Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


"Per qualcuno non ce l'avrei mai fatta..." Sensi, da Urbania all'Inter

Il calciatore marchigiano dal Sassuolo approda nel club nerazzurro: "E' un sogno che si avvera"

“È un sogno che diventa realtà”. Stefano Sensi, il calciatore nato ad Urbino ma cresciuto ad Urbania approdato all’Inter dal Sassuolo, non sta nella pelle. Centrocampista classe 1995, Sensi si trasferisce al club nerazzurro a titolo temporaneo annuale con diritto di opzione. Alla società emiliana, che nell’affare prenderà il giovane Marco Sala per 5 milioni, andranno 5 milioni per il prestito, con riscatto fissato a 25.
“Ho fatto chilometri e sacrifici – dice Stefano Sensi - ho sorriso, ho pianto. Ho vinto ma ho anche perso. C'era chi diceva che non ce l'avrei mai fatta. E poi c'è chi ha sempre creduto in me. La mia famiglia, la mia Giulia, il mio agente, i miei amici. Ed oggi sono qui. E sono dell'Inter. E non c'è cosa più bella per me. Raccontare e descrivere quello che sento dentro da qualche giorno, è impossibile. Non ci provo neanche. Non sono bravo a parole, preferisco il campo. Il sogno però è appena iniziato e spero che diventi presto realtà, anzi favola. Perché voglio convincere e poi voglio vincere. Non vedo l'ora di entrare alla Pinetina, sudare la maglia nerazzurra, calpestare l'erba di San Siro. Sono felice”.

In un'intervista a Il Ducato, raccontò di sè, ecco il rapporto di Sensi con la sua città natale... 
"Quando ho qualche giorno libero mi fa piacere tornare ad Urbania, i miei genitori e la mia famiglia sono lì. Ma esco poco, preferisco stare tranquillo con i miei amici, gli stessi con cui giocavo a calcio quando ero bambino. Al massimo ci facciamo una passeggiata o andiamo a bere una cosa al bar".

E Urbino?
"Devo dire la verità, a Urbino ci son stato poche volte. Anche perché quando stavo a Urbania avevo 12 anni ed era un po’ presto per uscire e andare in giro. In questi anni ho avuto modo di visitarla insieme ai miei amici e devo ammettere che è una bellissima città".

Che consiglio daresti a un giovane calciatore dell’Urbania che vuole ripercorrere le tue orme?
"Il mio consiglio é quello di dare sempre il massimo e porsi degli obiettivi. Solo in questo modo si può avere la forza mentale di andare avanti e non arrendersi. Consiglio anche di smettere di usare tutte le tecnologie che sono oggi di moda tra i ragazzi: quando ero bambino io passavo il mio tempo a giocare a calcio in un campetto vicino casa, ora la maggior parte dei bambini sta di fronte a cellulari o nuove tecnologie. Forse questa è stata la mia fortuna: avere un campetto e degli amici con cui giocare".

Pensi che piccole realtà come l’Urbania possano essere bacini di talenti del futuro?
Sicuramente si. Nel caso di Urbania secondo me c’è sempre stato un grosso potenziale, anche quando giocavo io c’erano tanti ragazzi bravi. E ancora oggi credo sia così. Quando torno mi capita spesso di seguire l’Urbania e ci sono ottimi giocatori. Quello che ho fatto io lo possono fare anche loro".

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da Andrea Cesca il 03/07/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



LUTTO. Morto in un incidente l'allenatore Daniele Polselli

SERRA SANT'ABBONDIO. Un tragico fuori strada è costato la vita a Daniele Polselli (foto piccola), noto nel calcio pesarese per essere stato ex calciatore di Serra Sant'Abbondio (squadra del suo paese), Falco Acqualagna, Piobbico e negli ultimi anni allenatore della Frontonese. L'uomo, che avrebbe compiuto 45 anni il prossim...leggi
30/05/2020

Spiraglio Serie D per il Fossombrone!

