Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Business e sport: un binomio sempreverde

Nella sfera degli affari così come in quella sportiva, l'una trae continuamente vantaggio dall'altra, creando un legame che ha radici antiche e si proietta con forza verso il futuro. Affrontare il binomio business e sport significa comprendere una simbiosi che non è solo opportunistica od occasionale, ma strutturale e strategica. Il mondo degli affari ha sempre visto nello sport una piattaforma unica per ottenere visibilità, mentre lo sport ha trovato nel business le risorse necessarie per crescere e sostenere il professionismo, stipendi compresi.

La relazione tra sport e aziende

La relazione tra sport e imprese si palesa attraverso dinamiche diverse. Il marketing sportivo, ad esempio, sfrutta la passione che circonda gli eventi per creare legami emotivi con i tifosi sparsi per i quattro angoli del globo. Le aziende investono pesantemente nelle sponsorizzazioni, con lo scopo di associare i propri marchi ai valori positivi dell'agonismo e del gioco di squadra. E lo fanno sapendo che tali valori possono influenzare la percezione del pubblico, aumentando l'awareness e l'esposizione mediatica del proprio brand.

Di conseguenza, questi investimenti non sono semplici manifestazioni di supporto, ma vere e proprie azioni calcolate, sviluppate per potenziare la consapevolezza del marchio e l’engagement del target di riferimento. Inoltre, l'industria dello sport rappresenta un settore economico di notevole entità. Eventi sportivi come le Olimpiadi, i Mondiali di calcio o gli US Open agiscono come autentici moltiplicatori, creando delle opportunità incredibili per il fatturato delle aziende sponsor o partner.

Dal betting online alle app mobile

Anche le piattaforme online svolgono un ruolo importante, per il consolidamento del rapporto tra business e sport. Un esempio lampante viene dato dall'evoluzione delle scommesse sportive: un settore che rappresenta una fetta piuttosto ampia dell'entertainment legato allo sport. Queste piattaforme danno la possibilità di piazzare scommesse su una grande varietà di eventi, e diventano anche un punto di riferimento per gli appassionati sportivi.

Bisogna infatti ricordare che su questi portali si trovano tantissime info utili, dalle quote scommesse alle statistiche e agli approfondimenti sugli extra bonus per gli utenti, come il bonus Bet365 ad esempio. I bonus benvenuto e bonus scommesse sono veramente numerosi, ma questo in particolare è uno dei favoriti dai giocatori. Il bonus Bet365 consiste in un bonus del 100% sul primo deposito fino a un massimo di 100€ per i nuovi clienti. Per ottenerlo, è necessario aprire un conto, effettuare un deposito di almeno 5€, e verificare il conto. Non è necessario inserire un codice bonus specifico durante la registrazione per accedere a questa offerta.

Lo sviluppo tecnologico ha amplificato in modo ulteriore questo fenomeno, con lo streaming degli eventi sportivi in diretta e le app dedicate, che portano l'esperienza sportiva direttamente fra le mani degli utenti.

Il peso del merchandising

Il merchandising sportivo rappresenta un'altra dimensione fondamentale del rapporto tra business e sport. Le maglie, gli accessori e i gadget legati alle squadre e alle società diventano simboli di appartenenza che i fan acquistano ben volentieri. Questi prodotti, oltre a generare vendite dirette, contribuiscono all'immagine e al posizionamento dei club nello scenario internazionale. Un discorso simile vale anche per i token digitali non fungibili, noti anche come NFT.

In certi casi, il merchandising può diventare una fonte di reddito tanto significativa da influenzare le decisioni strategiche a livello dirigenziale, compresa la campagna acquisti. Alcuni esempi concreti? David Beckham e il giapponese Keisuke Honda per il Milan. Di recente, invece, la nuova proprietà a stelle e strisce dei rossoneri ha scelto di puntare su alcuni giocatori statunitensi, come Christian Pulisic e Yunus Musah.

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 26/03/2024
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,41681 secondi