di ChongQing (città di 35 milioni di abitanti, vasta come tutta l’Austria) è stato un po' come un salto nel vuoto, ma la prospettiva e la curiosità era davvero molta. Ho iniziato facendo il maestro di calcio e di inglese negli asili della città. Dopo appena tre mesi, sono stato contattato per dirigere un summer camp di due settimane a Guanzhou, nel quale ho avuto la fortuna di conoscere e lavorare fianco a fianco con Alessandro Costacurta, uomo immagine della manifestazione e mio “assistente”. Poco dopo mi è giunta una proposta da Bayannur, città a nord della Cina, in pieno deserto del Goby. Qui ho lavorato come insegnate di calcio in una scuola superiore a indirizzo sportivo, in pratica allenavo due squadre, una under 17 ed una under 14. Il contesto in cui lavoravo era splendido. La struttura della scuola era all’avanguardia ed i ragazzi si allenavano due ore alla mattina e due al pomeriggio tutti i giorni tranne la domenica. Con entrambe le squadre ho riscontrato miglioramenti incredibili nel giro di pochi mesi, abbiamo raggiunto anche risultati importanti, riuscendo ad arrivare fino alla finale del campionato con l’U17 e a vincere un torneo a punteggio pieno con l’U14».

Poi, cosa ti ha riportato in Italia?
«Dal punto di vista lavorativo era molto gratificante e stimolante fare l’allenatore in un contesto professionistico, così come era stimolante scoprire ogni giorno qualcosa di nuovo su un popolo così diverso come quello cinese, dallo stile di vita alla cucina, davvero fantastica; dall’altro la distanza dalla famiglia, dagli affetti e dagli amici mi ha spinto a rientrare in Italia dopo un anno, nonostante nella scuola in cui allenavo mi avessero offerto un prolungamento di altri due anni».

Rientrato nel Belpaese Michele non ha tagliato il cordone che ormai lo lega alla Cina. Ha infatti creato una pagina facebook “Allenatori di calcio in Cina” con la quale contribuisce a mandare molti ragazzi italiani a fare la stessa unica ed emozionante esperienza di vita fatta da lui in prima persona.

(FONTE: Il Resto del Carlino)

Print Friendly and PDF
  Scritto da La Redazione il 20/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Alessandro Sperandio, 41 anni e 22 di Atletico Gallo Colbordolo!

E' tra le realtà più piccole dell'Eccellenza e il suo presidente Alessandro Sperandio (foto) vanta un doppio record: è giovane, ha 41 anni, ed è al timone della società da ben 22. "Era il 1997 - racconta Sperandio - al paese non c'era più la squadra, così con un gruppo di ragazzi decid...leggi
09/08/2019

Dall'Eccellenza alla 1^ cat. La nuova geografia del calcio marchigiano

Con la mancata iscrizione della Pergolese al prossimo campionato di Eccellenza, che dovrà comunque essere ratificata dal Comitato Regionale, si modificherà anche la geografia dei vari gironi di Promozione e Prima categoria. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, abbiamo provato a fare una simulazione su come potrebbero essere suddivisi gli org...leggi
25/07/2019

Niente iscrizione in Eccellenza della Pergolese: prossimi i ripescaggi

Allo scadere dei termini per l'iscrizione al campionato di Eccellenza 2019/2020, tra le domande giunte al Comitato Regionale Marche non sembra esserci quella della Pergolese. Secondo notizie da varie fonti giunte alla nostra Redazione, sembrano svanite le ultimissime speranze di vedere il nome della U.S. Pergolese 1923 (società con quasi 100 anni di stor...leggi
24/07/2019

Nasce l'asse Ascoli - Fano. A Gaetano Fontana la panchina dell'Alma

Un'accordo di collaborazione per la crescita dei rispettivi settori giovanili e del rafforzamento del rapporto tra le due compagini. Sono questi i cardini dell'intesa siglata tra Ascoli Calcio ed Alma Juventus Fano. Si tratta di una trattativa che andava avanti ormai da mesi tra le due società e, con l'ufficialità della riammissione in terza serie...leggi
20/07/2019

UFFICIALE. L'Alma Juventus Fano torna in Serie C

Il Consiglio Federale si è espresso sul futuro dei campionati di Serie B e C. Oltre ad ufficializzare l'esclusione del Palermo dal campionato cadetto e la conseguente riammissione del Venezia, ha anche decretato gli organici della terza serie per la prossima stagione. Tra queste c'è anche l'Alma Juventus Fano che, dopo la cocente retrocessione di qualche mese fa, ...leggi
12/07/2019


"Per qualcuno non ce l'avrei mai fatta..." Sensi, da Urbania all'Inter

“È un sogno che diventa realtà”. Stefano Sensi, il calciatore nato ad Urbino ma cresciuto ad Urbania approdato all’Inter dal Sassuolo, non sta nella pelle. Centrocampista classe 1995, Sensi si trasferisce al club nerazzurro a titolo temporaneo annuale con diritto di opzione. Alla società emiliana, che nell’affare prender&agr...leggi
03/07/2019

Pergolese, il futuro è a rischio. Dopo i Chiarucci... il nulla!

