Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Edizione provinciale di Pesaro Urbino


LA STORIA. Michele Luzi: "Il mio anno in Cina ad insegnare calcio"

Il tecnico 41enne di Fossombrone racconta un'esperienza che lo ha arricchito umanamente e professionalmente. Oggi ricopre il ruolo di allenatore di due squadre nel settore giovanile dell’Urbania

Michele Luzi, classe 1978, da Fossombrone alla Cina, con il calcio come filo conduttore. Spinto dalla passione per il mondo del pallone e per quella dei viaggi Michele tra l’Aprile del 2017 ed il Marzo del 2018 è stato protagonista di un viaggio unico nel suo genere, pieno di aneddoti e curiosità che hanno arricchito il suo bagaglio sia dal punto di vista umano, che da quello puramente sportivo. Oggi ricopre il ruolo di allenatore di due squadre nel settore giovanile dell’Urbania calcio e proprio ad Urbania lo abbiamo incontrato per farci raccontare la sua magica esperienza nel mondo cinese.

Allora Michele, cosa ti ha spinto ad intraprendere questo viaggio?
«Principalmente due fattori. La voglia di viaggiare e conoscere nuove culture, e la passione per il calcio. In Italia se non sei stato un calciatore professionista non è semplice riuscire ad allenare ad alti livelli, in Cina invece per gli allenatori europei c’è la possibilità di poter lavorare in un contesto professionistico, con un contratto certo e gratificante».

Di quali canali ti sei servito per trovare questa opportunità?
«Tramite la rete. In internet ho trovato degli annunci di società che cercavano un allenatore, ho inviato il mio curriculum e dopo qualche settimana sono stato contattato, poi un colloquio in inglese tramite Skype ed appena tre settimane dopo ero in Cina».

Una volta arrivato che situazione hai trovato?
«Qualche anno fa ho allenato qualche mese in Russia alla Lokomotiv Mosca ma la Cina è un’altra cosa, in questo Paese così vasto e dalle abitudini e tradizioni completamente differenti dalle nostre non sono mancate le difficoltà, prima fra tutte la comunicazione, quasi nessuno parla inglese, infatti al lavoro avevo il mio interprete personale, poi però ho trovato il modo di farmi capire e le opportunità sono fioccate. Arrivato nella metropoli di ChongQing (città di 35 milioni di abitanti, vasta come tutta l’Austria) è stato un po' come un salto nel vuoto, ma la prospettiva e la curiosità era davvero molta. Ho iniziato facendo il maestro di calcio e di inglese negli asili della città. Dopo appena tre mesi, sono stato contattato per dirigere un summer camp di due settimane a Guanzhou, nel quale ho avuto la fortuna di conoscere e lavorare fianco a fianco con Alessandro Costacurta, uomo immagine della manifestazione e mio “assistente”. Poco dopo mi è giunta una proposta da Bayannur, città a nord della Cina, in pieno deserto del Goby. Qui ho lavorato come insegnate di calcio in una scuola superiore a indirizzo sportivo, in pratica allenavo due squadre, una under 17 ed una under 14. Il contesto in cui lavoravo era splendido. La struttura della scuola era all’avanguardia ed i ragazzi si allenavano due ore alla mattina e due al pomeriggio tutti i giorni tranne la domenica. Con entrambe le squadre ho riscontrato miglioramenti incredibili nel giro di pochi mesi, abbiamo raggiunto anche risultati importanti, riuscendo ad arrivare fino alla finale del campionato con l’U17 e a vincere un torneo a punteggio pieno con l’U14».

Poi, cosa ti ha riportato in Italia?
«Dal punto di vista lavorativo era molto gratificante e stimolante fare l’allenatore in un contesto professionistico, così come era stimolante scoprire ogni giorno qualcosa di nuovo su un popolo così diverso come quello cinese, dallo stile di vita alla cucina, davvero fantastica; dall’altro la distanza dalla famiglia, dagli affetti e dagli amici mi ha spinto a rientrare in Italia dopo un anno, nonostante nella scuola in cui allenavo mi avessero offerto un prolungamento di altri due anni».

Rientrato nel Belpaese Michele non ha tagliato il cordone che ormai lo lega alla Cina. Ha infatti creato una pagina facebook “Allenatori di calcio in Cina” con la quale contribuisce a mandare molti ragazzi italiani a fare la stessa unica ed emozionante esperienza di vita fatta da lui in prima persona.

(FONTE: Il Resto del Carlino)

Print Friendly and PDF


Free Image Hosting at FunkyIMG.com
  Scritto da La Redazione il 20/04/2019
 

Altri articoli dalla provincia...



Spiraglio Serie D per il Fossombrone!

FOSSOMBRONE. «Il Fossombrone ci sarà, questo mi sento di garantirlo. Non è una situazione facile, c'è tanta incertezza ma noi cercheremo di mantenere lo staff tecnico e i componenti della rosa». Rassicura l'ambiente forsempronese il direttore sportivo Marco Meschini che ha provato a fotografare l'attualità: «La squadra, seppur a rit...leggi
04/05/2020

Cellini: "Il calcio regionale saprà rialzarsi ma non sarà come prima"

"Ho letto i numeri e sono consapevole del pericolo che l'emergenza economica lascerà strascichi negativi sulle nostre società". Il presidente della FIGC Marche Paolo Cellini (foto) ha espresso il suo pensiero sulla probabile crisi che investirà lo sport ed il calcio al termine dell'emergenza del Covid-19. "Adesso è difficile...leggi
27/03/2020

