Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


"Maledetta la partita con il Valencia". Il grido di dolore del Bocia

Claudio Galimberti, capo ultras dell'Atalanta trapiantato nelle Marche, distrutto per quello che sta succedendo: "Salvate la mia Bergamo dal massacro"

"Vi prego, ve lo chiedo col cuore in mano: salvate Bergamo dal massacro, aiutate i miei concittadini, perché la situazione è drammatica. Non si può accettare che la gente muoia così". Il disperato appello è di  Claudio Galimberti, 46 anni, noto a tutti come il “Bocia“. Da anni è il carismatico capo ultrà della Curva dell’Atalanta, ma qui il calcio c’entra poco. O fino ad un certo punto. Il Bocia, “daspato“ e diffidato fino al 2022 parla dal suo esilio marchigiano dove ha cercato di rifarsi una vita, dopo alcune vicessitudini giudiziarie. Dalle valli orobiche al mare Adriatico, lontano da casa ("Vivo in un peschereccio con busta paga e lavoro fisso, era angosciante stare a Bergamo) ma con il dramma a portata di mano "perché anche a Pesaro i contagiati dal virus sono tanti".

Quotidiani i contatti con la sua terra, con parenti e amici che gli raccontano l’atroce realtà. "Una sofferenza che non si può immaginare - spiega lo storico leader della “Pisani“ - e stiamo purtroppo pagando assurdi sbagli fatti all’inizio. La zona rossa andava delimitata subito così come è stato fatto a  Codogno, invece ora subiamo le conseguenze di questi ritardi. Anche perché le perdite ben oltre quelle riportate dai numeri ufficiali: nelle case di cura ci sono anziani che soffocano in assoluto abbandono... una vera strage di innocenti".

Non si dà pace il Bocia. "Sento tutti i giorni mia sorella, i miei fratelli e i miei nipoti perché è da un mese che non posso salire a Bergamo e loro sono chiusi in casa da 20 giorni: mi raccontano che tanti amici di famiglia, parenti e i conoscenti sono deceduti nel quartiere Aredona, dove sono nato. Abbiamo perso un’intera generazione di anziane, morti fra atroci sofferenze e senza neppure poter salutare o abbracciare per un’ultima volta i propri cari. Persone decedute come se fossero numeri".
Si ferma il capo ultrà dell’Atalanta. Ribadisce che "i bergamaschi sono stati bistrattati e bisognava dare ascolto alle richieste dei primi  cittadini di Alzano e Nembro. E poi oggi ho parlato col sindaco di Gandosso, uno dei più giovani d’Italia...era in lacrime, ha visto morire un ragazzo di 23 anni ricoverato per un incidente in moto e deceduto a causa di coronavirus...".

Di una cosa però il Bocia è sicuro: "Tutto è cominciato il  19 febbraio, la maledetta sera della partita di Champions col Valencia, quella del contagio... Non è un caso che due giorni dopo ci sia stato il primo “positivo“.  Quella sera a San Siro erano in 45mila a sostenere l’Atalanta, tanti del lodigiano visto che abbiamo tifosi a Codogno e Crema. Proprio le zone del più alto tasso di contagio. Non solo: in quel weekend si giocò a Pesaro la FinalFour della Coppa Italia di basket, per me così si spiegano l’altro focolaio a Cattolica".
(fonte Il Giorno)

 

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da Andrea Cesca il 24/03/2020
 

Altri articoli dalla provincia...



Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

La voce della Laurentina: "La stagione deve chiudersi qui"

"Non ci sono le condizioni per proseguire la stagione regolare: se lo Stato chiude le scuole e le attività non capisco come non si debba fermare anche il calcio dilettantistico". Questa la posizione della Laurentina e di alcune squadre pesaresi. "Qui ci siamo sentiti fra società e siamo d'accordo con questa soluzione - ci dice il dirigente Marco Conti - noi ...leggi
09/03/2020

"Io, allenatore di Senigallia impossibilitato a raggiungere Marotta"