PERGOLA. Passano i giorni, tante chiacchiere intorno alla Pergolese, zero contatti con la famiglia Chiarucci (Paolo patron, Andrea direttore sportivo). La storia è nota. A fine maggio l'annuncio choc di Paolo Chiarucci (foto): "La decisione è sofferta - raccontò - e giunge dopo anni di sac...leggi
24/06/2019

CORNER PLAYER: la soluzione rapida per la tua carriera sportiva

URBANIA. Diventare un campione sportivo è il sogno di tanti ragazzi. Da oggi la strada per avverare questo sogno è un po’ più breve, grazie a Corner Player, una piattaforma online che consente di mettere in contatto, senza mediazioni, squadre e giocatori di qualsiasi sport. La piattaforma, ideata e sviluppata nella March...leggi
10/06/2019

Chiarucci: "Troppa solitudine, dopo 28 anni lascio la Pergolese"

PERGOLA. Una storia di amore e di passione lunga 28 anni, una storia però che sta per conoscere la parola fine. Paolo Chiarucci (foto) lascia la Pergolese, società fondata nel 1923 con 4 stagioni di Eccellenza negli ultimi 10 anni, e la volontà pare essere definitiva. Chiarucci è la Pergolese, 25 anni da presidente, ultimi 3...leggi
22/05/2019

Ad Urbino partono i festeggiamenti per la Promozione!

URBINO. L’Urbino è in Promozione. Nella penultima giornata di campionato (Prima categoria girone A) i ducali vincono per 3 a 2 sul campo della Mercatellese e ottengono la promozione con una giornata di anticipo. Le reti della vittoria a Mercatello sul Metauro portano la firma di Politi, Fiorelli e Tanfani. “E’ stata durissima, è stata una...leggi
12/05/2019

INTERVISTA. "Urbania, bene così. Squadre blasonate fanno i playout"

URBANIA. Il cammino dei ragazzi terribili dell’Urbania si è interrotto mercoledì pomeriggio a Fabriano con la sconfitta in semifinale playoff contro la squadra di mister Tasso: un 2-0 che ha portato in finale proprio i cartai che saranno in campo domenica alle 16,30 al Ferranti di Porto Sant’Elpidio. Nessun dramma ma tantissimo orgoglio per il tecnico ...leggi
10/05/2019

ECCELLENZA. Fabriano Cerreto in finale playoff: battuta l'Urbania

Eccellenza - Finale play-off: Fabriano Cerreto - Urbania 2-0FABRIANO CERRETO (4-2-3-1): Santini; Bordi, Gilardi, Cenerini, Morazzini (39’ st Mariucci); Borgese, Bartoli (49’ st Berettoni); Baldini (49’ Montecchia), Benedetti, Bartolini; Galli (47’ st Giuliacci). All. Tasso.URBANIA (4-1-3-2): Ducci; Renghi (45’ st Lucciarini), Rebiscini,...leggi
08/05/2019

"La più grande gioia in 50 anni di storia". Villa San Martino salvo!

PESARO. Una salvezza che vale come una promozione. Il Villa San Martino, società di un quartiere di Pesaro, riesce a mantenere la Promozione conquistata l’estate passata battendo 2-1 i cugini del Santa Veneranda nella sfida secca di playout davanti a 400 spettatori. "Una gioia incredibile. La più grande soddisfazione nella storia quasi 50enn...leggi
07/05/2019

LA RIFLESSIONE. Tre gare non disputate... 25 Aprile scelta sbagliata!

Con il senno di poi forse è troppo facile prendere un certo tipo di posizione, ma siamo certi che giocare una giornata decisiva di campionato il 25 Aprile sia stata un'idea geniale? Al di la della Festa Nazionale che forse sarebbe giusto rispettare, si trattava per i campionati di Promozione e Seconda categoria dell'ultima di campionato, decisiva in alcu...leggi
26/04/2019


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,13919 secondi