FOSSOMBRONE. «Il Fossombrone ci sarà, questo mi sento di garantirlo. Non è una situazione facile, c'è tanta incertezza ma noi cercheremo di mantenere lo staff tecnico e i componenti della rosa». Rassicura l'ambiente forsempronese il direttore sportivo Marco Meschini che ha provato a fotografare l'attualità: «La squadra, seppur a rit...leggi
04/05/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

"Maledetta la partita con il Valencia". Il grido di dolore del Bocia

"Vi prego, ve lo chiedo col cuore in mano: salvate Bergamo dal massacro, aiutate i miei concittadini, perché la situazione è drammatica. Non si può accettare che la gente muoia così". Il disperato appello è di  Claudio Galimberti, 46 anni, noto a tutti come il “Bocia“. Da anni &...leggi
24/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

La voce della Laurentina: "La stagione deve chiudersi qui"

"Non ci sono le condizioni per proseguire la stagione regolare: se lo Stato chiude le scuole e le attività non capisco come non si debba fermare anche il calcio dilettantistico". Questa la posizione della Laurentina e di alcune squadre pesaresi. "Qui ci siamo sentiti fra società e siamo d'accordo con questa soluzione - ci dice il dirigente Marco Conti - noi ...leggi
09/03/2020

"Io, allenatore di Senigallia impossibilitato a raggiungere Marotta"

L'emergenza Coronavirus cambia le abitudini, lo stile di vita, il modo di rapportarsi agli altri. Tocca la vita sportiva e familiare di tutti e cambia radicalmente il quotidiano soprattutto in chi vive in provincia di Pesaro, dichiarata 'zona rossa' dall'ultimo decreto del Governo. Qui non si può entrare ed uscire dal perimetro provincia...leggi
09/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

COPPA DILETTANTI. Andata super per il Fossombrone: 2-0 al Tiferno

Tiferno - Forsempronese 0-2TIFERNO: Palazzoli, Catacchini, Bartoccini, Morvidoni, Cangi (16'st Valori), Mariucci, Bruschi, Berettoni (22'st Orlandi), Colombi, Bianchi (22'st Tersini), Alagia. A disp.: Vaccarecci, Mancini, Lavano, Rossi, Baldinelli, Mercuri. All.: TassoFOSSOMBRONE: Chiarucci, Camilloni (50'st Bucchi), Rossetti, Pando...leggi
26/02/2020

Vicenda Martiniello. L'assordante silenzio del Palazzo. VIDEO Mediaset

Calcio marchigiano su tutte le prime pagine di giornali, telegiornali e siti on line, per un episodio non certo edificante: il primo caso nazionale di Daspo comminato ad un arbitro, a seguito dei fatti avvenuti nel dopo partita di Borgo Mogliano – Montottone Grottese, valida per il campionato di Seconda categoria. Tutti ne parlano, ad esempio le maggiori ...leggi
12/02/2020

Ecco le cooperative del gol in Prima e Seconda categoria

Superata la metà della stagione, nei campionati di Prima e di Seconda categoria, è già tempo per stilare i primi bilanci e dare un'occhiata alle statistiche. Prendiamo oggi in esame le reti segnate nei vari gironi, mettendo in evidenza anche le squadre che stanno dimostrando di aver maggior dimestichezza con le reti avversarie. ...leggi
16/01/2020


Dalla 1^ categoria alla Nazionale della Guinea: la storia di Dumbuya

Dal calciotto alla Nazionale del suo paese, passando per la 1^ Categoria di casa nostra. E’ la bella storia di Mohamed Dumbuya, 28enne della Guinea, lo stato dell’Africa occidentale da cui è approdato a Pesaro. La federazione guineiana, saputo che giocava in Italia, ha richiesto i suoi filmati per poterlo convocare in Na...leggi
13/01/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,16274 secondi