"Maledetta la partita con il Valencia". Il grido di dolore del Bocia

"Vi prego, ve lo chiedo col cuore in mano: salvate Bergamo dal massacro, aiutate i miei concittadini, perché la situazione è drammatica. Non si può accettare che la gente muoia così". Il disperato appello è di  Claudio Galimberti, 46 anni, noto a tutti come il “Bocia“. Da anni &...leggi
24/03/2020

Cosimo Sibilia: "Fermiamoci tutti e combattiamo contro il vero nemico"

Pubblichiamo il comunicato del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia (foto), che spiega nel dettaglio le motivazioni che hanno spinto alla decisione della sospensione fino al 3 aprile di tutto il calcio dilettantistico nazionale. "Ritengo doveroso rivolgermi a tutti coloro che, a vario tiolo – calciatrici e ca...leggi
09/03/2020

UFFICIALE. Il calcio dilettantistico si ferma fino al 3 aprile

Adesso è ufficiale. Tutto il calcio dilettantistico e giovanile nazionale resterà fermo fino al 3 aprile: Stop a tutti i campionati dalla Serie D a scendere. L'ufficialità è arrivata nel primo pomeriggio dalla Lega Nazionale Dilettanti attraverso un Comunicato Ufficiale n. 273. Si comunica che il Consiglio Direttivo della Lega Nazion...leggi
09/03/2020

La voce della Laurentina: "La stagione deve chiudersi qui"

"Non ci sono le condizioni per proseguire la stagione regolare: se lo Stato chiude le scuole e le attività non capisco come non si debba fermare anche il calcio dilettantistico". Questa la posizione della Laurentina e di alcune squadre pesaresi. "Qui ci siamo sentiti fra società e siamo d'accordo con questa soluzione - ci dice il dirigente Marco Conti - noi ...leggi
09/03/2020

"Io, allenatore di Senigallia impossibilitato a raggiungere Marotta"

L'emergenza Coronavirus cambia le abitudini, lo stile di vita, il modo di rapportarsi agli altri. Tocca la vita sportiva e familiare di tutti e cambia radicalmente il quotidiano soprattutto in chi vive in provincia di Pesaro, dichiarata 'zona rossa' dall'ultimo decreto del Governo. Qui non si può entrare ed uscire dal perimetro provincia...leggi
09/03/2020

Presidenti, Eccellenza a porte chiuse o stop di un mese?

In base al Decreto di ieri sera del Governo si profila lo stop completo dei campionati dilettantistici fino al 3 Aprile. Una situazione anomala e mai verificatasi, che sta senza alcun dubbio mettendo in difficoltà le società, i calciatori, gli staff tecnici e naturalmente le persone preposte a prendere delle decisioni. Di oggi anche la presa di posizione della...leggi
05/03/2020

Gli allenamenti al tempo del Coronavirus

Quello attuale è certamente un momento storico diverso dagli altri, anche il calcio locale si trova ad affrontare una settimana di sosta dei campionati, dettata dal timore del famigerato Coronavirus. Un stop al calcio giocato che non era in preventivo, ed allora abbiamo voluto tastare il polso di alcune squadre dei principali campionati regionali, al fine di capire come gli allenatori si...leggi
28/02/2020

COPPA DILETTANTI. Andata super per il Fossombrone: 2-0 al Tiferno

Tiferno - Forsempronese 0-2TIFERNO: Palazzoli, Catacchini, Bartoccini, Morvidoni, Cangi (16'st Valori), Mariucci, Bruschi, Berettoni (22'st Orlandi), Colombi, Bianchi (22'st Tersini), Alagia. A disp.: Vaccarecci, Mancini, Lavano, Rossi, Baldinelli, Mercuri. All.: TassoFOSSOMBRONE: Chiarucci, Camilloni (50'st Bucchi), Rossetti, Pando...leggi
26/02/2020

Vicenda Martiniello. L'assordante silenzio del Palazzo. VIDEO Mediaset

Calcio marchigiano su tutte le prime pagine di giornali, telegiornali e siti on line, per un episodio non certo edificante: il primo caso nazionale di Daspo comminato ad un arbitro, a seguito dei fatti avvenuti nel dopo partita di Borgo Mogliano – Montottone Grottese, valida per il campionato di Seconda categoria. Tutti ne parlano, ad esempio le maggiori ...leggi
12/02/2020

Ecco le cooperative del gol in Prima e Seconda categoria

Superata la metà della stagione, nei campionati di Prima e di Seconda categoria, è già tempo per stilare i primi bilanci e dare un'occhiata alle statistiche. Prendiamo oggi in esame le reti segnate nei vari gironi, mettendo in evidenza anche le squadre che stanno dimostrando di aver maggior dimestichezza con le reti avversarie. ...leggi
16/01/2020


Dalla 1^ categoria alla Nazionale della Guinea: la storia di Dumbuya

Dal calciotto alla Nazionale del suo paese, passando per la 1^ Categoria di casa nostra. E’ la bella storia di Mohamed Dumbuya, 28enne della Guinea, lo stato dell’Africa occidentale da cui è approdato a Pesaro. La federazione guineiana, saputo che giocava in Italia, ha richiesto i suoi filmati per poterlo convocare in Na...leggi
13/01/2020

Fossombrone in testa dopo 10 anni. Fucili: "Obiettivo 40 punti"

Ha il maggior numero di vittorie (9 in 17 gare) ed è per questo che vola al primo posto agganciando l'Atletico Gallo a quota 30. Era da maggio 2009 che il Fossombrone non chiudeva la domenica da capolista del campionato di Eccellenza, ci è riuscito dopo la vittoria s...leggi
13/01/2020


Vai all'edizione provinciale
Change privacy settings
Tempo esecuzione pagina: 0,10763 secondi