Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

RIFORMA DELLO SPORT. Il Pres. LND Abete fa il punto della situazione

Attraverso una lunga lettera rivolta a tutte le società dilettantistiche, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Giancarlo Abete (foto) ha fatto il punto sulla Riforma dello Sport a seguito dell'incontro dello scorso 18 ottobre con il Ministro dello Sport Andrea Abodi"E' stato un incontro che tutti noi abbiamo ritenuto positivo e che ha ritenuto positivo lo stesso Ministro - si legge - perché si è avuta l'opportunità di rappresentare con determinazione ma con lucidità le problematiche in essere". Nel corso dell'incontro, infatti, sono state affrontare alcune criticità riguardanti la riforma".

"Il primo è quello relativo alle tempistiche rapportate ai contenuti del Decreto correttivo del 4 settembre u.s. (...) In particolare abbiamo richiesto un intervento accelerativo rispetto alla previsione di emanazione entro il 31 dicembre 2023 dei Decreti attuativi per l'individuazione delle mansioni per lo svolgimento di attività sportiva (...). Sempre relativamente alle richieste di iter accelerativi abbiamo evidenziato la necessità di provvedere alla individuazione dei criteri per lo svolgimento di lavoro sportivo in capo a soggetti che risultuino dipendenti di Amministrazioni Pubbliche".

"Per quanto attiene l'adeguamento da parte delle società di attività dilettantistiche dei propri atti costitutivi e statuti ai fini dell'iscrizione al Registro Nazionale delle attività sportive dilettantistiche, abbiamo richiesto la proroga al 31 marzo 2024 del termine già fissato al 31 dicembre 2023, atteso anche il fatto che solo nei prossimi giorni - dopo un attento ed organico esame dei contenuti degli atti costitutivi e statuti - potrà essere formalizzato lo statuto tipo da utilizzare da parte delle Società e Associazioni Sportive Dilettantistiche (...)".

"In relazione al termine del 31 ottobre 2023 fissato per gli adempimenti e per i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti per le collaborazioni coordinate e continuative (limitatamente al periodo di paga da luglio 2023 a settembre 2023) abbiamo richiesto la proroga al 31 dicembre 2023 atteso il fatto che peraltro l'accordo colletivo per i calciatori tesserati - che ovviamente interessa soltato i tesserati in possesso di contratto che sono al momento circa 27.000 rispetto ai quasi 380.000 che fanno riferimento alla sola area dilettantistica - è stato sottoscritto il 28 settembre (...).

"Abbiamo altresì evidenziato la necessità di procedere ad una sanatoria che escluda l'applicazione di sanzione e interessi per eventuali errori e omissioni commessi fino a tutta la stagione sportiva 2023/24 nell'applicazione della nuova disciplina relativa al lavoro sportivo".

"Centrale nell'incontro con il Ministro Abodi, è stato il tema della tutela sanitaria e della sicurezza.
Per quanto riguarda la tutela sanitaria la riflessione emersa è andata nella direzione di poter rendere sufficiente la visita di idoneità agonistica per i lavoratori sportivi che debbano effettuarla e, per gli altri soggetti, limitare detta tutela ad una visita annua a seconda delle mansioni - ritenendo peraltro sufficiente quella già svolta in altra occupazione lavorativa in caso di coincidenza di mansioni (...).
Abbiamo prospettato l'utilità di predisporre l'esenzione totale da tali obblighi da parte delle società ASD/SSD partecipanti a manifestazioni sportive periodiche da noi organizzate, tenuto conto che la loro attività, per quanto riguarda la LND, si svolge all'interno di impianti sportivi che - per essere utilizzati - devono essere omologati nel rispetto dei criteri stabiliti dalle norme federali".

"Facendo riferimento alla parte economica amministrativo-gestionale abbiamo rappresentato al Ministro Abodi che con uno specifico documento avremmo analizzato la proble delle franchigie e delle aliquote contributive. Entro la fine del mese di ottobre potremo avere un primo report che posizionerà i contratti sottoscritti all'interno delle varie aree di riferimento (da 1800 euro annue a 5.000; da 5.000 a 15.000; oltre 15.000) il che ci consentirà un approfondimento organico circa i maggiori costi eventualmente derivati in alcune di queste fattispecie dal mutato quadro normativo che ha previsto la contribuzione previdenziale - seppur ridotta al 50% per 5 anni - oltre 5.000 euro ed ha innalzato peraltro l'esenzione fiscale da 10.000 a 15.000 euro".

"Altro tema approfondito di assoluta primaria importanza è la possibilità di corrispondere ai volontari un rimborso delle spese anche attraverso autocertificazione per una somma pari ad un massimo mensile di euro 400, e ciò anche per i volontari che risiedano nel Comune dove svolgono l'attività. E' un tema per noi di fondamentale importanza al fine di non creare problemi a persone che svolgono la propria attività di volontari per il sistema sportivo".

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 27/10/2023
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,04401 secondi