L'emergenza Coronavirus cambia le abitudini, lo stile di vita, il modo di rapportarsi agli altri. Tocca la vita sportiva e familiare di tutti e cambia radicalmente il quotidiano soprattutto in chi vive in provincia di Pesaro, dichiarata 'zona rossa' dall'ultimo decreto del Governo. Qui non si può entrare ed uscire dal perimetro provincia...leggi
09/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

COPPA DILETTANTI. Andata super per il Fossombrone: 2-0 al Tiferno

Tiferno - Forsempronese 0-2TIFERNO: Palazzoli, Catacchini, Bartoccini, Morvidoni, Cangi (16'st Valori), Mariucci, Bruschi, Berettoni (22'st Orlandi), Colombi, Bianchi (22'st Tersini), Alagia. A disp.: Vaccarecci, Mancini, Lavano, Rossi, Baldinelli, Mercuri. All.: TassoFOSSOMBRONE: Chiarucci, Camilloni (50'st Bucchi), Rossetti, Pando...leggi
26/02/2020

Vicenda Martiniello. L'assordante silenzio del Palazzo. VIDEO Mediaset

Calcio marchigiano su tutte le prime pagine di giornali, telegiornali e siti on line, per un episodio non certo edificante: il primo caso nazionale di Daspo comminato ad un arbitro, a seguito dei fatti avvenuti nel dopo partita di Borgo Mogliano – Montottone Grottese, valida per il campionato di Seconda categoria. Tutti ne parlano, ad esempio le maggiori ...leggi
12/02/2020

Cossa: "A Macerata gli anni più belli. Pergolese? Che tristezza..."

“Sono due o tre anni che penso di smettere e dico che sarà l’ultimo. Poi durante l’estate, dopo un po’ di riposo, mi riprende la voglia, qualche squadra mi cerca, mi lascio convincere e ricomincio. Finché i numeri ci sono cercherò di tenere botta, anche se il peso degli anni e gli impegni con la famiglia ed il lavoro si fanno sentire”....leggi
10/02/2020

Ecco le cooperative del gol in Prima e Seconda categoria

Superata la metà della stagione, nei campionati di Prima e di Seconda categoria, è già tempo per stilare i primi bilanci e dare un'occhiata alle statistiche. Prendiamo oggi in esame le reti segnate nei vari gironi, mettendo in evidenza anche le squadre che stanno dimostrando di aver maggior dimestichezza con le reti avversarie. ...leggi
16/01/2020

Il Fossombrone alza la Coppa di Eccellenza: battuto il Porto d'Ascoli

Porto d'Ascoli - Forsempronese 1-2SENIGALLIA. Trionfa la Forsempronese nella finale valevole per la Coppa Italia di Eccellenza Marche. Sul campo neutro dello stadio "Bianchelli" di Senigallia gli uomini di Fucili battono il Porto d'Ascoli per 2-1 in una gara emozionante che si &...leggi
15/01/2020

Dalla 1^ categoria alla Nazionale della Guinea: la storia di Dumbuya

Dal calciotto alla Nazionale del suo paese, passando per la 1^ Categoria di casa nostra. E’ la bella storia di Mohamed Dumbuya, 28enne della Guinea, lo stato dell’Africa occidentale da cui è approdato a Pesaro. La federazione guineiana, saputo che giocava in Italia, ha richiesto i suoi filmati per poterlo convocare in Na...leggi
13/01/2020

Fossombrone in testa dopo 10 anni. Fucili: "Obiettivo 40 punti"

Ha il maggior numero di vittorie (9 in 17 gare) ed è per questo che vola al primo posto agganciando l'Atletico Gallo a quota 30. Era da maggio 2009 che il Fossombrone non chiudeva la domenica da capolista del campionato di Eccellenza, ci è riuscito dopo la vittoria s...leggi
13/01/2020

Questa Coppa è un...Fiore all'occhiello del Pole Calcio!

La Coppa di Terza Categoria di Pesaro finisce nella bacheca del Pole Calcio, che nella finalissima disputata oggi pomeriggio al Comunale Cà Gallo di Montecalvo in Foglia supera 1-0 il Babbucce. Un successo meritato per la società di Acqualagna che, nata sei anni fa, vive sul...leggi
11/01/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,12131 secondi