Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Il difficile cammino verso il titolo: ecco come ha fatto il Napoli

Fonte: https://unsplash.com/de/fotos/NjhHTNPkEDQ

La SSC Napoli ha una lunga storia ed è considerata la società calcistica di maggior successo del Sud Italia. Tuttavia, con due titoli di Seria A finora, la SSC Napoli è stata spesso messa in ombra dai club di successo del nord e del centro Italia.

Dopo una fase di trasferimenti turbolenta e poco soddisfacente la scorsa estate, pochi appassionati di calcio avrebbero scommesso i loro bonus senza deposito su un titolo di campionato. Ma è già chiaro che il sogno calcistico si è avverato.

La lunga attesa è finita

L'ultima volta che la SSC Napoli si è laureata campione d'Italia, un leggendario Diego Maradonna giocava nella squadra campione e Marco van Basten era il capocannoniere del Milan. Nello stesso periodo si disputavano ancora le Coppe Europee e l'Ascoli Calcio era retrocesso dalla Seria A. Alla fine degli anni '80, il club del sud Italia entra in una fase di gloria. Dopo essere diventato campione di Serie A per la prima volta nel 1986/87, il titolo successivo era dietro l'angolo. Il Napoli fu anche incoronato vincitore della Coppa Europa e vinse la Coppa Italia.

In seguito, la situazione è rimasta tranquilla per molto tempo. Il Napoli era ancora uno dei club più importanti d'Italia, ma le potenze del nord non potevano essere scalzate per molti anni. I successi internazionali, in campionato e in coppa, si sono fatti attendere fino alla stagione 2011/12. Più di 20 anni dopo l'ultima Coppa Italia, la SSC Napoli ha mostrato segni di vita.

Anche se la Coppa Italia è stata vinta ancora una volta nella stagione 2013/14, non è mai stata sufficiente per il grande successo nella corsa al campionato. La Juventus Torino in particolare, ma anche l'Inter e il Milan, hanno sempre avuto qualcosa da ridire sullo scudetto.

Un altro segno di vita

La SSC Napoli ha faticato all'inizio della stagione 2019/2020 e si è dovuta accontentare di una posizione insoddisfacente in classifica. C'era la sensazione che i successi precedenti non fossero facili da replicare e che il club avesse bisogno di un cambiamento. Con il nuovo allenatore Gennaro Gattuso è stato finalmente sviluppato un concetto tattico che ha portato la SSC Napoli al successo. Il sistema 4-3-3 implementato da Gattuso ha portato maggiore stabilità e sicurezza alla difesa e ha fatto sì che anche il gioco d'attacco funzionasse meglio.

Tuttavia, il cuore del successo non è stato solo il sistema tattico, ma anche la dedizione e l'impegno di tutti i giocatori in campo. La SSC Napoli ha affrontato la stagione 2019/2020 con molta forza di volontà e passione, diventando la seconda squadra in quattro anni a battere la Juventus Torino, vincitrice dell'abbonamento, in Coppa Italia, dopo la Lazio Roma. La squadra ha dimostrato di non lasciarsi abbattere e di sapersi sempre rialzare e combattere nonostante le situazioni difficili.

Ma se in Coppa Italia è tornata a vincere alla grande, in campionato non è bastato nemmeno per un posto nell'attività internazionale. Al settimo posto in classifica, molti tifosi e la squadra erano dolorosamente consapevoli che la strada per un altro titolo sarebbe stata molto difficile.

Cogliere lo slancio

All'inizio della stagione 2022/23, c'era ben poco che facesse pensare che la SSC Napoli sarebbe entrata in corsa come pretendente al campionato. Dopo tutto, anche se la Juventus di Torino non riusciva più a portare in campo il suo vecchio dominio, le due squadre milanesi in particolare erano progredite e già nella stagione precedente avevano dato vita a un'entusiasmante corsa al campionato.

Per molti appassionati di calcio, ma anche per gli esperti, era chiaro che la SSC Napoli sarebbe stata al massimo la terza forza nella stagione in corso. Ciò era giustificato anche dal fatto che giocatori centrali come Insignie, Koulibaly e Ruiz avevano cambiato club. Ma il tecnico Luciano Spalletti ha dimostrato che è possibile fare di necessità virtù.

Particolarmente fortunata si è rivelata la mossa di Chwitscha Kwarazchelia, che ha segnato il suo primo gol all'esordio. Quest'ultimo si era più o meno allontanato dal calcio professionistico dopo la fine del suo impegno nel campionato russo e si manteneva in forma esclusivamente nelle sessioni di allenamento. Che avrebbe giocato un ruolo chiave nel cammino verso lo scudetto probabilmente non ci credeva nemmeno il Napoli.

Anche altri giocatori, come Giacomo Raspadori, si sono messi in luce fin dall'inizio a Napoli e hanno fatto in modo che l'intero club formasse un'unica unità. Nella SSC Napoli si è finalmente rivisto lo spirito combattivo per il quale il club era noto anche alla fine degli anni '90. Anche dal punto di vista economico, il club è in piena forma. Anche dal punto di vista economico, il club sta tornando ad avere successo grazie ai migliori ascolti e ricavi televisivi. L'attuale squadra ha dimostrato che può avere successo anche senza i migliori giocatori e che non servono necessariamente trasferimenti milionari per vincere i titoli.

Sfruttare con freddezza i problemi della concorrenza

La SSC Napoli è riuscita a sfruttare la mancanza di consistenza della concorrenza. Mentre i favoriti al titolo di Milano non hanno mai ingranato per tutta la stagione, la Juventus Torino ha dovuto fare i conti con le detrazioni di punti per problemi finanziari. Anche le due squadre romane non sono state all'altezza del loro ruolo di favorite.

Il Napoli, invece, ha dimostrato di saper giocare una stagione perfetta e di poter perdere ogni tanto. Finora questo enorme dominio in campionato si era visto solo nella Juventus di Torino e nella classe individuale della Vecchia Signora. Ma ora sembra che anche il Sud Italia abbia trovato il modo di marciare con decisione verso lo scudetto.

Già prima della pausa invernale era più o meno chiaro che la SSC Napoli avrebbe vinto il campionato di quest'anno. Anche se tutto era ancora possibile in termini di calcolo, il club, in contrasto con la concorrenza, ha mostrato un'incredibile coerenza fin dall'inizio e ha costruito un comodo vantaggio di punti. Ci sarebbe voluto un miracolo calcistico per porre fine alla favola calcistica della SSC Napoli.

Ora possiamo guardare a ciò che ci riserverà la prossima stagione di Serie A. Dopo tutto, oltre all'Inter, al Milan e alla favorita di sempre, la Juventus di Torino, un'altra squadra è tornata a far parlare di sé.

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 24/05/2023
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,05556 secondi